LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PORDENONE - Torre dellorologio? Non una priorit, ci sono altri obiettivi
12 marzo 2017 IL MESSAGGERO VENETO



Detta anche Torre di Sopra, una tipica torre portaia che serviva a difendere l'accesso al paese e in passato era dotata di un ponte levatoio per superare un fosso difensivo. Sulla torre era posta una campanella utilizzata per segnalare l'avvistamento dei nemici e per scandire la vita civile del borgo. La campanella era datata 1474 e venne asportata nel corso della prima guerra mondiale dall'Imperial regio esercito austro-ungarico. Nella stanzetta all'ultimo piano si trova l'antico meccanismo dell'orologio. L'orologio composto da due quadranti uno rivolto all'interno e l'altro all'esterno del paese. La Torre aveva una "sorella" detta Porta di Sotto. Purtroppo quest'ultima non ha resistito alle insidie del tempo ed stata demolita nell'Ottocento.di Miroslava Pasquali wPORCIA La valorizzazione della Torre dell'orologio uno dei simboli della citt non in cima ai pensieri dell'amministrazione guidata da Giuseppe Gaiarin. La giunta ha preferito puntare sul progetto di restauro del parco di villa Dolfin e sull'adeguamento antisismico di Palazzo Remigi, che sar la futura sede della biblioteca comunale. Se anche rientrasse nella scaletta di priorit, tuttavia, l'intervento di recupero del monumento che prevederebbe, tra le altre, la rimessa in funzione del vecchio meccanismo che regola il movimento delle lancette sarebbe costretto a fare i conti con una certa "ritrosia" degli abitanti della zona. Il motivo l'ha spiegato il sindaco Giuseppe Gaiarin in una recente seduta del consiglio comunale, in risposta a un'interrogazione sul tema presentata dalla Lega Nord. Il meccanismo che genera i secondi ha riferito il primo cittadino crea dei "colpi" nelle abitazioni vicine alla Torre, e per questo i residenti ci hanno sempre chiesto di non riavviarlo. Occorrerebbe capire se si pu aggirare la situazione con un congegno che non causi questa vibrazione. Un dettaglio di non poco conto, che si andrebbe ad aggiungere alla lista dei "problemi" che l'amministrazione dovrebbe risolvere per rilanciare la Torre dell'orologio in chiave turistica. S, perch nell'elenco dei nodi da sciogliere snocciolato dal vicesindaco Giuseppe Moras (Pd) compaiono anche la necessit aggiornare gli impianti elettrici esistenti, di ottenere il certificato di prevenzione incendi e di consentire l'accesso alle persone disabili. L'edificio, per il momento, continuer a fungere "solo" da sede e magazzino per le associazioni. Se mai si parte, mai si arriva al traguardo stato il monito che il capogruppo leghista Marco Sartini ha rivolto alla giunta . Basterebbe cominciare dal risanamento dei luoghi, caratterizzati dalla presenza di muffe, e dal trasloco dei volontari. Oppure dalla pulizia della facciata esterna della Torre, che un gruppo di cittadini attraverso i social ha suggerito all'amministrazione per restituire il giusto "decoro" all'edificio. Quando abbiamo invitato il funzionario della Soprintendenza regionale per discutere sul progetto di recupero del parco di villa Dolfin, lo abbiamo condotto in visita alla Torre dell'orologio ha aggiunto il vicesindaco Moras . Il funzionario ha affermato che il monumento non necessita di quella pulizia che qualcuno si era premurato di sollecitare. La Torre pu attendere, cos come sta attendendo il Comune di Porcia di sapere se il suo centro storico dominato dall'orologio, dal castello e dagli altri antichi edifici come Palazzo Remigi sar ritenuto meritevole di entrare nel prestigioso circuito dei Borghi pi belli d'Italia. Un traguardo che la citt sogna per rilanciarsi come importante polo turistico.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news