LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il regolamento Unesco cambia così. Via alle modifiche anti mangificio
Claudio Bozza
Corriere Fiorentino 5/4/2017

Non funzionava, la giunta ora ha approvato lo stop di tre anni contro l’invasione del cibo

È passato poco più di un anno dall’entrata in vigore del regolamento con cui Palazzo Vecchio mirava a fermare il «mangificio» che sta spolpando l’anima di Firenze, tutelata dall’Unesco. Un’arma giuridico-amministrativa che, però, non ha prodotto gli effetti sperati. Anzi: in un anno le aperture di locali di somministrazione alimentare sono aumentate del 78 per cento. L’argine, complice l’aumento esponenziale dei turisti in città (il «petrolio» per ristoranti, pub e simili), non ha retto. Così, ieri, la giunta Nardella ha approvato le modifiche al regolamento Unesco, che, forte anche del giro di vite varato dal governo e dal ministro Franceschini, ha maggiori possibilità di resistere ai ricorsi al Tar, già in rampa di lancio da parte degli imprenditori del «food and beverage» che stanno scommettendo ancor più su Firenze a livello commerciale.

Appena il Consiglio comunale, probabilmente a maggio, avrà approvato il giro di vite dalla giunta, per tre anni a Firenze scatterà il blocco delle aperture di alimentari, ristoranti ed altri negozi di somministrazione di cibi e bevande. Sono previste eccezioni per luoghi di cultura, librerie, teatri, cinema e musei, nei quali potranno continuare ad aprire tali attività.

Sono previste tutele particolari per determinate zone della città, come già avviene ad esempio per via Tornabuoni, anche ad altre vie della città: via Maggio, via dei Fossi e Lungarno Corsini, dove potranno aprire solo le tipologie di attività elencate nel regolamento (gallerie d’arte, negozi di antiquariato, di arredamento e design), che già connotavano l’identità di tali zone. Vengono inoltre individuate una serie di piazze nelle quali non potranno essere trasferite le attività la cui nuova apertura era già vietata nell’area Unesco. Si tratta nello specifico di piazza San Giovanni, piazza Duomo, piazza della Repubblica, piazza Santa Croce, piazza della Signoria, piazza San Firenze, piazza Santa Maria Novella, piazza Pitti, piazza Santo Spirito, piazza del Carmine, piazza Santissima Annunziata.

L’iter delle delicate modifiche al regolamento Unesco è stato seguito dal nuovo assessore allo Sviluppo economico, Cecilia Del Re. Un punto importante per la tutela dell’identità fiorentina è l’inserimento, tra le modifiche, della norma «salva vinaini». Le botteghe che affiancano al panino il bicchiere di vino, così come tutta la costellazione del take away del centro storico, potranno evitare di realizzare obbligatoriamente adeguati servizi igienici, così come previsto dalla prima versione del regolamento, e continuare a lavorare come fatto fino ad oggi. Mentre solo chi vende superalcolici, quelli cioè che Palazzo Vecchio fissa dai 21 gradi in su (quindi non vino o birra), dovrà sottostare al vincolo dei 40 metri quadri di superficie del locale, così come all’obbligatorietà di avere un bagno predisposto anche ai disabili all’interno del proprio negozio. Infine il Comune, entro sei mesi dall’entrata in vigore del nuovo regolamento, prevede di approvare una norma con cui si obbligheranno i locali notturni a pagare steward all’esterno dei locali, contro la movida molesta e per tutelare il rispetto della quiete pubblica.

Finora gli operatori anti caos erano stati pagati dai proprietari dei locali sono in base ad un accordo con Palazzo Vecchio, che però, viste le difficoltà, ha deciso di rendere obbligatoria la sorveglianza «per legge», con una norma ad hoc.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news