LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il regolamento Unesco cambia cos. Via alle modifiche anti mangificio
Claudio Bozza
Corriere Fiorentino 5/4/2017

Non funzionava, la giunta ora ha approvato lo stop di tre anni contro linvasione del cibo

passato poco pi di un anno dallentrata in vigore del regolamento con cui Palazzo Vecchio mirava a fermare il mangificio che sta spolpando lanima di Firenze, tutelata dallUnesco. Unarma giuridico-amministrativa che, per, non ha prodotto gli effetti sperati. Anzi: in un anno le aperture di locali di somministrazione alimentare sono aumentate del 78 per cento. Largine, complice laumento esponenziale dei turisti in citt (il petrolio per ristoranti, pub e simili), non ha retto. Cos, ieri, la giunta Nardella ha approvato le modifiche al regolamento Unesco, che, forte anche del giro di vite varato dal governo e dal ministro Franceschini, ha maggiori possibilit di resistere ai ricorsi al Tar, gi in rampa di lancio da parte degli imprenditori del food and beverage che stanno scommettendo ancor pi su Firenze a livello commerciale.

Appena il Consiglio comunale, probabilmente a maggio, avr approvato il giro di vite dalla giunta, per tre anni a Firenze scatter il blocco delle aperture di alimentari, ristoranti ed altri negozi di somministrazione di cibi e bevande. Sono previste eccezioni per luoghi di cultura, librerie, teatri, cinema e musei, nei quali potranno continuare ad aprire tali attivit.

Sono previste tutele particolari per determinate zone della citt, come gi avviene ad esempio per via Tornabuoni, anche ad altre vie della citt: via Maggio, via dei Fossi e Lungarno Corsini, dove potranno aprire solo le tipologie di attivit elencate nel regolamento (gallerie darte, negozi di antiquariato, di arredamento e design), che gi connotavano lidentit di tali zone. Vengono inoltre individuate una serie di piazze nelle quali non potranno essere trasferite le attivit la cui nuova apertura era gi vietata nellarea Unesco. Si tratta nello specifico di piazza San Giovanni, piazza Duomo, piazza della Repubblica, piazza Santa Croce, piazza della Signoria, piazza San Firenze, piazza Santa Maria Novella, piazza Pitti, piazza Santo Spirito, piazza del Carmine, piazza Santissima Annunziata.

Liter delle delicate modifiche al regolamento Unesco stato seguito dal nuovo assessore allo Sviluppo economico, Cecilia Del Re. Un punto importante per la tutela dellidentit fiorentina linserimento, tra le modifiche, della norma salva vinaini. Le botteghe che affiancano al panino il bicchiere di vino, cos come tutta la costellazione del take away del centro storico, potranno evitare di realizzare obbligatoriamente adeguati servizi igienici, cos come previsto dalla prima versione del regolamento, e continuare a lavorare come fatto fino ad oggi. Mentre solo chi vende superalcolici, quelli cio che Palazzo Vecchio fissa dai 21 gradi in su (quindi non vino o birra), dovr sottostare al vincolo dei 40 metri quadri di superficie del locale, cos come allobbligatoriet di avere un bagno predisposto anche ai disabili allinterno del proprio negozio. Infine il Comune, entro sei mesi dallentrata in vigore del nuovo regolamento, prevede di approvare una norma con cui si obbligheranno i locali notturni a pagare steward allesterno dei locali, contro la movida molesta e per tutelare il rispetto della quiete pubblica.

Finora gli operatori anti caos erano stati pagati dai proprietari dei locali sono in base ad un accordo con Palazzo Vecchio, che per, viste le difficolt, ha deciso di rendere obbligatoria la sorveglianza per legge, con una norma ad hoc.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news