LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - E i cantieri dell'Atac riportano alla luce l'antica via Labicana
PAOLO BOCCACCI
06 aprile 2017 LA REPUBBLICA

LA SCOPERTA/L'ACQUEDOTTO PIANTICO A PIAZZA CEUMONTANA

IL momento pi emozionante? Quando abbiamo visto affiorare la cresta dell'acquedotto e abbiamo subito capito che era una struttura di immensa mole e di grande impegno costruttivo. Cos l'archeologa Simona Moretta, la funzionaria per l'area del Celio della Soprintendenza per il Colosseo e l'area archeologica centrale che ha diretto con Paola Palazzo gli scavi, in un giorno di dicembre dello scorso anno, nel profondo pozzo d'areazione della Metro C in costruzione a piazza Celimontana, ha capito di essere di fronte a una scoperta eccezionale: un acquedotto romano, il pi antico, conservato intatto per 32 metri

RIAFFIORATO dalla terra dopo cinquant'anni, come in un miracolo della storia. E a vederlo una meraviglia, un tratto di tredici metri dell'antica via Labicana, quella che nel V secolo a.C portava dalla porta Esquilina, l'arco di Gallieno delle vecchie Mura Serviane, fino alla citt di Labicum, tra Colonna e Montecompatri. Ed ora eccolo di nuovo sotto il sole, al IV miglio del suo percorso, riportato alla luce dalle mani degli archeologi durante i lavori dell'Atac per la stazione di Centocelle del tranvetto giallo che parte dalle Ferrovie Laziali. Mentre cinquecento metri pi avanti si scende nella stazione della metro C che porta a Pantano e, indietro, verso Lodi e San Giovanni.

Cos, con un finanziamento della Regione, anche questi resti della Roma che fu riappaiono, i ciottoli della strada, larga tre metri e mezzo, quelli degli antichi "paracarri", chiamati crepidine, e quel che rimane del "marciapiede" dell'epoca, largo un metro e mezzo. Ma non solo. Tra i binari e lo sfrecciare dei trenini della storica Roma-Giardinetti, ci sono anche edifici funerari, tra cui un sepolcro, un mausoleo a pianta circolare. del I secolo avanti Cristo, spiega Paola Carrano, l'archeologa della soprintendenza guidata da Margherita Eichberg che si occupa degli scavi "e ha un diametro di 25 metri". La strada e i sepolcreti accanto - continua - erano gi affiorati nel 1967, durante i lavori per il raddoppio della Casilina, e poi erano stati reinterrati. Restano i rapporti degli archeologi dell'epoca. Ma, ad esempio, la cosiddetta "mummia di Centocelle", il corpo di un uomo trovato nel sepocro ancora chiuso da perni, alto, avvolto di pelli, mummificato da una coltre di resina calcarea, andata persa, nonostante se ne parli negli studi.

Questi ritrovamenti - spiega Stefano Musco, l'archeologo responsabile di tutto il settore Est della citt - vanno considerati come tasselli di una rete. Siamo di fronte al parco di Centocelle, che conserva i resti di tre ville romane, tra cui quella chiamata Ad duos lauros, in un tratto della via Labicana che andava dal Fosso della Marranella al Fosso di Centocelle, all'altezza di via Palmiro Togliatti. E a poca distanza dal sepolcro di Elena, la madre di Costantino. Tutte cose che rappresentano l'identit di questo territorio. Conservare dunque l'antica strada e i sepolcreti significherebbe donare elementi di storia alla periferia .

Gi, conservare, ma come? Ora i lavori prevedono una stazione finale che si attesta a Centocelle, nonostante manchino poche centinaia di metri allo scambio con la metro C, e una cancellata, sul modello di quella del Parco di Centocelle, che isoli la zona della stazione stessa evitando che qualcuno sia tentato di attraversare i binari. L'unico modo di far ammirare i tesori riaffiorati sarebbe quello di creare percorsi protetti per visitarli. Oppure un tunnel che raddoppi quello per la stazione che passa sotto via Casilina e riemerga proprio all'altezza dell'antica via Labicana. Una cosa certa - conclude Musco - non dobbiamo permettere che tutto torni sotto la terra.

(paolo boccacci)





news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news