LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"La politica siciliana lasci stare i beni culturali"
di Tomaso Montanari
19 marzo 2017 LA REPUBBLICA



TOMASO Montanari promuove Palermo che riscopre la sua bellezza ma boccia la politica siciliana che controlla i beni culturali e nomina i soprintendenti. Lo storico dell'arte, ieri in citt per presentare un libro di Kals, sostiene la tesi dell'abolizione dell'autonomia in tema di beni culturali ma parla dei fermenti di Palermo come di una prosecuzione della riscossa civile iniziata dopo le stragi del '92.

L'immagine simbolo di Palermo, per lui, il castello della Zisa, ponte fra Oriente e Occidente. Tomaso Montanari, storico dell'arte, dice che per la sua generazione la citt incarna l'anno delle stragi cos come la riscossa che inizi dopo via D'Amelio: un percorso che arrivato alla riscoperta della bellezza di questi anni, ai monumenti che riaprono, al Teatro Massimo aperto alla citt. "La riscoperta della bellezza un'ulteriore tappa di quella rivolta civile. Vedo una citt piena di fermenti, penso a Palazzo Butera acquistato da collezionisti di statura internazionale, penso alle iniziative de "La scuola adotta un monumento". La mia percezione del lavoro della giunta positiva", dice. Palermo promossa, dunque, purch non faccia l'errore di svuotare il centro storico per riempirlo di ristoranti e b&b. Ma il professore boccia l'Autonomia in tema di beni culturali: " inconcepibile che un soprintendente debba dipendere dall'assessore di turno", contesta Montanari.

ANTONIO FRASCHILLA

Boccia la gestione "politica" dei beni siciliani a causa di una riforma, quella sull'autonomia dei musei e dei parchi, poi esportata a livello nazionale dal ministro Franceschini: Non ci sar mai un sovrintendente o un dirigente di museo realmente autonomo se nominato dall'assessore di turno e su questo punto ho una idea radicale: l'Autonomia siciliana andrebbe abolita perch nella gestione dei beni culturali la Sicilia stata avulsa da quanto avveniva nel resto del Paese quando si costruiva una netta divisione tra politica e tutela. Ma promuove Palermo e la riscoperta dei palermitani della loro citt: Vedo un fermento che non trovo altrove, per la mia generazione Palermo simbolo del riscatto del dopo stragi del '92 e la riscoperta della propria bellezza di questi ultimi anni penso sia una ulteriore tappa di quella rivolta civile. Non si pu essere palermitani senza un legame con i monumenti di questa citt, penso ad esempio alla Zisa, che rappresentano un monito di civilt per il mondo: qui l'Oriente e l'Occidente convivono da secoli.

Tomaso Montanari, storico dell'arte e da qualche giorno guida di Libert e Giustizia, ieri era a Palermo per presentare il nuovo volume edito da Kalos sul patrimonio artistico della citt.

Qual la prima immagine che le viene in mente quando pensa a Palermo?

L'immagine di un posto straordinario, sei profondamente in Italia ma sei anche altrove. Una citt in cui vivi in civilt diverse, qui l'Oriente e l'Occidente non sono alternativi. Ma tutto questo bisogna meritarselo. L'ultimo secolo di storia di Palermo ci interroga: davvero ci meritiamo questa storia?.

A cosa si riferisce in particolare?

Il sacco di Palermo indimenticabile come stagione, politico e culturale, e come paradigma della nostra collettiva incapacit di tradurre il passato in futuro. Non solo di tradurre il passato per i nostri figli, ma anche di sapere perch si vive in un certo posto e da dove si proviene per sapere dove si va.

Pensa che la bellezza di Palermo sia stata irrimediabilmente sfregiata?

La bellezza una categoria abusata, politici recenti hanno fatto della bellezza uno strumento di propaganda. Parliamo invece di conoscenza. Palermo un grande libro, nel quale possiamo conoscere noi stessi: le nostre sconfitte, le nostre storie, le nostre vittorie. Palermo un luogo dove si trova la conoscenza di s stessi: per la mia generazione Palermo la citt del dopo stragi e della resistenza alla mafia. Quella dimensione scollegata dalla bellezza o ci ha a che fare? Per me collegata. Quando Sciascia diceva che c'era un rapporto tra il fatto che nel cuore di Palermo poteva sparire una tela di Caravaggio e l c'erano le baracche, faceva un legame verissimo tra cultura, conoscenza e degrado.

Pensa che Palermo abbia messo alla spalle quel periodo nero? Oppure vi rimane indissolubilmente legata?

No, Palermo cambiata dopo le stragi del '92. E Palermo non a caso ha riscoperto la citt monumentale insieme alla rivolta civile di quegli anni. Oggi la vedo come una citt piena di fermenti. La mia percezione del lavoro della giunta positiva, penso alla scuola e alle iniziative "La scuola adotta un monumento". Penso ancora a Palazzo Butera acquistato da dei collezionisti internazionali. Trovo poi il lavoro fatto dal Teatro Massimo molto interessante, con un forte legame con la citt, un teatro aperto. Insomma, Palermo in fermento.

Palermo comunque per certi versi rimane molto indietro, rispetto ad altre realt. Ha avuto il riconoscimento dell'Unesco per il suo centro storico, ma solo da qualche anno stato pedonalizzato.

Siamo uno strano Paese: abbiamo bisogno degli altri per sapere chi siamo, ci hanno dato l'Unesco e siamo contenti. Ma l'Unesco non ha nulla da insegnare in tema di tutela del patrimonio culturale all'Italia. Dopo di ci tutto serve, ben venga quindi il marchio Unesco. Il centro importante, ma attenzione: l'unico rischio che si passi dal degrado a un centro storico vuoto tutto ristoranti e b&b. A Palermo siamo lontani di questo, ma stiamo attenti: i sindaci di Palermo o Napoli non prendano a esempio Venezia o Firenze. Gli Oratori di Palermo con gli stucchi del Serpotta sono vivi e parlano a noi se davanti non ci sono solo turisti, ma anche bambini che giocano a pallone davanti alla chiesa. La risposta deve essere la conoscenza e non l'intrattenimento. Il libro Kalos in questo senso un tentativo di legare cultura e accessibilit al pubblico.

Allargando l'orizzonte alla Sicilia, come giudica la gestione dei beni culturali nell'Isola? Avr seguito le polemiche sui siti in abbandono e affollati di custodi.

Io ho una idea radicale su questo: dovremmo abolire l'Autonomia per quanto riguarda il patrimonio culturale della Sicilia. Le soprintendenze non possono dipendere dalla politica locale soltanto. La Sicilia sempre rimasta fuori dalle politiche nazionali, mi riferisco agli anni d'oro: io oggi ho una idea negativa del ministero dei Beni culturali, ma il modello italiano stato un tentativo di dividere la gestione tecnico-scientifica da quella politica. Trovo incredibile che un assessore regionale possa governare sui soprintendenti. In Sicilia la Regione piuttosto dovrebbe assumere archeologi e storici dell'arte per costruire una comunit forte che curi e gestisca i nostri beni. La politica invece gestisce tutto e il risultato sotto gli occhi di tutti. Ma c' sempre una speranza. I cittadini possono imporre alla politica scelte e decisioni: penso alla battaglia civile per l'istituzione della riserva dello Zingaro, e spero lo stesso possa avvenire per i beni in abbandono nell'Isola.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news