LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL FUTURO BELLEZZA VIRTUALE
di Fulvio Irace
02 aprile 2017 LA REPUBBLICA





TImage_46_63utti sanno che marted 4 aprile comincia a Milano la design week, la grande festa di primavera che d il via al Salone del Mobile. Forse pochi si sono accorti per che oggi l'Italian Design Day, promosso dal Ministero degli Esteri e dalla Triennale di Milano che hanno mandato quasi cento critici, storici e designer in giro per il mondo come testimonial. Per la prima volta invece di esportare "prodotti" si deciso di inviare "ambasciatori". Qual la novit di quest'evento? Che si ufficializzata l'idea che il termine design non coincide pi solamente con la sterminata somma degli oggetti che entrano nelle nostre case, ma si identifica con una parola che oggi entrata nel lessico corrente non solo dell'estetica, ma anche dell'industria e della politica: narrazione.

La narrazione o lo storytelling come si usa dire nella cultura del web un modo di descrivere e comunicare in maniera efficace e pervasiva quello sfuggente e complesso sistema di valori, di credenze, di aspirazioni e anche di "finzioni" che avvolgono come una nuvola il sistema del design: i suoi protagonisti, i territori e le culture entro cui si sviluppano e crescono le filiere produttive del made in Italy, i riti e i miti mutevoli della societ, insomma tutto quel complesso di relazioni che solo in parte corrispondono alla realt fisica, perch appartengono a quello che l'Unesco nel 2003 ha dichiarato "patrimonio intangibile" e "immateriale".

La narrazione viene cos adoperata per costruire identit: un metodo usato con successo dalla pubblicit ma in questo caso aperto e non diretto a senso unico, perch la sua efficacia si misura sulla capacit di suscitare emozioni e di sollecitare esperienze secondo un programma di cui ognuno di noi sente in qualche modo di far parte. Le settimane del design a Londra, a Hong Kong, a Milano sono ormai eventi globali che muovono folle di persone, stimolano comportamenti di partecipazione, creano il senso di appartenenza a trib di persone che non si sentono pi solo utenti ma quasi protagonisti. Tra le tante forme di pratiche progettuali, il design stato infatti il pi pronto a recepire le possibilit offerte dalle nuove tecnologie immateriali e dalla cultura dei social, prestandosi a ingegnose configurazioni di app (da Airbnb al car sharing, alla condivisione della spesa) che facilitano la creazione di comunit, come nel caso dei musei della memoria, dove i ricordi personali dei membri di una comunit locale possono costruire assieme la propria storia, senza aspettare che questa venga scritta dagli storici di professione. Cos alle Gallerie di Piedicastello di Trento, un tunnel abbandonato ospita luci, suoni e proiezioni per raccontare il dramma della Grande Guerra visto da chi l'ha combattuta e sofferta. O anche lo United States Holocaust Memorial Museum di Washington e l'installazione Expedition Titanic ad Amburgo dove il racconto della storia coincide con un'esperienza in presa diretta del visitatore attraverso la performance in un ambiente fortemente caratterizzato.

La rete del design mette in sinergia tutte le attrattive di una citt o di un territorio, trasforma la visita a una mostra o un museo in un'esperienza totale, dove il singolo evento entra a far parte di un racconto pi generale, che trasforma il turismo tradizionale in un'immersione sensoriale che abbina il contatto con l'arte all'esperienza del cibo, dello shopping, del divertimento. A Vigevano, ad esempio, per restituire alla vita il gioiello rinascimentale del castello visconteo restaurato ma scarsamente utilizzato, gli architetti Migliore e Servetto hanno convinto l'amministrazione a trasformarlo in un "museo impossibile" dedicato a Leonardo che vi si rec spesso quando era alla corte del Moro. L'installazione si chiama "Leonardiana" ed di fatto un museo virtuale che si svolge dentro un luogo reale, grazie a un percorso espositivo che sfrutta mutimedialit, sistemi interattivi, grafica, tecnologie di realt aumentata e stampe ad alta definizione. Si racconta Leonardo in un luogo da lui molto amato, senza che ci sia nessuna sua opera, ma facendo "parlare" i suoi disegni, i suoi progetti, i suoi quadri per raccontare il mondo del Rinascimento. Si possono "sfogliare" le pagine di codici preziosi e inaccessibili, ingrandire particolari che rivelano episodi inediti, comparare su una stessa parete tutti i quadri dipinti da Leonardo come in una galleria.

In quest'ultimo decennio si cos radicalizzata l'ultima trasformazione del design che si svincolato dall'eredit industriale delle origini per farsi processo, organizzazione, presentazione, valorizzazione.

Si sono aperti dunque scenari operativi, che hanno dato luogo a loro volta a nuove professionalit capaci di mettere assieme un approccio umanistico alla societ e una forte specializzazione tecnica basata sulla manipolazione dei new media. Il web stato l'incubatore di questo processo i cui principi sono stati descritti e teorizzati dal Meta-LAB (at) Harvard nel cosiddetto manifesto delle "Digital Humanities".

Proprio nel campo dei beni culturali e del patrimonio immateriale, infatti, il design si costruito un ruolo di agente di valorizzazione, generando una serie di proposte e di servizi che hanno trovato applicazione nel cosiddetto smart heritage: dalla musealizzazione diffusa, alla trasformazione di citt e territori in luoghi di cultura attraverso la promozione di nuove strategie che implicano un forte uso delle nuove tecnologie.

Nell'Italia del dopoguerra, Franco Albini trasforma la visita al museo in un nuovo tipo di approccio all'arte, applicando i criteri del design industriale all'illuminazione, all'arredamento, al disegno dei supporti dei quadri e alle sculture. Fece scuola nel mondo segnando un punto e a capo nella museografia. Oggi, in maniera sperimentale, musei, biblioteche, archivi stanno conoscendo una stagione di trasformazione sotto le spinte del design immateriale sperimentando nuovi approcci alla conservazione basati non sulla limitazione ma sulla moltiplicazione degli accessi, modelli partecipativi di produzione dei contenuti, ricerca, e curatela e mezzi per vivificare e promuovere modalit attive o sperimentali nell'approccio al passato e al presente.

Nel secolo scorso, Andr Malraux lanci la visione del "museo senza muri" che coglieva le potenzialit dei mezzi di stampa nella diffusione mondiale delle opere d'arte, trasferibili dal museo a casa propria. Tre anni fa il Rijksmuseum di Amsterdam ha riaperto con un nuovo allestimento in cui schermi digitali affiancano i capolavori del museo, consentendo al pubblico approfondimenti e connessioni che allargano la partecipazione e arricchiscono la sua esperienza di visitatore consapevole.

Anzi, oggi il primo accesso a un museo non avviene fisicamente ma virtualmente: attraverso il web, che il design ha reso allo stesso tempo facile da usare e complesso da indagare. Lo stesso ha fatto l'anno scorso il Cooper Hewitt di New York, che da dimora storica sede di collezioni di design e artigianato diventato una scatola magica dove all'ingresso non danno un biglietto ma una "chiavetta" su cui memorizzare le proprie opere preferite e rivederle in un secondo momento collegandosi al sito del museo anche da casa. La conoscenza si costruisce attraverso l'esperienza e questa implica coinvolgimento e interattivit: il design si applica dunque a costruire questi strumenti di interfaccia e renderli sempre di pi protesi dei nostri sensi.

Cos, ad esempio, se si scarica a Londra la app Street Museum si pu camminare evocando la storia dei luoghi che si attraversano: sullo smartphone appaiono foto vintage, progetti in corso di realizzazione, notizie di storia sociale legate ai luoghi, che di fatto fanno di tutta la citt un'esperienza museale.

Pi di un secolo fa il grande poeta francese Paul Valry aveva preconizzato l'"ubiquit di immagini visive e auditive che appariranno o scompariranno al minimo gesto, quasi a un cenno". Una profezia realizzata dal Google Art Project con il museo a portata di mouse: ogni immagine evocabile con un semplice clic.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news