LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche De Gregori con l'Italia della ramazza la carica dei volontari contro il degrado in citt
Maria Novella De Luca
13 marzo 2017 LA REPUBBLICA



ROMA.

Accade tutti i giorni in tutte le citt. Per protesta, per disperazione, per salvare la bellezza, per non morire, invece, soffocati dalla mondezza. Chiamatela, se volete e per gioco, "Italia della ramazza". La verit invece che, grazie a questo movimento civico, ci sono pezzi d'Italia che vengono sottratti al degrado, che sia un giardino pubblico salvato dalle siringhe o una scuola le cui pareti tornano bianche. Ieri mattina, discretamente, anche un cantante famoso come Francesco De Gregori si unito agli abitanti del suo quartiere per ripulire le strade e le piazze invase da rifiuti e sporcizia, nell'assedio iroso di gabbiani, cornacchie e piccioni. Un quartiere, Prati, ricco e borghese, ma non importa, a Roma la mondezza democratica, ovunque, dal centro dalla periferia. E cos "l'Italia della ramazza" tornata alla luce: ossia migliaia di cittadini riuniti in una galassia di associazioni piccolissime o grandissime, tra condomini, municipi e onlus che tengono ogni giorno pulito il loro pezzo di citt.

Dagli "Angeli della bellezza" a Firenze, duemila volontari che non spalano fango ma ripuliscono monumenti e aree verdi, ai ragazzi di "Pollici Verdi" di Scampia, dalle squadre antigraffiti di Bologna addestrate dalla soprintendenza alla task force per i muri puliti di Milano. Perch un conto la street art, un conto gli sfregi. Un'immenso cantiere di cittadinanza attiva, che racconta un'Italia solidale fatta di famiglie, ragazzi, pensionati, decisi nel loro piccolo a salvare il mondo. C' chi recupera, come a Palermo, antichi mercati, ci sono i detenuti del carcere di Marassi inviati a pulire il torrente Bisagno, i comitati di quartiere che a Roma come altrove cercano di strappare il verde all'incuria, creando a volte incredibili orti e aiuole metropolitane.

Un esercito che si sostituisce per a Comuni inadempienti o con le casse vuote, a servizi giardini sempre pi incompetenti e flagellati dai tagli. Eppure, spiega Rebecca Spritzmiller, fondatrice di "Retake", una delle pi grandi onlus che in Italia si occupano di recupero e di lotta al degrado, noi dobbiamo tenere pulite le nostre citt non soltanto perch le istituzioni non ce la fanno, ma soprattutto perch strade e giardini ci appartengono . bella la storia di Rebecca, docente universitaria americana trapiantata in Italia da oltre trent'anni, che un giorno del 2009 decise di pulire, insieme al figlio, le strade intorno alla sua abitazione nel quartiere Africano a Roma. Da quel giorno, soltanto con il passaparola, il nostro gruppo cresciuto in modo esponenziale, il primo grande raduno per pulire la citt fu nel 2010 a Villa Borghese ed eravamo in 200. Oggi, grazie a Facebook, siamo una community di 40mila persone, siamo in tutta Italia, ma anche in ogni quartiere .

I volontari di "Retake", le cui parole d'ordine sono "lotta al degrado e diffusione del senso civico", si riconoscono facilmente perch hanno la pettorina blu, ma spesso anche perch sono ragazzi e bambini. La pi importante tra le nostre attivit racconta la fondatrice di "Retake" l'educazione civica nelle scuole. Facciamo lezione ai ragazzi di 15mila istituti, con la sponsorizzazione della "Boeing" proprio per trasmettere loro il valore di prendersi cura della loro citt e della loro scuola. E poi usciamo con loro a pulire effettivamente strade, piazze, giardini e monumenti. Ma la galassia del volontariato immensa. A Roma ci sono, addirittura, gruppi di cittadini che asfaltano da soli le buche che bombardano la Capitale, o provano a dare la caccia a roditori e piccioni che infestano cassonetti e marciapiedi. Una lotta quotidiana insomma contro il degrado, la bruttezza e l'incuria.






news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news