LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASABLANCA- in pessime condizioni il Guercino ritrovato in Marocco
Stefano Luppi
www.ilgiornaledellarte.com, 23/03/2017

La Madonna in trono e i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo, rubata nel 2014 a Modena e recuperata a Casablanca lo scorso febbraio, presenta danni su un terzo della superficie



in una condizione drammatica, con cadute e sollevamenti di colore sul 30% della superficie dipinta, il Guercino di Modena. Il dipinto, raffigurante la Madonna in trono e i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo (1628-30), rubato dalla centralissima chiesa di San Vincenzo nellagosto 2014 e ritrovato dalla polizia giudiziaria marocchina nello scorso febbraio in un quartiere periferico di Casablanca, dunque sfregiato e compromesso. Servir un lungo e approfondito restauro quando la tela, oggi sotto sequestro ed esposta in una sala della Prefettura di Casablanca, rientrer a Modena: lo hanno detto tutti gli esperti contattati dalla Gazzetta di Modena che due giorni fa in esclusiva ha pubblicato la prima immagine relativa alle condizioni dellopera.
Secondo il restauratore Bruno Zanardi Le cadute di colore sono molto evidenti: occorrer risarcirli grazie a una integrazione ben fatta, a imitazione del vero. Auspico per che nellintervenire non si cada in un fraintendimento storicistico secondo il quale le lacune non vanno integrate per mantenere memoria di questo furto. Vittorio Sgarbi invece interviene provocatoriamente: Vorrei dare un consiglio ai ladri che non sanno nulla e hanno creato danni intollerabili al Guercino. Studiando limmagine pubblicata dalla "Gazzetta di Modena" noto che i ladri marocchini hanno arrotolato la tela con il colore allinterno: stata una scempiaggine perch chi capisce solo un minimo sa che le tele si arrotolano con il colore allesterno. E stato un errore davvero fatale e lo si vede chiaramente dalle piegature orizzontali della tela. Per fortuna le cadute di colore non interessano i visi delle figure.
Nei giorni scorsi gli stessi poliziotti autori del salvataggio dellopera di Modena hanno raccontato al sito web marocchino www.telquel.com la vicenda relativa alla individuazione e recupero dellopera. Abbiamo identificato il ladro dellopera e si tratta di un cittadino marocchino presente in Italia. Sappiamo tutto di lui, ha il profilo di un immigrato ordinario, ed fuori dal Marocco dal 2015. Gli arrestati sono lavoratori comuni che volevano arricchirsi rapidamente, non dotati di grande ingegno.
Quando ha capito di essere vicina al Guercino, la polizia marocchina ha ingaggiato un esperto che, in coppia con un giovane agente, si spacciato per lemissario di un ricco collezionista di Casablanca che avrebbe comprato lopera per circa un milione di euro in contanti (10 milioni di dirham locali). Perch loperazione fosse credibile, spiegano ancora i poliziotti africani, abbiamo fornito al nostro agente anche una preziosa Mercedes e dato sempre appuntamenti ai ladri in alberghi di lusso. Il blitz finale, con gli arresti, scattato il 15 febbraio. Attualmente siamo in contatto con le autorit italiane e lambasciata per il rimpatrio dellopera.
LInterpol e le polizie di Italia e Marocco sono ora sulle tracce di un quinto uomo oltre ai quattro gi arrestati.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news