LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ue, mai Paesi di serie A e serie B
16 marzo 2017 LA NUOVA VENEZIA




ROMA No al ritorno di nuovi muri, no a un'Europa di serie A e di serie B, s a un'Europa sociale e solidale, che non lascia soli ad esempio i Paesi in prima linea nella crisi dei migranti: a dieci giorni dall'appuntamento al Campidoglio, dove sar firmata la dichiarazione per i 60 anni dei Trattati di Roma, il premier Paolo Gentiloni lancia il suo messaggio. Che appare anche come un tentativo per ridurre la distanza tra Ovest e Est nella visione sul futuro dell'Unione. Il premier parla dalla plenaria del Parlamento europeo, invitato dal presidente dell'assemblea Antonio Tajani in vista dell'appuntamento di Roma. Parole, le sue, che sembrano puntare a rassicurare i riottosi Paesi del gruppo di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria), contrari all'ipotesi di un'Europa a pi velocit. Una formula che temono possa finire per lasciarli indietro rispetto ai pi forti Paesi occidentali. Non ci sar mai una Unione europea di serie A e di serie B, un'Europa dei piccoli e dei grandi Paesi, un'Europa dell'Est e dell'Ovest, assicura Gentiloni, mentre l'Italia impegnata in prima linea in una difficile opera di limatura sulla dichiarazione che sar presentata a Roma. Un negoziato tuttora in corso per arrivare a un testo condivisibile da tutti i 27 Paesi. Il timore infatti tra gli addetti ai lavori che alla fine alcuni governi, come quello polacco, possano anche decidere di non firmare il testo. Un'eventualit che mostrerebbe in maniera plastica un'ennesima spaccatura all'interno dell'Unione. E proprio a un appuntamento che le forze europeiste vorrebbero invece fosse un momento di rilancio per l'Ue. Il tentativo, dunque, cercare una formula di mediazione, quantomeno lessicale: una marcia indietro sulla definizione di 'Europa a pi velocit, che fa storcere il naso all'Est, anche se si continua a parlare di "cooperazioni rafforzate": vale a dire gruppi di Stati che su alcuni dossier avanzano pi velocemente degli altri. Anche se non ci sono le condizioni per salti istituzionali enormi - sottolinea Gentiloni - alcuni passi avanti possono essere fatti con le cooperazioni rafforzate, come previsto dai trattati. Perch, il ragionamento del premier, un'Europa che rimane ferma un'Europa destinata a tornare indietro. La dichiarazione di Roma, ammette Gentiloni, sar un compromesso tra forze diverse, come sempre, ma dovr rispondere a diverse domande: dalla crescita alla disoccupazione, dalla condivisione degli impegni sulla sicurezza alla gestione comune dei flussi migratori, tema particolarmente caro all'Italia che torna a chiedere di non essere lasciata sola. Senza cedere ai nazionalismi, l'appello lanciato dal premier. Per evitare il rischio di un 1989 alla rovescia: con un ritorno dei muri a 28 anni dalla caduta di quello di Berlino. Per questo, da Pistoia, dove ha preso parte alla cerimonia per Pistoia Capitale italiana della Cultura 2017, presente anche il ministro ai Beni culturali, Dario Franceschini, Gentiloni ribadisce che l'identit non pu essere introiettata verso la chiusura, con un Paese contro l'altro: Guardate alle parole della Turchia contro l'Olanda, non si pu definire nazista una citt come Rotterdam, distrutta dal nazismo.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news