LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Agrigento, matrimoni nella Valle dei Templi? La proposta 5stelle va respinta
di Manlio Lilli
IL FATTO QUOTIDIANO | 27 marzo 2017


Alcune coppie, anche dallestero chiedono di potersi sposare avendo come sfondo una delle nostre meravigliose location. Vogliamo sfruttare fino in fondo questa possibilit che, se sapientemente sviluppata, porterebbe posti di lavoro in citt, prima richiesta dei nostri concittadini. Lart. 3 d. P.R. 3 novembre 2000, n. 396, recita 1. I comuni possono disporre, anche per singole funzioni, listituzione di uno o pi separati uffici dello stato civile. 2. Gli uffici separati dello stato civile vengono istituiti o soppressi con deliberazione della giunta comunale. Il relativo atto e trasmesso al prefetto. Dunque, le cerimonie civili potrebbero essere celebrate al di fuori degli uffici comunali. Attraverso lattivazione di convenzioni con Ente Parco (zone del Parco archeologico), Tempio di Vulcano anche raggiungibile con ferrovia, Consorzio provinciale (Orto botanico), Fai (Kolimbetra), demanio marittimo (spiagge), museo Griffo (sala del Gigante), chiese sconsacrate,e si potrebbe avviare un indotto dedicato ai matrimoni e alle unioni civili che porterebbe posti di lavoro nel settore della ristorazione, accoglienza, organizzazione di eventi, noleggio auto, composizioni floreali e tanto altro. Marcella Carlisi, consigliere comunale del M5s di Agrigento firmataria nei giorni scorsi della mozione non ha dubbi, Unoccasione da prendere al volo che, speriamo, la nostra amministrazione non si faccia scappare.

Il wedding tourism in crescita, ma impone le sue leggi. I luoghi pi suggestivi sono fondali da mettere a profitto. Vuoi mettere la bellezza di sposarsi nella Valle dei Templi? Indimenticabile! Unico! Quindi perch mai non liberalizzare luso dei monumenti? Anche per sposarsi, dopo aver, in altre occasioni, bevuto proprio l laperitivo pubblicizzato anche in tv e dopo aver cenato per levento di una multinazionale. Sono in tanti a pensarlo. A credere che si debba sfruttare la fortuna di avere cos tanti monumenti. Come se templi, aree archeologiche, palazzi e chiese non potessero di per s bastare.

Mi spiego. Perch mai non ci si pu accontentare della fruizione turistica? Perch la semplice osservazione, la sola vista non ritenuta pi di alcun significato? Anzi, sembra che tutto ci non venga quasi pi contemplato. Quanto in questo modo di intendere, non solo i monumenti della Valle dei Templi, ma lintero patrimonio, incida la vecchia idea che i Beni culturali siano il petrolio italiano, evidente. E cos che si sfruttano le risorse invece di utilizzarle. Verrebbe da dire, invece di valorizzarle. Unidea, quella del petrolio, che tanti disastri ha provocato e molti altri minaccia di farne.

Senza contare un altro elemento, tuttaltro che trascurabile. Lusura che comporta un utilizzo di tal tipo dei monumenti. Usura certa, che non sembra compensata dai benefici incerti. Con questo non si propone una fossilizzazione della Valle dei Templi e neppure di altri monumenti, ma un uso quantomeno consapevole.

Bisognerebbe rafforzare il ruolo dei monumenti. Farne degli autentici brand. Evitando di svilirli a fondali da set cinematografici. Per questo c da sperare che la mozione del M5s venga respinta.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news