LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Bargello chiuso: Incredibile
Chiara Dino
Corriere fiorentino 25/3/2017

Tutti fuori alle 14: lo stop pomeridiano del museo diventa un caso internazionale

Il Bargello il pi bel museo di sculture al mondo, incredibile trovarlo chiuso. A parlare non un turista deluso ma Philip Rylands, direttore della collezione Guggenheim di Venezia che a causa dei pochi custodi che costringono il museo a restare aperto solo met giornata, non ha potuto visitarlo.

Il Bargello il pi bel museo di sculture al mondo e ho trovato incredibile, oggi, (ieri per chi legge ndr .) dopo le due, trovarlo chiuso. Non siamo noi a dirlo, anche se lapprezzamento per una collezione che comprende non solo capolavori noti come il Bacco e il Tondo Pitti di Michelangelo ma anche altre opere straordinarie, pur se meno emblematiche, condivisibile: si pensi solo, al Ritratto di Battista Sforza di Laurana , la Dama col mazzolino del Verrocchio, le Sale dei Della Robbia. Laffermazione, si diceva, non nostra, ma di Philip Rylands , direttore della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, arrivato ieri a Firenze per partecipare a un incontro organizzato dal museo Marino Marini per parlare di 25 anni di relazioni stabili tra lo stesso Guggenheim e le imprese. Un incontro a cui con Rylands cerano presenti la direttrice del Marino Marini Patrizia Asproni e Michela Bondardo che, di questa e partnership tra Guggenheim e imprese, stata a suo tempo la regista.

Il cortocircuito tra argomento dellincontro si parlava di efficienza, visione manageriale nella gestione dei beni culturali, spirito di servizio nei confronti dei visitatori e reale condizione di un gioiello del nostro patrimonio artistico, chiuso per mancanza di personale, stato evidente. Un cortocircuito che stato lo stesso Rylands a evidenziare: dicendo: La riforma Franceschini ha cercato di fare qualcosa per invertire la rotta, ma se le cose stanno cos, se il pomeriggio un museo come il Bargello chiuso, io sono contento di lavorare per il privato. La riforma Franceschini prevede unautonomia parziale i musei autonomi, possono gestire la maggior parte dei loro introiti, l86,4 per cento, ma il personale dipendente dello Stato e nel caso del Bargello questa non servita ad aumentare il numero dei custodi.

Proprio parlando al Corriere Fiorentino , mesi fa, la direttrice Paola DAgostino che ieri sera abbiamo cercato senza riuscire a trovarla, aveva spiegato che i cinque musei da lei diretti (insieme con il Bargello ci sono Orsanmichele, le Cappelle Medicee, il Museo di Palazzo Davanzati e quello di casa Martelli) avrebbero bisogno di 85 unit di vigilanza per avere orari di apertura normali mentre ci sono solo 42 custodi. Una situazione di grossa criticit. Il risultato che sul suo sito ufficiale sta scritto: Il museo chiuso la seconda e la quarta domenica di ogni mese e aperto la prima, terza e quinta; chiuso il primo, terzo e quinto luned di ogni mese, aperto il secondo e il quarto. E ancora: Il museo aderisce alle prime domeniche del mese di apertura gratuita. Gi capirci qualcosa e memorizzare il tutto, per organizzare eventuale visita complicato. Inoltre nei giorni in cui aperto, a meno che non ci siano particolari appuntamenti pomeridiani, lorario delle visite compreso tra le 8,15 e le 14.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news