LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, nella Casa di Sirico i calchi dimenticati di Fiorelli Nuovo tour per il Lupanare
ANTONIO FERRARA
30 marzo 2017 la Repubblica


ADAGIATI su un cristallo, i tre calchi che Giuseppe Fiorelli realizz a partire dal 3 febbraio 1863, i primi in assoluto, hanno una nuova, definitiva sistemazione all'interno del museo diffuso che sono gli Scavi di Pompei: il triclinio della Casa di Sirico, appena aperta al pubblico dopo un intervento di restauro e di messa in sicurezza, realizzato con il Grande progetto Pompei diretto dal generale Luigi Curatoli. Prende cos forma il nuovo progetto firmato dal direttore della soprintendenza Massimo Osanna per arricchire la visita alla citt sepolta: riportare, dove le condizioni di sicurezza lo permettono, i calchi, ma anche altri reperti, negli edifici dove furono scoperti. Un'inversione di rotta: dall'archeologia che toglie alla musealizzazione che mette. Nell'allestimento, progettato dall'architetto Paolo Mighetto, ecco i tre calchi come sospesi nel vuoto. Furono eseguiti da Fiorelli nel vicolo degli Scheletri, presso le Terme Stabiane: una volta individuata la cavit nel corso dell'esplorazione, l'archeologo, estratte alcune ossa, invece di procedere negli scavi fece colare gesso liquido nella cavit e aspett che si indurisse, cos come aveva gi fatto per poste e finestre. Poi, molte ore dopo, rimosse il materiale vulcanico ed emerse la figura di un uomo: assieme a lui altri tre calchi femminili. Il maschio adulto era alto per l'epoca - spiega Osanna - forse uno schiavo, portava anche un anello di ferro. Accanto a lui, i resti di due donne, un gruppo familiare, forse gli abitanti della Casa di Sirico. Questi calchi hanno una storia incredibile: nel 1863 suscitarono grande emozione e interesse. Esposti poi da Amedeo Maiuri nell'Antiquarium degli scavi, furono danneggiati dai bombardamenti alleati del 1943, ridotti in frammenti e messi a deposito nelle Terme del Sarno. Li abbiamo restaurati 70 anni dopo col Grande progetto, e dopo la mostra nella piramide all'Anfiteatro, iniziamo ora a rimettere i calchi nei luoghi di rinvenimento, dove possibile.

Il nuovo allestimento consente ai visitatori di guardare i calchi dall'esterno del triclinio, che ha finestra e porta chiusi da vetrate per assicurare la migliore conservazione. Ecco una figura pi piccola, forse una figlia, e poi una donna, la madre: portava un cassetto con preziosi, recuperato nel XIX secolo e conservato al Museo archeologico nazionale di Napoli. La Casa di Sirico ha due accessi: uno su via Stabiana, uno sul vicolo del Lupanare. Non era mia stata aperta alla visita, presenta un imponente esedra, una stanza per il pranzo che conserva un'eccezionale parete affrescata in altezza: al centro tre quadri mitologici ispirati alla guerra di Troia e al culto di Ercole: "Teti nell'officina di Efesto", "La costruzione delle mura di Troia con Apollo e Poseidone" ed "Eracle alla corte della regina Onfale". Rifatte le coperture, direttrice dei lavori Annamaria Mauro, stato recuperato anche il forno domestico con macina (Una casa autarchica, che si faceva il pane da s ha detto Osanna). Nel corridoio di ingresso la scritta a mosaico Salve lucru( m), "Benvenuto guadagno!". Era chiusa invece dal terremoto del 1980 la Casa dell'Orso ferito: prende il nome dal mosaico oggi protetto da un vetro che raffigura l'animale sanguinante, colpito da una lancia: sopra l'iscrizione di saluto Have. Sar aperta alla visita appena sar posizionata una passerella sopra il pavimento mosaicato dell'atrio che conduce al giardino con fontana, decorata con Venere e Poseidone.

Ma l'intera Regio VII, il cuore degli scavi, quella tra il Foro e le Terme Stabiane, a ritornare visitabile. Riaperto uno degli itinerari pi battuti dalle guide turistiche: quello che dalla via della Fortuna e dalla Casa del Fauno scende lungo il vicolo Storto, passa davanti al panificio di Popidio Secondo con cinque macine, di nuovo visitabile, arriva sul vicolo degli Augustali e poi gira verso il Lupanare. Qui, la soprintendenza ha deciso di riorganizzare i flussi di visita all'antica casa di tolleranza: si entrer dal vicolo del Balcone pensile e si uscir sul vicolo del Lupanare, con due opzioni: andare a destra verso via dell'Abbondanza o a sinistra verso via della Fortuna. La messa in sicurezza ha riguardato anche le colonne del Tempio di Giove che si apre sul Foro, cerchiate con acciaio inox brunito per mitigarne l'impatto visivo.

Gli interventi del Grande progetto assicura il generale Curatoli - si concluderanno a dicembre 2018, faremo altri lavori con i risparmi di gara.

Restituiamo un'altra parte di Pompei negata dal terremoto del 1980 conclude Osanna, che il 6 e 7 tiene agli scavi un convegno internazionale sul restauro della citt, concluso dal ministro Dario Franceschini.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news