LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Cogea, ancora polemica: la tutela di Tor Maggiore sacrificata dallamministrazione comunale di Pomezia?
http://www.ilcorrieredellacitta.com/ambiente/cogea-e-ancora-polemica-la-tutela-di-tor-maggiore-e-sta

Sabato 18 marzo scorso il rappresentante dellAssociazione Latium Vetus intervenuto allassemblea pubblica convocata dallamministrazione comunale di Pomezia presso la scuola De Andr di Roma 2 per il tanto agognato confronto pubblico sulla questione dellimpianto per la lavorazione di 60.000 ton/annue di rifiuti organici proposto da Cogea s.r.l. in localit Tor Maggiore, nel lotto limitrofo a quello del grande complesso medievale.
Dispiace rende noto il rappresentante Giacomo Castro attraverso un comunicato stampa dover constatare, e chi ha avuto modo di assistere allincontro ha avuto modo di rendersene conto di persona, la netta chiusura delle posizioni gi dalle prime battute dellevento; a partire dalla distribuzione di un volantino a firma della Citt di Pomezia inneggiante ad una Vittoria per tutti i cittadini con lo stralcio (finora ipotetico) della porzione di lavorazione del biogas. Ma dov questa vittoria? Noi purtroppo vediamo (e nessuno potr smentirci) il rischio sempre pi concreto che venga realizzata nel territorio di Pomezia una centrale per la lavorazione di migliaia e migliaia di tonnellate annue di rifiuti organici, che verranno trasportati e lavorati da altri luoghi nel nostro territorio, nel lotto limitrofo a uno dei gioielli culturali di Pomezia come il complesso duecentesco di Tor Maggiore. Proprio questa amministrazione comunale di Pomezia appena due anni fa siglava con lAssociazione Latium Vetus e lUniversit La Sapienza di Roma la convenzione Salviamo Tor Maggiore! per perorare il recupero, il restauro e la valorizzazione del complesso medievale, ma oggi invece sembra dimenticarsene.
E bene inoltre prosegue Castro ricordarci che nel mezzo di un confronto purtroppo assente ci sono le paure e le ansie dei cittadini di Pomezia per la loro salute e per come verr tutelato lambiente dove essi vivono e posseggono la propria casa e a questi intendiamo rivolgerci consigliando a ciascuno di approfondire questa tematica e di farsi una propria idea relativamente a questo importante banco di prova amministrativo. Come noto, Associazione Latium Vetus ha seguito la vicenda relativa alla Cogea fin dalle primissime battute, cinque anni or sono, e da sempre il suo latteggiamento stato il medesimo, di totale contrariet ad un progetto reputato assolutamente preoccupante sia per il posizionamento dellimpianto nei pressi delle industrie a rischio di incidente rilevante, Eni e Liquigas, sia per la vicinanza della centrale alle case sparse e al quartiere di Roma2, ma anche per la tipologia dei rifiuti che questa andr a trattare, cio fanghi da depurazione e ceneri della lavorazione industriale (altro che rifiuti alimentari!), per i volumi di traffico che si riverseranno sulle arterie locali gi congestionate e inoltre per la dequalificazione ed il degrado che si ripercuoteranno intorno ad un monumento unico e irripetibile come Tor Maggiore, da sempre al centro dellimpegno volontario di Associazione Latium Vetus.
Non quindi solo una questione relativa alla presenza o meno del cosiddetto biogas, poich sono molte
e gravi le criticit del progetto! spiega Castro La posizione di Associazione Latium Vetus non muta oggi e non muter domani in base a convenienze politiche, unitamente allimpegno volontario dei propri attivisti, che in questi anni si sono sempre spesi in maniera costante e nel farlo, importante precisare, hanno sempre cercato di fornire tutto il supporto possibile allattuale amministrazione comunale di Pomezia, contro impianti mostruosi come quello proposto e a vantaggio del compostaggio domestico e di comunit. Nel 2014, oltre alla ratifica della convenzione, lAssociazione Latium Vetus stata promotrice della raccolta di 4.817 firme di altrettanti cittadini che chiedevano la tutela di Tor Maggiore nella campagna I luoghi del Cuore del F.A.I. Fondo per lAmbiente Italiano,. E stato un momento costruttivo che ha portato alla redazione da parte dellUniversit La Sapienza dello studio di fattibilit per il progetto di restauro del complesso medievale, citato anche allinterno della delibera contro la Cogea approvata allunanimit dal consiglio comunale di Pomezia il 14 ottobre 2014.
Ma quindi cosa successo da allora? E innegabile che qualcosa sia cambiato. Nel 2015, lAssociazione
ha inviato al Sindaco di Pomezia ben tre richieste di rinnovo della convenzione Salviamo Tor Maggiore!, nessuna delle quali ha ottenuto risposta (la convenzione infatti poi scaduta il 30 novembre 2015 senza essere stata rinnovata). Contemporaneamente lAssociazione inviava alla giunta e ai consiglieri comunali la proposta sottoscritta da ben 27 associazioni di Pomezia ai fini della ratifica della richiesta di apposizione di un vincolo culturale indiretto sullarea della centrale; proposta tuttavia mai appoggiata. Infine, nello scorso mese di novembre, lassociazione ha richiesto che lelaborato R.I.R., utile per valutare la compatibilit urbanistica delle aree nei pressi delle industrie R.I.R. e di imminente approvazione da parte del consiglio comunale, fosse ratificato con prescrizioni restrittive applicando il principio di precauzione, ma anche questa stata una proposta vana.
Perfino lultimissima proposta del Comitato No Biogas Pomezia, di modifica del Regolamento Edilizio
(ovvero di Igiene e Sanit), esperimento gi riuscito nei comuni di Fiumicino e Fara in Sabina con
lintroduzione di distanze minime delle industrie a serio impatto ambientale dalla case sparse e dai centri abitati, non ha ottenuto alcuna risposta dai referenti politici prosegue il rappresentante di Latium Vetus Il tratto distintivo dellamministrazione comunale di Pomezia in questa vicenda stata lassenza di riposte alle nostre proposte. Siamo ancora una volta qui a chiedere quindi ai rappresentanti politici che siedono nel consiglio comunale di Pomezia di non abbandonare il complesso medievale di Tor Maggiore al suo triste destino, in un area di lavorazione dei rifiuti e di affrontare la questione Cogea con maggiore ascolto delle istanze che giungono dal territorio. LAssociazione Latium Vetus continuer a rimanere al fianco dei cittadini e a portare avanti con la massima energia la battaglia a favore della tutela della salute dei cittadini, della salvaguardia dellambiente e del patrimonio culturale, e lo far in tutte le sedi opportune rivolgendosi anche agli altri organi istituzionali capaci di fermare questo inaccettabile progetto.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news