LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Lordine del soprintendente: via le antenne dalle Torricelle
Laura Tedesco
Corriere del Veneto - Verona 21/3/2017

Le emittenti le tolgano a loro spese. Lultimatum di cittadini, comitato e Legambiente

VERONA. Giro di vite per risolvere quello che da oltre mezzo secolo tutti bollano come irrisolvibile caso delle antenne abusive sulle Torricelle.

La novit duplice: da un lato, partita dieci giorni fa da cittadini, comitato e Legambiente una serie di diffide per la rimozione dei ripetitori; in simultanea, il 6 marzo, scattato dal soprintendente Fabrizio Magani lordine di reintegrazione dei luoghi. Un provvedimento, questo, di cui sono destinatarie le emittenti radio e tv: si tratta di una procedura che la soprintendenza per larcheologia, le belle arti e il paesaggio di Verona ha deciso di avviare sulla base dellarticolo 160 del decreto legislativo 42 del 2004 finalizzato alla tutela del patrimonio artistico e architettonico protetto da vincolo di tutela. La questione intricata e ruota attorno alle antenne abusive sulle Torricelle, posizionate da svariate emittenti sulla torre di Radetzky: alle radio e tv coinvolte nella vicenda, Magani ordina di fatto la remissione in pristino, ovvero il reintegro dei luoghi al loro stato originario.

Significa che antenne e tralicci dovranno traslocare. Ma dove? Sulla nuova destinazione ancora buio totale, fatto sta che nel provvedimento della soprintendenza si intima alle emittenti di provvedere a proprie spese a liberare la Torre Massimiliana. Unica scappatoia legale a cui potrebbero ricorrere radio e tv quantomeno per guadagnare tempo, quella di presentare un ricorso al Tar del Veneto contro lordine di reintegrazione.

Ma nel frattempo, per porre fine a quello che definiscono senza mezzi termini lo scempio dei ripetitori sulle Torricelle , hanno appena adottato una nuova iniziativa anche cittadini, comitato e Legambiente,autori di una serie di diffide inviate ad Agenzia del Demanio, Comune di Verona, Soprintendenza, Regione Veneto, Ministero dello Sviluppo Economico, Agsm: a tutti loro, si intima di rimuovere in via definitiva tralicci e antenne dallintera zona, ponendo definitivamente fine agli abusi edilizi e paesaggistici l in atto da decenni.

Ad aver predisposto le diffide stato lavvocato Maurizio Sartori e lobiettivo, spiega il presidente del comitato Marco Caltroni, unicamente quello di stimolare le istituzioni ad attivarsi nel rispetto della legge assumendo immediatamente ogni provvedimento di carattere sospensivo e ripristinatorio diretto a far cessare gli abusi e ottenere il ripristino ambientale, monumentale, paesaggistico urbanistico ed edilizio del sito. Oltre a Caltroni, a battersi per salvare le Torricelle dalle antenne sono anche il Consiglio Direttivo e gli aderenti al comitato costituito ad hoc , Legambiente Verona guidata da Chiara Martinelli, gli avvocati Vincenzo Todesco e Luca Tirapelle.

Ma cosa prevedono le diffide agli enti? Se resteranno senza risposta, presenteremo contro i soggetti inottemperanti un ulteriore esposto denuncia in procura per il reato di omissione in atti dufficio, avvertono gli attivisti. Ovviamente, non assumeremo iniziative nei confronti della soprintendenza da cui appena scattato lordine di reintegrazione dei luoghi con cui, di fatto, si attesta che si tratta di manufatti abusivi e in quanto tali - puntano il dito i cittadini - totalmente fuorilegge.

Neppure la procura scaligera, comunque, sta a guardare. In corso gi dal 2016 c infatti la quarta inchiesta e stavolta a occuparsi del rebus antenne il pm Gennaro Ottaviano. A far aprire a questultimo un fascicolo stata una segnalazione del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza ed proprio a tale indagine che stata accorpata la denuncia firmata a febbraio 2017 da cittadini ed ambientalisti. In passato vennero aperte ben tre inchieste, la prima risale addirittura al 1984 e fu coordinata dallallora procuratore Guido Papalia. Nel 2000 ad aprire una seconda inchiesta fu lallora pm scaligero Fabrizio Celenza, mentre nel 2004 ad avviarne una terza fu il pm Paolo Sachar: fin sempre senza colpevoli, ma non c 3 senza 4. E questultima aperta.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news