LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche De Gregori con l'Italia della ramazza la carica dei volontari contro il degrado in citt
Maria Novella De Luca
13 marzo 2017 LA REPUBBLICA



ROMA.

Accade tutti i giorni in tutte le citt. Per protesta, per disperazione, per salvare la bellezza, per non morire, invece, soffocati dalla mondezza. Chiamatela, se volete e per gioco, "Italia della ramazza". La verit invece che, grazie a questo movimento civico, ci sono pezzi d'Italia che vengono sottratti al degrado, che sia un giardino pubblico salvato dalle siringhe o una scuola le cui pareti tornano bianche. Ieri mattina, discretamente, anche un cantante famoso come Francesco De Gregori si unito agli abitanti del suo quartiere per ripulire le strade e le piazze invase da rifiuti e sporcizia, nell'assedio iroso di gabbiani, cornacchie e piccioni. Un quartiere, Prati, ricco e borghese, ma non importa, a Roma la mondezza democratica, ovunque, dal centro dalla periferia. E cos "l'Italia della ramazza" tornata alla luce: ossia migliaia di cittadini riuniti in una galassia di associazioni piccolissime o grandissime, tra condomini, municipi e onlus che tengono ogni giorno pulito il loro pezzo di citt.

Dagli "Angeli della bellezza" a Firenze, duemila volontari che non spalano fango ma ripuliscono monumenti e aree verdi, ai ragazzi di "Pollici Verdi" di Scampia, dalle squadre antigraffiti di Bologna addestrate dalla soprintendenza alla task force per i muri puliti di Milano. Perch un conto la street art, un conto gli sfregi. Un'immenso cantiere di cittadinanza attiva, che racconta un'Italia solidale fatta di famiglie, ragazzi, pensionati, decisi nel loro piccolo a salvare il mondo. C' chi recupera, come a Palermo, antichi mercati, ci sono i detenuti del carcere di Marassi inviati a pulire il torrente Bisagno, i comitati di quartiere che a Roma come altrove cercano di strappare il verde all'incuria, creando a volte incredibili orti e aiuole metropolitane.

Un esercito che si sostituisce per a Comuni inadempienti o con le casse vuote, a servizi giardini sempre pi incompetenti e flagellati dai tagli. Eppure, spiega Rebecca Spritzmiller, fondatrice di "Retake", una delle pi grandi onlus che in Italia si occupano di recupero e di lotta al degrado, noi dobbiamo tenere pulite le nostre citt non soltanto perch le istituzioni non ce la fanno, ma soprattutto perch strade e giardini ci appartengono . bella la storia di Rebecca, docente universitaria americana trapiantata in Italia da oltre trent'anni, che un giorno del 2009 decise di pulire, insieme al figlio, le strade intorno alla sua abitazione nel quartiere Africano a Roma. Da quel giorno, soltanto con il passaparola, il nostro gruppo cresciuto in modo esponenziale, il primo grande raduno per pulire la citt fu nel 2010 a Villa Borghese ed eravamo in 200. Oggi, grazie a Facebook, siamo una community di 40mila persone, siamo in tutta Italia, ma anche in ogni quartiere .

I volontari di "Retake", le cui parole d'ordine sono "lotta al degrado e diffusione del senso civico", si riconoscono facilmente perch hanno la pettorina blu, ma spesso anche perch sono ragazzi e bambini. La pi importante tra le nostre attivit racconta la fondatrice di "Retake" l'educazione civica nelle scuole. Facciamo lezione ai ragazzi di 15mila istituti, con la sponsorizzazione della "Boeing" proprio per trasmettere loro il valore di prendersi cura della loro citt e della loro scuola. E poi usciamo con loro a pulire effettivamente strade, piazze, giardini e monumenti. Ma la galassia del volontariato immensa. A Roma ci sono, addirittura, gruppi di cittadini che asfaltano da soli le buche che bombardano la Capitale, o provano a dare la caccia a roditori e piccioni che infestano cassonetti e marciapiedi. Una lotta quotidiana insomma contro il degrado, la bruttezza e l'incuria.






news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news