LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Quando apparve il "Trionfo della morte" sulla parete in fondo a Sala delle Lapidi
LINO BUSCEMI
06 aprile 2017 LA REPUBBLICA



Il grande dipinto dovette lasciare Palazzo Sclafani danneggiato dai bombardamenti del 1943 Dieci anni in municipio, poi arriv all'Abatellis


NELLA NOTTE tra il 29 e il 30 giugno 1943 l'ennesimo, indiscriminato bombardamento aereo degli anglo-americani su Palermo caus distruzione e morte. A parte numerose vittime e feriti fra i civili, l'attacco nemico danneggi gravemente una ventina di monumenti, chiese e edifici di pregio, fra cui Palazzo Sclafani in piazza Vittoria. All'interno del quale, fra tante opere d'arte, risaltava l'imponente (600 centimetri per 642) quattrocentesco affresco murale raffigurante il "Trionfo della morte", di autore ignoto. L'opera, a causa del crollo di muri e tetti, venne investita da cumuli di detriti, senza subire per pesanti conseguenze, ad eccezione del distacco di alcune parti dell'intonaco. Il pronto intervento dei responsabili della tutela dei beni storico-artistici, pur nel comprensibile clima di paura, agitazione e disorientamento, evit il peggio.

Contrariamente a quanto riportato in numerose pubblicazioni, il "Trionfo" non venne immediatamente trasferito a Palazzo Abatellis. Si dovette aspettare almeno un decennio, perch prima si decisero, a salvaguardia dell'opera, due collocazioni provvisorie in due luoghi diversi. La prima, di breve durata (circa cinque mesi), nei magazzini della Soprintendenza alle Gallerie: l'affresco, a fine luglio del '43, fu staccato dalla parete e, adeguatamente protetto, venne riposto su capienti telai per essere trasportato e depositato nel sito prescelto, ovviamente non accessibile al pubblico. La seconda collocazione, per volere del sindaco di Palermo, il separatista conte Lucio Tasca d'Almerita (in carica dal 29 settembre 1943 al 30 agosto dell'anno successivo), risale al gennaio 1944.

Tasca, accogliendo anche le pressanti richieste di alcuni esponenti del mondo della cultura, si dichiar subito disponibile a far collocare nella Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile la preziosa opera d'arte. La quale, date le sue ragguardevoli dimensioni, fu posta, dopo un non facile trasloco, nella parete sud della vasta sala (quella che chiude lo spazio riservato al pubblico che assiste alle sedute consiliari). Per utilizzare tutta l'ampia parete si rese necessario perfino murare l'accesso al balcone. Il "Trionfo della morte", in attesa della definitiva destinazione e fra molti rinvii, "soggiorn" in municipio, in bella mostra, per dieci lunghi anni fino al 1954. Una targa marmorea, con scritta in latino dettata da monsignor Filippo Pottino, che nel 1944 le autorit municipali, senza clamore, fecero murare proprio nella Sala delle Lapidi, ricorda ai posteri quel significativo avvenimento. Rimasto, a quei tempi, sottotraccia in quanto la citt era in ginocchio, inondata di macerie e con la popolazione prostrata dalla fame e dal mercato nero.

Oggi il famoso dipinto, dopo tanto peregrinare, si pu ammirare alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis. Domina intatta la scena, a onta dei secoli trascorsi, la "Morte" che su uno scheletrico cavallo infierisce su giovani gaudenti, sui potenti e sugli infermi. Un'allegoria che sottolinea l'ineluttabilit della fine delle umane glorie. Un monito che nella gi grandiosa dimora del ricco e potente Francesco Patella o Abatellis, assume un significato particolare. Molto meno efficace, per, di quello che assumerebbe all'interno del palazzo del potere cittadino, popolato da eletti quasi sempre indaffarati a ricercare e vantarsi delle umane glorie. E non solo.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news