LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Dpef 2006-2009) Documento di programmazione Economico-Finanziaria
www.camera.it


Il Consiglio dei Ministri, nella riunione del 15 luglio 2005, dopo ampia ed approfondita relazione del Ministro delleconomia e delle finanze, Siniscalco, ha approvato il Documento di programmazione economica e finanziaria, che introduce la manovra di finanza pubblica 2006-2009.(file in formato .pdf).



Il DPEF ha una struttura coerente con quella del Programma nazionale di Stabilit, redatto in base alle regole del nuovo Patto europeo di stabilit e crescita ed indica alcune linee di intervento necessarie per dare impulso alla crescita economica del Paese.

Nel DPEF, il Governo stima che lattuale fase di ristagno non durer a lungo e quindi per il 2006 e il 2007, in linea con la Commissione europea e in modo prudenziale, prevede una crescita intorno all1,5%, lievemente superiore alla crescita potenziale.

Su questa ipotesi, lindebitamento passer dal 4,3% del 2005 al 3,8% del 2006 e al 2,8% del 2007 rispetto al PIL, mentre il rapporto debito/PIL scender dal 108,2, rispettivamente al 107,4 e 105,2 per cento, in linea con la raccomandazione allItalia approvata dal Consiglio dei ministri economici e finanziari (Ecofin) del 12 luglio scorso.



Le specifiche azioni per dare impulso alla crescita economica saranno analizzate nellambito del processo di Lisbona e presentate nel Programma nazionale per la crescita e loccupazione e dovranno essere basate su cinque classi dinterventi:

1) potenziamento delle infrastrutture del Paese;

2) liberalizzazioni nel mercato dei prodotti e soprattutto nei servizi;

3) alleggerimento del carico tributario sul prodotto e sul costo del lavoro delle imprese;

4) difesa del potere dacquisto delle famiglie;

5) proseguimento nellaggiustamento strutturale del bilancio pubblico, tenendo in considerazione il ciclo economico e la qualit della finanza pubblica.

Le linee programmatiche saranno riflesse nella legge finanziaria per il 2006.

Nella discussione di oggi alla Camera (28 luglio 2005) il realtore per la maggioranza, Ettore Peretti dice.
"Per quanto concerne il rapporto debito pubblico-PIL, il quadro programmatico presentato dal Governo prevede nel 2006 che il rapporto torni a scendere rispetto al valore raggiunto nel 2005, che era pari al 108,2 per cento, al 107,4 nel 2006, al 105,2 per cento nel 2007, al 103,6 per cento nel 2008 e al 100,9 per cento nel 2009.
Secondo il documento la riduzione del debito sar realizzata prevalentemente attraverso l'avanzo primario dei conti pubblici e la crescita del PIL. Un contributo aggiuntivo costituito dai proventi delle privatizzazioni del patrimonio pubblico.
Il DPEF per gli anni 2006-2009 non fornisce indicazioni sulle operazioni di privatizzazione da effettuare nel periodo considerato, limitandosi a specificare che le vendite di asset del settore pubblico andranno interamente a riduzione del debito o al finanziamento di altri asset strategici per lo sviluppo. "

Ribatte ANTONIO POTENZA delineando un qadro assia negativo e dicendo che "Inoltre, per ci che riguarda le privatizzazioni, il Governo ne prevede un'accelerazione nel corso dei prossimi tre anni, per abbattere il debito pubblico. Vi , dunque, da dire che sparito qualsiasi riferimento quantitativo ai futuri introiti provenienti dalle privatizzazioni, quelli che garantiscono la discesa dello stock del debito pubblico."





news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news