LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Grande mostra di piccole arti
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Milano 11/4/2017

Da domani Milano ritrova il suo Victoria and Albert Museum. costituito dalle sale dedicate alle Arti decorative, completamente riallestite, al Castello Sforzesco. Chiuse da 14 mesi riaprono grazie al progetto proposto da Francesca Tasso e Andrea Perin.

Da domani Milano ha un suo Victoria and Albert Museum. costituito dalle sale dedicate alle Arti decorative, completamente riallestite, del Castello Sforzesco. Chiuse da 14 mesi riaprono al secondo piano (accesso dalla Rocchetta) con un progetto museale pensato dal 2014 a cura di Francesca Tasso e dellarchitetto Andrea Perin. Sono esposti 1.300 pezzi in 60 pannelli e vetrine accompagnati da 1.100 didascalie. Allestimento dei BBPR rispettato, ma luci rinnovate e percorso completamente nuovo finalizzato a raccontare i pezzi migliori della collezione, alcuni mai visti. Anche perch a queste sale (che sono un museo nel museo) il visitatore tipo giunge dopo aver visto il pianterreno, larmeria, la scultura, i mobili, la pinacoteca e gli mancher ancora da visitare il reparto strumenti musicali prima di concludere allaperto il tour.

Il Victoria and Albert sorse nel 1852 dopo il grande successo della Great Exhibition dellanno precedente. Questo percorso sorge dopo lExpo e, che ne sappiano o meno i milanesi, quello del Castello uno dei pi quotati musei del mondo per arazzi, avori, oreficeria, tessuti e maioliche.

Il criterio espositivo adottato spiega il direttore Claudio Salsi quello di narrare una storia dei singoli pezzi poich ci che i visitatori si aspettano. Gli oggetti da soli parlano esclusivamente a pochi specialisti mentre laffollamento dei pezzi annoia.

Abbiamo cercato di asciugare il numero di pezzi esponibili e di sfoltire i livelli dellallestimento BBPR per meglio spiegare i pezzi pi significativi, racconta Francesca Tasso. Luci al led, vetrofanie alle vetrine, nessun supporto digitale bens prevalenza per losservazione del pezzo originale e per la comprensione della sua storia attraverso la spiegazione accompagnano il visitatore nel nuovo tempio delle arti decorative, un tempo dette minori sino a quando il movimento inglese dellArts and Crafts le rivalut.

Il percorso inizia con una grande pianta di Milano nel Seicento, quando dagli scavi pervenne il primo materiale qui esposto: ceramiche ingobbiate e graffite, corredi da mensa e un paio di scarpette nere. Di fianco agli originali, ecco i rifacimenti allantica delle ottocentesche manifatture Loretz di Milano. Poi la coppa Gonzaga, i vetri delle botteghe muranesi, giochi come gli scacchi e il compasso di Galileo Galilei in ottone. Non un pezzo unico; lo scienziato fu anche linventore di quelli che oggi si chiamano collaterali: a chi acquistava una copia del suo libro Le operazioni del compasso geometrico et militare del 1606 veniva regalato il compasso come allegato.

Le maioliche del Castello Sforzesco sono 4.400; 1.200 le porcellane, 800 le ceramiche graffite. I migliori esemplari sono esposti nelle rinnovate ali, specie i pezzi italiani del XVIII secolo. Inizia dal confronto tra queste e quelle di provenienza musulmana e cinese la sottesa narrazione del museo, qui analoga a quella del Mudec: la compenetrazione di Oriente e Occidente nellartigianato darte. Si osserva meglio questo aspetto salendo sul sopralzo dove sono esposti rari tessuti, tra i quali il frammento di una veste che fasciava le reliquie di SantAmbrogio. La veste era stata indossata da Corrado II nel 1024 quando fu incoronato re dItalia in SantAmbrogio con la Corona ferrea. Con tessuto a filo doro, il frammento, mai esposto, fu probabilmente lavorato in Sicilia in et musulmana.

La collezione di posate e ceramiche di Gianguido Sambonet, 1940 pezzi acquistati dalla Regione, depositati nel 2003 al Castello e ricostruiti nelle vetrine, ci consente di comprendere i modi di servire a tavola dal XVIII secolo a oggi. Segue lesposizione di manifatture con anche un presepio napoletano dellOttocento donato dallex sindaco Bassolino e una glassa armonica del 700. Si passa poi alle ceramiche moderne (anche di Gio Ponti) acquistate alle Biennali e sui mercatini dantiquariato ed esposte in vetrine a sbalzo che sono esse stesse un capolavoro di allestimento.

Pregiatissima la collezione degli avori dal V al X secolo (con la Tavoletta con le Marie al sepolcro del V secolo e la Tavoletta con la famiglia dellImperatore Ottone del 983 entrambe dalla collezione Trivulzio), un singolare coltello eucaristico con raffigurazione dei mesi del XIII secolo e, per la prima volta esposti, alcuni bronzi che riproducono celebri sculture del mondo antico e dellet umanistica. Tra queste, il Busto di Costanza Bonarelli dal Bernini, fusione del 1696 di Massimiliano Soldani Benzi, artista al servizio dei Medici. Conclusione tutta nuova del percorso con una sala per il vetro contemporaneo: 45 pezzi donati dal collezionista Sandro Pezzoli.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news