LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grande Delitto Culturale: come snaturare i palazzi storici
di FRANCO MIRACCO
30 marzo 2017 la Nuova Venezia


L'INTERVENTO

Il Fai e le Assicurazioni Generali, quelle che per distintivo hanno il leone di San Marco; il Fai e il Fontego dei Tedeschi che per il momento Dfs, ovvero venditore di "prodotti di alta qualit per viaggiatori internazionali". Si tratta di due episodi emblematici nella Venezia del secondo decennio del XXI secolo. Emblematici in quanto vi si vedono all'opera alcuni profanatori di edifici storici, indiziati di forte partecipazione al Grande Delitto Culturale di rito veneziano. Un crimine cui concorrono in molti, e tuttavia il crimine si fa pi inquietante quando l'esito di inconsapevolezza, che diviene insopportabile insipienza in chi nulla sa delle "cose" di cui diventato improprio proprietario. Cacofonia che, nel caso, pi che giustificata. Il Fai, che da anni conduce una magnifica "macchina" per una integrale tutela e corretta gestione di beni culturali e paesaggistici, si era reso benemerito nel 2011 con il recupero e "la riconsacrazione" del Negozio Olivetti, capolavoro di Carlo Scarpa, orrendamente umiliato dalle insipienti Generali che lo dettero in affitto per essere punto vendita di chincaglieria turistica a Piazza San Marco. Un disgusto che, per la verit, pose le Generali in anticipo sui tempi, dato che ora, tra la Piazza e le Mercerie, si va di male in peggio ogni giorno. Sul genere, vetrine che neanche in periferia di cos villane e noiose (ovunque borse strazianti, maschere anche a ferragosto e gelati dai colori surreali). In occasione delle giornate Fai di primavera, le Generali, nel tentativo di entrare "nel giro della cultura", hanno aperto al pubblico il secondo piano di Palazzo Morosini in campo Santo Stefano. Sconcerto e raccapriccio per chi si lasciato andare ad una visita che, grazie al Fai,ha reso pubblico l'imbarazzante sconcio compiuto soprattutto in quella che un tempo, forse, si chiam Sala Rossa, l dove probabilmente Francesco Morosini raccolse opere d'arte, cimeli guerreschi e peloponnesiaci. In antico, in pi di un palazzo veneziano, si us arricchire la sommit delle pareti di alcune stanze dando loro il ruolo di Sancta sanctorum di imprese artistiche volute per illustrare, nello splendore, la magnificenza dei proprietari. Ed nella Sala nota come Sala Rossa che i Morosini di campo Santo Stefano alzarono un fregio composto da una serie di dipinti estremamente interessanti, di sicuro ancora inediti in quanto non rientrati fino ad ora negli interessi di approfonditi studi storico-artistici. I dipinti in questione sembrano "cose" create tra la fine del Cinquecento e i primi anni del Seicento, e dire questo gi un azzardo, non essendoci, pare, pubblicazioni in merito. Attribuzioni? Alcune sembrano opere d'ambito veneziano (bottega di Palma il Giovane? O di chi altri?), per le rimanenti si potrebbero forse cogliere ascendenze emiliane o veronesi o prossime ad un classicismo post-caravaggesco? Chiss. Non c' dubbio per che si di fronte ad un ciclo importante, in cui per pi di un'opera l'artista o gli artisti si ispirarono alle Metamorfosi di Ovidio. Ebbene, qual il crimine compiuto? Sul soffitto della Sala, quasi ad accecare il sottostante fregio dei dipinti, sono stati grossolanamente appiccicati lunghi tubi (al neon sembrerebbe) dalla luce inaccettabile. Lunghi tubi come forse non venivano usati nemmeno per officine e garage nei difficili anni Cinquanta. Per carit di patria, tralasciamo di rivolgerci per un'imbarazzante spiegazione alle locali Soprintendenze del Ministero guidato da Dario Franceschini. Ma c' di che riflettere per davvero su quanto avvenuto, avviene e avverr nell'impressionante e dilagante affare dell'albergheria turistica, che lo strumento principe del Grande Delitto Culturale in corso a Venezia mediante lo snaturamento di tanti palazzi storici: Hotel dall'incerto lusso. Tra l'altro,tutto ci alla faccia dell'Unesco e dei suoi patrimoni dell'umanit. Nel resto delle sale del fu Morosini ci sono, oltre al grande affresco di Jacopo Guarana, ornati di Giuseppe Borsato e un fregio con figurine forse attribuibili al giovane Hayez e stucchi e decorazioni tra il tardo barocco e il neoclassicismo. Ma che dire delle sale arrangiate con bric--brac da interior design per "promotion" disordinate, con poltrone, tavoli, quadri, buttati l a casaccio, cio sfalsati o giustapposti senza senso alcuno con il contesto culturale preesistente.E l'effetto quello di un brutto addirittura peggiore del brutto dei cosiddetti "salotti buoni" del generone romano o del brutto delle tavernette, che fanno tanto "villa" tra un paesone e l'altro dalle nostre parti. In breve, con l'arredo non si esce mai dal guazzabuglio e dal ridicolo. Di qui un rassicurante dubbio: pu darsi che il Fai, nel partecipare all'apertura al pubblico di Palazzo Morosini,abbia inteso farci avvicinare al brutto per una sorta di didattica punitiva. Insomma, alla ricerca di una redenzione sulla dura "via di Damasco" per chi desidera approdare al bello nonostante il brutto, che poi la vera grande missione del Fai.Del perch dell'accostamento Fontego dei Tedeschi e Fai si dir pi sotto, ma ci che conta che, da meno di un anno, il secolare edificio stato maltrattato per accogliere un fasto da duty free dove, recuperando vecchie e immortali cattiverie di Arbasino, "non si capisce bene dove finisce il prezioso e dove comincia il cencioso". Resta indimenticabile un intervento di Mario Piana pubblicato dalla "Nuova Venezia" nel 2012,a proposito del progetto di ristrutturazione e "restauro" del Fontego. Alcune delle preoccupazioni di Piana: "La demolizione di un'intera falda del tetto per ricavare una terrazza affacciata sul Canal Grande... accompagnata dall'innalzamento di qualche metro del tetto centrale in metallo e vetro di fattura ottocentesca... la collocazione di scale mobili... che violerebbero, stravolgendoli, spazialit e valori formali della straordinaria architettura". Per chi conosce i magistrali restauri compiuti nel corso degli anni da Mario Piana, pu bene intendere il significato della seguente sensibilit pianesca nei riguardi di ci che non dovrebbe andar perduto nel Fontego, duty free per carovane di cinesi imbarcate al Tronchetto: "I bancali lapidei colmi di graffiti: nomi, sigle, segni distintivi di mercature, simboli religiosi, scacchiere per il gioco, eccetera, incisi nel corso dei secoli dai mercanti tedeschi". Gi, i graffiti sui bancali, ossia sui parapetti che si affacciano sullo sconvolto cortile interno, ma che sono diventati, i bancali, delle bancarelle per merci varie sotto cui assai difficile scorgere i venerabili graffiti. vero, lungo la sua plurisecolare storia il Fontego ha conosciuto diversi utilizzi e trasformazioni, ma ci che era sopravvissuto consent al grande storico dell'architettura Manfredo Tafuri di riconoscervi ancora "il suo cortile vagamente all'antica e l'arcaica tonalit vitruviana della sua disposizione". Che precisamente quello che andato distrutto per sempre. Ma perch il Fai? Il Fai per le prossime giornate di primavera potrebbe inserirsi nel duty free ex Fontego per portarvi dei visitatori consapevoli allo scopo di vedere i graffiti di cui sopra,con in pi la visita allo splendido affresco dipinto nel 1959 da Giuseppe Santomaso sulla parete dell'ufficio dell'allora direttore delle Poste, che l ebbero la loro sede. L'affresco, dai colori caldi e dall'impianto spazialistico-astratto con accenni agli strumenti delle moderne comunicazioni, si trova in un negozio del secondo piano. A futura memoria di una committenza pubblica tutta da elogiare. Ci che seppe fare in bene nel Fontego un direttore delle Poste di sicuro non convenzionale, non riuscito nemmeno lontanamente a proprietari miliardari e ad archistar. P.S. Si letto sulla "Nuova Venezia" di futuri progetti per il recupero e il restauro filologico dei Giardini Reali che le Assicurazioni Generali vorrebbero realizzare. Ci auguriamo sia cos, nella speranza anche di una meticolosa opera di sorveglianza da parte della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news