LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Centro del restauro quattro laboratori per candidare la caserma Redi
VALERIA STRAMBI
30 marzo 2017 la Repubblica

FIRENZE capitale mondiale del restauro. Non pi solo un'idea. Il sogno nato dopo la grande alluvione del '66, che in un solo colpo spazz via libri, dipinti e sculture, ma che contribu anche alla nascita di maestranze in grado di mettere in salvo quei capolavori, potrebbe presto diventare realt. La citt si ufficialmente candidata a ospitare il quartier generale del progetto europeo E-RIHS (European Research Infrastructure for Heritage Science), la prima infrastruttura di ricerca per la scienza applicata al patrimonio culturale che coinvolge 18 paesi dell'Ue, pi altri 11 stati e 80 istituti. E ieri, nella Sala capitolare della Caserma Redi che dovrebbe diventare la casa' da cui s'irradieranno tutte le altre reti stato dato ufficialmente il via alla fase preparatoria, che durer tre anni, da qui al 2019. Poi il verdetto di Bruxelles, cui spetta l'ultima parola.

Il progetto guidato dal Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche), ha il patrocinio del Comune di Firenze e Regione Toscana, oltre al supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, che si impegnata ad acquistare e a mettere a disposizione la Caserma Redi, nel caso Firenze diventi la sede permanente. Lo scopo di E-RIHS costituire un'unica infrastruttura di ricerca all'avanguardia a livello mondiale in materia di patrimonio culturale, naturale e archeologico ha spiegato Massimo Inguscio, presidente del Cnr ci saranno laboratori e centri distribuiti in tutta Europa che offrano accesso a strumentazioni di alto livello scientifico, metodologie innovative e banche dati. Archeologi, storici dell'arte, paleontologi, ma anche fisici, chimici e informatici, potranno cos lavorare gomito a gomito, ma anche a distanza. E-RIHS sar organizzata in quattro piattaforme. Ci sar il "Molab" per gli strumenti mobili per analisi non invasive sul patrimonio, il "Fixlab" costituito da grandi infrastrutture come sincrotroni, sorgenti di neutroni, acceleratori per datazioni e caratterizzazione dei materiali d'interesse, l'"Archlab" che comprende archivi fisici in gran parte inediti contenuti in musei, gallerie e istituti di ricerca europei, e infine il "Digilab" per l'accesso diretto a banche dati e biblioteche digitali. Siamo determinati a fare tutto quello che alla nostra portata per riuscire ad avere qui il centro E-RIHS ha affermato il sindaco, Dario Nardella Firenze rappresenta un ecosistema ideale: qui abbiamo l'Opificio delle Pietre Dure, abbiamo decine e decine di restauratori, abbiamo l'eccellenza dei nostri centri di ricerca, e soprattutto abbiamo una proiezione internazionale che ci viene riconosciuta. Vogliamo a Firenze l'ospedale mondiale dei Beni culturali.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news