LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UDINE - La riforma
24 marzo 2017 il messaggero veneto


La Provincia ha concluso il restauro conservativo della facciata storica (prospiciente via Ciconi) dell'istituto professionale Ceconi di Udine (foto), prospetto sud della gi scuola di arti e mestieri Giovanni da Udine. L'intervento (510 mila euro con fondi Bei) ha riguardato la rimozione e successiva installazione di nuovi serramenti in legno secondo le disposizioni della Soprintendenza ai beni culturali, il rifacimento di alcune sezioni degli intonaci, la pulizia e conservazione degli elementi in pietra artificiale, e alcuni interventi localizzati per il miglioramento del sistema di deflusso degli scarichi interni. I serramenti sono stati rifatti in analogia rispetto all'esistente valorizzando cos l'estetica e rispettando la tipologia costruttiva. Il complesso e, in particolare, il fronte edilizio di via Ciconi stato dichiarato di "Interesse culturale" con decreto del Ministero per i beni e le attivit culturali del 22 settembre 2009. Questa parte, infatti, era stata realizzata su progetto dell'architetto Antonio Measso nel 1915 mentre pi recente la porzione di costruzione posta tra via Foscolo e via Manzoni. La facciata prospiciente la roggia risulta essere in gran parte realizzata in pietra artificiale ed alcune parti in conglomerato cementizio che si compongono insieme costituendo un corpo solidale. A detta degli esperti, la lavorazione attuata per ottenere le parti in pietra artificiale e il loro inserimento in fase costruttiva, costituiscono uno dei pochi esempi di notevole valore artistico-realizzativo presente a Udine. L'idea progettuale, di grande impatto visivo, si sommata alla capacit di comporre in fase esecutiva i vari elementi che costituiscono la trama architettonica, attraverso una perizia esecutiva molto avanzata e raffinata. Oggi, alle 9.15, nell'aula magna di via Manzoni in programma la cerimonia di fine lavori alla presenza del dirigente scolastico Giovanni Francois, del presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini e dell'assessore all'edilizia scolastica Carlo Teghil. Seguir un convegno di studi organizzato in collaborazione con l'Ordine degli architetti della Provincia di Udine e la Soprintendenza del Fvg Analisi, tecniche e materiali nel restauro conservativo. Apriranno i lavori il soprintendente Corrado Azzollini e il Rup del progetto, Sergio Contardo (servizio edilizia Provincia di Udine).di Giacomina Pellizzari I primi nodi sono gi venuti al pettine. Il trasferimento delle scuole superiori all'Unione dei Comuni Friuli centrale presenta il conto: l'Uti approver il bilancio a maggio e quindi non ha a disposizione i soldi per pagare gli stipendi ai 30 dipendenti che dall'1 aprile ricever dalla Provincia. Nello stesso periodo non potr sostenere neppure le spese di riparazione degli eventuali guasti nei 130 edifici dove, da Tarvisio a Lignano, gravitano circa 22 mila studenti. Detta in altri termine significa che, al momento, l'Uti non pu pagare il personale e, tanto meno, l'intervento di riparazione se per caso si rompe un tubo in un qualsiasi istituto scolastico tra quelli ricevuti in dote da palazzo Belgrado. Siamo di fronte, insomma, ai consueti lacci e lacciuoli che rallentano l'avvio delle riforme. E cos quella che doveva essere una visita di cortesia, per il presidente dell'Uti Friuli centrale Furio Honsell, si trasformata in una richiesta di collaborazione istituzionale. Honsell, ieri, ha chiesto a Fontanini la disponibilit a pagare, fino all'approvazione del bilancio dell'Uti, le eventuali spese di manutenzione nelle scuole e gli stipendi dei tecnici che gestiscono i lavori. Ma il presidente leghista, da sempre contrario alle Uti, ha risposto picche: Giuridicamente - spiega - non possiamo coprire spese assunte da altri enti. La Regione ha disatteso il nostro invito e, ora, questo atteggiamento presenta il conto. Ieri, la giornata del presidente dell'Uti iniziata prestissimo. Alle 9, Honsell ha incontrato i dirigenti scolastici di Udine, i quali non hanno mancato di presentargli una lunga lista di necessit. Raccolte le istanze dei presidi, il sindaco di Udine accompagnato dal segretario generale di palazzo D'Aronco, Carmine Cipriano, dall'assessore all'Istruzione Raffaella Basana, e dal dirigente dell'Uti Luigi Fantini, si diretto in Provincia. Sono andato a illustrare a Fontanini - chiarisce - l'accordo siglato luned, a dirgli cosa era successo e, per quanto riguarda gli aspetti contabili, gli ho proposto l'armonizzazione dei bilanci. Gli ho chiesto se la Provincia pu continuare a pagare gli stipendi e le eventuali manutenzioni fino a quando non saranno perfezionati tutti i passaggi. Gli ho fatto questa proposta perch per legge alcune utenze restano ancora a carico della Provincia. Da una prima stima, solo per il personale, la Provincia dovrebbe tirar fuori una cifra che potrebbe oscillare tra 100 e 150 mila euro. Scontata la risposta di Fontanini che non vedendo l'ora di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, si limitato a confermare la collaborazione garantendo la copertura fino al 30 giugno, delle spese telefoniche, di eventuali forniture, dei costi delle pulizie e delle polizze assicurative. Altre voci - continua il presidente di palazzo Belgrado - non trovano spazio nel nostro bilancio. Noi, per il personale, abbiamo disponibilit fino al primo trimestre 2017, ovvero fino al 31 marzo proprio perch dall'1 aprile non saremo pi responsabili della gestione. Giuridicamente non possiamo coprire spese assunte da altri enti. Fontanini ricorda, inoltre, che queste criticit non si sarebbero verificate se la Regione avesse accolto la nostra richiesta di proroga della competenza fino al 31 agosto. Detto tutto ci, il presidente di palazzo Belgrado prende tempo e resta in attesa della risposta del Tar sul ricorso che l'ente di piazza Patriarcato ha presentato contro la nomina del commissario per la stesura del Piano di subentro in materia di edilizia scolastica. Il verdetto dovrebbe arrivare il 7 maggio. La Regione poteva prevedere una ulteriore deroga rispettando la legge costituzionale 1/2016 che legittima l'operativit della Provincia fino al 2018, e le istanze dei sette sindaci che chiedevano di posticipare il passaggio alla fine dell'anno scolastico. Solo in questo moto l'Uti sarebbe risultata immediatamente efficiente, insiste Fontanini secondo il quale la Regione scarica la responsabilit ad altri senza metterli nelle condizioni di essere operativi. Fontanini fa notare, infine, che entro il 30 giugno la propriet degli edifici scolastici dovr passare ai Comuni i quali subentreranno nei contratti delle utenze e assicurativi. Stiamo parlando di un centinaio di plessi. I Comuni sono pronti a tutto questo?, si chiede ancora il presidente di palazzo Belgrado.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news