LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO - Villa Mascagni in vendita, ci sono ancora tanti cimeli del Maestro
11 marzo 2017 IL TIRRENO

Livorno, qui ad Antignano l'artista visse e compose: l'attuale proprietaria racconta aneddoti e ricordi


LIVORNO. Il sogno, sfumato, di trasformare quelle mura dove il genio visse e compose, in una villa-museo dedicata a Pietro Mascagni. Il grande no da parte delle istituzioni del tempo (si parla degli anni ' 60). Oggi quella dimora vista mare, davanti alla Scalinata di Antignano, scrigno di cimeli appartenuti al padre di Cavalleria Rusticana, sente il peso degli anni e torna in vendita.

Mio padre voleva fare di questa villa un museo dedicato a Pietro Mascagni che qui visse e compose, lasciando cimeli, spartiti e corrispondenza: non ce l'abbiamo fatta e da qualche tempo abbiamo deciso, con dolore, di vendere tutto, con i suoi 84 anni Fernanda Fernandez Affricano apre il suo cassetto dei ricordi. Li srotola, insieme ad aneddoti, segreti e dispiaceri.

E' nel "Villino", cos il Maestro chiamava quella dimora comperata nel 1916, che Mascagni compose la colonna sonora del film "Rapsodia satanica", "Lodoletta", l'operetta "S" e l'opera in tre atti "Il piccolo Marat". Mio padre compr questa casa nel 1958, era in condizioni pietose, ci vivevano gli sfollati, era stata depredata e tanti dei mobili originari furono incendiati: fu lui a ristrutturarla, continua l'erede di una delle pi importanti dinastie di imprenditori livornesi, donna appassionata di arte, cultura e del Livorno calcio.

Dietro alla palazzina, dove oggi sono stati ricavati alcuni appartamenti, c'era il garage di Mascagni: l dentro il figlio Domenico sistemava le auto. Quando mio padre ristruttur la villa, trov l dentro montagne di spartiti, corrispondenza e materiale del Maestro: voleva mettere tutto a disposizione del museo che avrebbe voluto realizzare qua dentro, e invece don tutto ad una Fondazione del Nord Italia.

La signora Fernanda racconta una storia che non tutti i livornesi conoscono. Nel salotto, la stanza a lei cara dove passa gran parte del tempo, circondata da cimeli che ricordano il grande compositore che per anni, fino all'estate del 1937, si goduto i tramonti livornesi da quel terrazzino al primo piano. Quella la poltrona del Maestro - e ricorda - Il figlio Domenico in passato, passava da Livorno, veniva qua per fare un saluto al padre, mettendosi a sedere proprio l, e indica la seduta che profuma di "Lodoletta".

Insieme alla poltrona conserviamo del Maestro anche un grande specchio, due vetrinette e un busto marmoreo che in giardino, indica. Per anni non abbiamo mai dato risalto alle origini della villa, per rispettare il volere della figlia di Mascagni - continua - Poi su mia iniziativa, nell'ottobre scorso, sono riuscita con l'associazione Giosu Borsi a far mettere una targa commemorativa per ricordare il maestro: un modo per celebrare un pezzo di storia importante per questa citt e un modo per rendere omaggio a mio padre. Non stata una scelta facile per la signora Fernandez mettere in vendita la villa. Ha affidato l'incarico di vendere un pezzo di storia livornese (di fama mondiale) a Letizia Messina, dell'agenzia immobiliare Cbm: Abbiamo avuto qualche richiesta da Firenze - spiega - Nessuna dalla citt. Si tratta di uno degli ultimi immobili livornesi storici ad avere un passato cos importante.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news