LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un patrimonio da 3,3 miliardi con troppi "proprietari" ancora in attesa dei mecenati
DANIELE AUTIERI
30 marzo 2017 la Repubblica



QUANTO vale il patrimonio artistico e culturale romano? 3,3 miliardi di euro. La risposta secca, elaborata dalla Cisl di Roma Capitale e Rieti, e annunciata ieri dal suo segretario generale, Paolo Terrinoni, equivale a un allarme su quanto ancora questo patrimonio potrebbe dare alla citt.

E mentre la stessa Cisl denuncia un taglio pari all'11% sulla spesa inserito nel bilancio di previsione 2017-2019 del Campidoglio, la citt si difende come pu, mettendo sul mercato la sua sconfinata ricchezza artistica, archeologica e culturale.

Scendendo nello specifico dei 3,3 miliardi di euro calcolati dal sindacato, si scopre che solo alcuni dei monumenti pi rappresentativi raccolgono ogni anno incassi per diverse decine di milioni. A guidare la classifica, stilata dal ministero dei Beni e delle Attivit Culturali, il Colosseo che, unito al parco archeologico dei Fori Romani e al Palatino, il monumento pi ammirato d'Italia, con 6,4 milioni di visitatori e incassi annuali per 45 milioni di euro.

Castel Sant'Angelo ha invece incassato nel 2016 5,5 milioni di euro, grazie agli ingressi pagati da circa un milione di persone, mentre 3,3 milioni di euro sono stati gli incassi registrati dalla Galleria Borghese. Per spiegare il peso delle attrazioni romane su scala nazionale, i tre siti occupano alcune delle prime posizioni nella top ten italiana dei maggiori incassi.

Tornando alla classifica della Capitale, a seguire si trovano il Museo nazionale romano (339mila ingressi e 1,2 milioni di incassi), gli Scavi di Ostia Antica (316mila ingressi e un milione di incassi), e le Terme di Caracalla (268mila ingressi e 996mila euro di incassi).

Ed proprio su questo tema che si inserisce il dibattito riservato al Pantheon, rilanciato ieri in occasione della tavola rotonda sulla cultura organizzata dalla Cisl, tra il vice sindaco Luca Bergamo e il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini.

Mentre Bergamo si confermato contrario all'introduzione di un biglietto d'ingresso, Franceschini ha ribadito le grandi potenzialit economiche del monumento. Il Pantheon ha ricordato il ministro il monumento con pi visitatori in Italia, circa 7 milioni di persone entrano gratuitamente ogni anno. Se mettiamo un biglietto minimo di 2-3 euro vuol dire che se anche calano le visite, ci sarebbero 15 milioni di euro per sistemarlo e restaurarlo, e il 20% andrebbe al fondo di solidariet nazionale per i poli che non hanno risorse.

L'introduzione di un ipotetico biglietto per visitare il Pantheon apre la strada a un nuovo modello di gestione del patrimonio artistico, l'unico in grado di rispondere alle esigenze di una rete di musei, monumenti, eventi che necessitano di pi fondi e di pi investimenti.

L'ingente patrimonio artistico e archeologico della capitale ha commentato Paolo Terrinoni non valorizzato, sia per motivi di governance che di risorse. Roma, oltre ai musei civici, ha un patrimonio la cui propriet divisa tra enti pubblici, privati e Vaticano. Una suddivisione articolata che non facilita strategie di insieme . Nonostante questo, gli ultimi dati pubblicati dal Mibact confermano che il Lazio (di cui il mercato romano occupa la quota principale) stata nel 2016 la regione italiana con il numero pi elevato di visitatori nei musei (19,6 milioni), seguita da Campania (8 milioni), Toscana (6,3 milioni), Piemonte (2,4 milioni).

Stesso discorso vale per l'industria del cinema che ha nella regione il principale polo su scala nazionale. Sono infatti 1.768 le imprese del settore audiovisivo con sede nel Lazio, seguite dalle 1.308 della Lombardia e dalle 332 del Piemonte.

Alla spinta dei visitatori e del mondo produttivo, si aggiunge poi quella pi ampia dei turisti che oltre ai poli museali portano denaro nel pi vasto mercato della cultura che va dagli spettacoli teatrali agli eventi. Nel 2016 rileva la Banca d'Italia i turisti hanno speso 6,1 miliardi di euro a Roma, quasi il doppio dei 3,4 miliardi spesi a Milano e dei 3,1 miliardi di Venezia.

Il mercato c', ma va alimentato con un'iniezione di capitali che potrebbe almeno in parte arrivare anche dall'art bonus, le agevolazioni previste dal ministero per i privati che si impegnano a restaurare il patrimonio artistico italiano. Qualcosa in questo senso stato fatto, ma le domande sono poche per una citt come Roma, e il business dell'arte e della cultura attende ancora il mecenate che lo faccia esplodere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news