LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCALEA-Laeroporto sul letto del fiume. Gli ambientalisti: Una speculazione, fermatevi
Giuliano Foschini
www.eddyburg.it, 22/03/2017

La Regione Calabria finanzia uno scalo fra la Riviera dei Cedri e la costa di Maratea. Italia Nostra e Legambiente presentano una denuncia al Ministero dellAmbiente: Non potr mai funzionare, rischioso e contro le leggi. la Repubblica online, 22 marzo 2017 (p.s.)


Scalea. Politici e imprenditori da mesi non parlano daltro: Costruiremo strade e alberghi. Villaggi turistici e stabilimenti balneari. Grazie al nuovo aeroporto porteremo i turisti di tutto il mondo nelle nostre meraviglie, dicono. Ed effettivamente non hanno tutti i torti: perch chi mai atterrer a Scalea, Calabria, un passo dalla Riviera dei Cedri e dalla costa di Maratea, lo far proprio allinterno di una di quelle meraviglie, il letto del fiume Lao, dove da quasi un anno stanno realizzando la nuova aerostazione.

Per crederci basta guardare le foto dallalto che Italia Nostra e Legambiente hanno scattato e inviato allautorit giudiziaria, alla Regione e al Ministero dellAmbiente per denunciare lassurdit di questo aeroporto che non potr mai funzionare, contro ogni legge e mette tutti a rischio: serve soltanto per far guadagnare soldi pubblici a imprenditori e non solo, spiega Renato Bruno, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle che da mesi sta conducendo una battaglia contro la realizzazione dello scalo.

Le parole di Bruno non sono casuali. Perch due milioni di soldi pubblici sono gi stati spesi, lo scalo chiss se mai aprir ma certamente qualcuno ci ha gi guadagnato: la ndrangheta. Unultima inchiesta della procura Distrettuale antimafia di Catanzaro ha documentato come Luigi Muto, figlio del boss Franco, pretendeva una tangente dello 0,7 per cento del finanziamento pubblico intascato dal gruppo Barbieri. E - cos per lo meno si evince dalle intercettazioni - Barbieri pagava.

Tant che in azienda si meravigliano del fatto che arrivi una seconda richiesta estorsiva: quando i dipendenti trovano una bottiglia piena di benzina e un accendino davanti al cantiere prima provano a non fare la denuncia (Queste sono cose di cui mi occupo io e basta!! Non se ne deve occupare nessun altro, sono cose che faccio io!!...perch io ce sono da cinquant'anni in questa cazzo di terra e sono cazzi miei queste cose qua, ok??!.. grida Barbieri al socio che premeva per installare la videosorveglianza al cantiere), e poi costretti dal passaparola portano una copia della denuncia proprio al boss, per dimostrare che era contro ignoti.

Ora al di l dellinteresse della ndrangheta per lopera, resta da capire se davvero un aeroporto in un fiume potr mai aprire. La questione, come sempre in questi casi, da un punto di vista burocratico assai complessa. La pista (lunga poco meno di duce chilometri e larga 30) stata realizzata nel 2001 quando stata creata laviosuperficie che fino a qui ha ospitato aerei leggeri o al massimo scuole di paracadutismo. Qualche tempo fa si decide per di fare il salto di qualit: utilizzando i fondi europei viene appaltato in project financing la realizzazione di un vero e proprio aeroporto.

Il pubblico mette sul piatto due milioni di euro, il privato ne promette circa cinque e in cambio intasca la gestione dello scalo per i prossimi 25 anni. Faremo decollare charter turistici e compagnie aeree regionali, atterreranno aerei anche con 200 persone spiegano dalla ditta Barbieri che ha vinto il bando. Un anno fa partono i lavori per realizzare terminal, strade, in attesa di ottenere dallEnac, lente nazionale civile, le abilitazioni per fare atterrare un certo tipo di aerei. Arriveranno mai? Certamente dicono dallazienda. Sarebbe una follia incalzano gli ambientalisti. Secondo lautorit di Bacino denuncia il presidente regionale di Legambiente, Francesco Falcone, si tratta di unarea soggetta ad alluvione e quindi in grado di dare problemi allincolumit delle persone.

E una zona naturale di interesse comunitario, tutelata da Bruxelles, con lerosione del suolo richia di mangiarsi tutto dicono quelli di Italia nostra.Si sta creando un caso sul nulla rispende per lingegner Alberto Ortolani, amministratore delegato della societ Aeroporto di Scalea. Non c nessun pericolo idrogeologico, il fiume ha la giusta distanza, la autorizzazioni sono a posto dal 2001 quando fu creata laviosuperficie, ora stiamo realizzando soltanto le infrastrutture attorno Ma ci sar una differenza se fare atterrare un superleggero o un charter? No, dice Ortolani. Una posizione che non convince tanto ambientalisti, 5 Stelle e ora anche ministero dellAmbiente che, dopo la denuncia di Italia Nostra, ha chiesto chiarimenti alla Regione Calabria dando di fatto una sorta di stop ai lavori.
Ci sono dei ritardi, vero, difficilmente si far tutto entro il 2017 quando era previsto. Ma stiamo lavorando, il via libera dell'Enac soltanto una formalit, ce la faremo giura Ortolani, battezzando cos il primo aeroporto anfibio del mondo.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news