LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Con quei bambini la Puglia dice no al sopruso del gas"
GIULIANO FOSCHINI
02 aprile 2017 LA REPUBBLICA

bastato poco perch in tanti si chiedessero: "Ma come, proprio lui che la Tap l'ha voluta?". La domanda l'abbiamo girata al presidente Vendola.

"Proprio io, esatto. Il perch non lo dico io, ma scritto nelle carte: a questo progetto noi abbiamo sempre detto no".

Partiamo del principio. Quando ha sentito parlare per la prima volta del progetto Tap?

"Siamo nel 2006. La cosa che oggi trovo pi odiosa che si classifichi la protesta della popolazione salentina contro Tap come se si trattasse di un'insorgenza periferica della cosiddetta "sindrome di Nimby" (ovvero: non nel mio cortile!). La Puglia non pu essere rappresentata come la terra del rifiuto della modernit o che insegue l'idillio bucolico. La Puglia conosce, frequenta e sperimenta la modernit. E abbiamo cominciato a farlo proprio in quel 2006, quando la risposta che abbiamo detto pi spesso, in tema di futuro, stata s".

S alla Tap appunto.

"S alle energie alternative. S all'eolico, s al fotovoltaico, il nostro unico no di principio stato sul nucleare, e nel 2006 la Puglia era a rischio visto che si parlava di report dell'Enea che indicavano la nostra regione come potenziale sede. Abbiamo detto no ai rigassificatori perch pensare a un conglomerato classificato come a rischio "di incidente rilevante" era un ulteriore e inaccettabile sfregio a un territorio che gi tanto aveva pagato nel corso degli annni. E per venire alla domanda: s, eravamo disponibili anche ai gasdotti. Ma la localizzazione di Melendugno l'abbiamo sempre ritenuta irricevibile".

Ma sempre stata la sola.

"Questo dovete chiederlo al governo. Ci stato chiesto: siete disponibili ai gasdotti? E noi lo eravamo, perch sarebbe stato folle non esserlo. Ma davanti le mie giunte hanno messo sempre due paletti, come premessa: la validazione tecnico-scientifica delle opere che vengono proposte e la validazione democratica. La validazione del consenso. Su Tap noi abbiamo avuto un progetto preliminare e poi".

Poi?

"Poi non ci hanno dato pi la possibilit di esprimerci. O peggio ci ascoltavamo ma i nostri pareri non contavano nulla. Hanno cambiato persino le leggi per togliere alla Regioni ogni possibilit di dire la propria. L'elenco dei pareri negativi lunghissimo".

Anche quelli positivi.

"In realt l'unico e solo yes man stato il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, quello che avrebbe dovuto difendere pi il territorio. Ha espresso parere negativo il ministero dei Beni culturali. Noi abbiamo detto no. Il pi grande esproprio che Governo e Tap stanno facendo di tipo democratico. I loro sono solo atti di autorit con sullo sfondo opacit da pelle d'oca, come quelle che si intuiscono leggendo l'inchiesta dell'Espresso".

Perch non a San Foca?

"Perch la vocazione di quel territorio un'altra".

Dove allora? Perch non avete proposto alternative in questi dieci anni?

"Perch non toccava a noi fare una proposta alternativa. Ma possibile che una multinazionale, che investe 45 miliardi di euro, presenti un solo sbocco al suo progetto?".

Che risposte si dato?

"Questa cosa non l'ho mai capita. E' un mistero. Anche perch la rete Snam a cui si deve collegare il tubo si trova a Mesagne, devono attraversare 65 chilometri di territorio naturale: in quel tracciato ci possono essere migliaia di problemi. E'strano, cos strano".

Fa bene Emiliano, quindi, a cavalcare la protesta?

"La protesta giusta: c' una comunit che si sente minacciata. Tante volte il Sud ha bevuto la cicuta nel nome dello sviluppo. Ora sta imparando a ribellarsi a quello che appare una violenza, un atto di arroganza. La Regione fa bene quindi a cercare le vie legali e politiche per riaprire la questione. E quello schieramento di polizia contro le fasce tricolori cos brutto. La fotografia della Puglia sono quei bambini che cantano l'inno per bloccare le ruspe: fermezza, fantasia. Futuro".



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news