LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Quell'Indiana Jones in Sicilia che scopr le catacombe
ISABELLA DI BARTOLO
06 aprile 2017 LA REPUBBLICA

Da Siracusa a Carini, da Agrigento a Ispica e ancora lungo la via dei sepolcri di Agrigento, un dedalo di pietra che corre sottoterra in Sicilia. Sono le "mute citt dei morti" come le chiamava Paolo Orsi, l'archeologo di Rovereto innamorato dell'Isola di cui scopr il passato pi remoto. Con lui, tra le campagne assolate, negli ultimi decenni dell'Ottocento, c'era anche un giovane professore tedesco appassionato di cimiteri cristiani; un omino dal cognome ingombrante, Joseph Fhrer. A lui si deve la mappa dei cento cimiteri paleocristiani siciliani a cui dedic tutta la vita e dove si ammal senza scampo. Una vita d'avventura e studio, la sua, che svela anche la passione dei viaggiatoriottocenteschi europei per la Sicilia e che si legge, per la prima volta in italiano, tra le pagine che Fhrer scrisse nel volume "Le sepolture paleocristiane in Sicilia" nella traduzione pubblicata da Moondi Edizioni e presentata all'Universit di Catania. Il libro pubblicato a Berlino nel 1907 narra in 400 pagine il lavoro del giovane e misterioso archeologo bavarese scomparso prematuramente nel 1903 dopo aver mappato la geografia dei primi cimiteri cristiani nell'Isola grazie a una borsa di studio e a successivi finanziamenti dell'Istituto archeologico germanico imperiale. Imperterrito, nonostante la malattia volle continuare a viaggiare tra le campagne siciliane nelle cui viscere si addentrava come racconta, nel suo necrologio, Paolo Orsi.

Il professore bavarese descrive con dovizia di particolari tecnici le sepolture cristiane da lui rinvenute ma il puntiglio dello scienziato cede il passo, di tanto in tanto, ai mirabilia, alle sue descrizioni della natura e di quel paesaggio siciliano che, da quasi duemila anni, custodisce fra ulivi selvatici, mandorleti, filari di vigne e il viola dei cardi selvatici le pietre dei cimiteri cristiani di Siracusa, Marsala, Termini Imerese, Palermo, Girgenti, Cassibile, Cava d'Ispica e di numerosi altri centri protocristiani dell'Isola. Il volume di Fhrer cos un viaggio a ritroso nel tempo alla riscoperta delle sepolture di et tardo-antica che rendono la sola Siracusa seconda a Roma per la loro estensione: cunicoli scavati nel calcare friabile di alcune zone siciliane che le custodiscono da secoli e dove venivano sepolti i morti avvolti da stoffa dentro sepolcri lapidei sigillati da pietra.

L'unione tra corpo e terra, il ritorno alla Mater ma anche motivi pratici legati a questioni economiche e igieniche caratterizzavano questo genere di sepoltura dal III al VI secolo dopo Cristo che il professore tedesco ha scoperto in vari angoli dell'Isola. Ma la pubblicazione anche la narrazione della vita di uno studioso tedesco semisconosciuto il cui cognome, dalle inquietanti analogie con il dittatore nazista, deve aver influito non poco nella dispersione delle sue tracce nei decenni a seguire. Pare che anche la moglie, rimasta vedova con tre figli piccoli, scelse di fuggire in Argentina e cambiare cognome proprio per tale ragione.

Dello studioso traccia un affettuoso ed eloquente testo il suo amico Paolo Orsi, l'illustre archeologo trentino cui si deve il museo di Siracusa, da lui diretto dal 1895 fino al 1934 e che lavor con Joseph Fhrer per dieci mesi, tra il 1894 e il 1895 quando Orsi era impegnato a Siracusa a sterrare la catacomba di Vigna Cassia. Ed qui che Fhrer getta le basi di quella che Orsi definisce un'opera grandiosa aggiungendo: Nessuno meglio di me pu dire delle fatiche e degli strapazzi compiuti da Fhrer per rilevare in ogni pi riposto angolo quella citt dei morti, per trarre fotografie delle pitture, apografi delle iscrizioni, per misurare, disegnare e vedere ogni particolare tectonico; intere giornate egli passava nelle umide gallerie, uscendone sovente grondante di sudore e di acqua; e fu qui che la sua fibra, per quanto fortissima, contrasse i primi germi del male che poi lo uccise.

Fhrer non arriv a pubblicare la sua ricerca poich mor nel 1903 ma fu la vedova, qualche anno dopo, a raccogliere gli studi e a consegnarli all'amico Victor Schultze che, dopo averli riuniti in un corposo manuale, diede alle stampe il volume Die altchristlichen Grabsttten Siziliens a Berlino nel 1907. Da allora, l'opera non venne mai tradotta in italiano n ristampata.

La pagina pi significativa degli studi sull'archeologia funeraria del primo cristianesimo in Sicilia commenta la docente di Archeologia cristiana, Mariarita Sgarlata che firma la prefazione al volume tradotto - ancora oggi insuperata a distanza di pi di un secolo. Un caso unico e paradigmatico di come si possano orientare le proprie vocazioni scientifiche verso obiettivi altri e alti.

La docente dell'Universit di Catania sottolinea il lavoro sinergico tra scienziati di diversi Paesi, senza steccati istituzionali e grande apertura nei confronti di coloro che volevano condividerne risultati e ricerche.

Tra le catacombe e i cimiteri rurali della Sicilia spiccano i tre complessi di Siracusa (San Giovanni, Vigna Cassia e Santa Lucia), poi Manomozza a Priolo, gli ipogei di Canicattini e Palazzolo Acreide. Ancora a Ferla, Melilli, Lentini, Molinello, Cassibile, Spaccaforno-Rosolini. La Larderia di Cava d'Ispica, le catacombe di Santa Croce Camerina, e poi Licodia Eubea, a Chiaramonte-Gulfi, Granieri, Cittadella. E ancora, Naro a Girgenti. Termini Imerese in provincia di Palermo; Lilybaeum-Marsala e il grande complesso di Villagrazia di Carini.

"Citt dei morti" abbandonate nel VI dopo Cristo che oggi restituiscono tassello per tassello la storia cristiana della Sicilia.





news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news