LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Procuratie vecchie: ecco come cambiano
11 aprile 2017 LA NUOVA VENEZIA



Torneranno la grande vetrina delle Generali: uffici e alloggi con affaccio in Piazza San Marco. Saranno funzionali a grandi aziende mondiali


VENEZIA. Una grande vetrina per la Compagnia, ma anche per le grandi aziende internazionali che vorranno prenotare spazi allinterno del complesso per la presentazione di proprie attivit o iniziative.

Questo diventeranno le Procuratie vecchie in base al progetto che le Assicurazioni Generali stanno elaborando e che verr presentato molto presto, anche in accordo con il Comune, come ha gi annunciato pochi giorni fa lamministratore delegato Philippe Donnet - che ha gi preso casa a Venezia - in occasione della presentazione del restauro dei Giardini Reali, che li collegher direttamente a Piazza San Marco, e che sar finanziato dalla stessa societ, proprio per linteresse a investire nellarea marciana da cui la nuova dirigenza si attende un importante ritorno dimmagine, dopo gli anni del sostanziale abbandono della sede veneziana, seguito anche al trasferimento degli uffici in terraferma, a Mogliano. Ma ci sar spazio anche, a quanto risulta, per una parte espositiva e museale.

Lavori in corso. In attesa del progetto, nei circa 20 mila metri quadri delle Procuratie si lavora da tempo sotto traccia - e sotto il controllo della Soprintendenza - alladeguamento degli spazi, soprattutto dal punto di vista infrastrutturale. Il progetto prevede il totale rinnovo dellimpiantistica ormai invecchiata, climatizzando tutti gli ambienti ma compiendo anche una valutazione dellaffollamento previsto con la riorganizzazione delle vie duscita, tenendo conto anche del futuro uso delle Procuratie aperte alla citt, gi annunciato da Donnet. Rifatti gli impianti elettrici, prevista anche linstallazione di alcuni ascensori per raggiungere i piani superiori e ladeguamento al superamento delle barriere architettoniche. Un restauro e una ristrutturazione flessibili, proprio per consentire usi diversi, in base ai programmi definitivi.

Niente foresterie, pi uffici. E anche da questo punto di vista si annuncia un sostanziale cambio di rotta rispetto alla possibilit inizialmente prevista e anche concordata con il Comune di realizzare allinterno delle Procuratie una serie di alloggi a uso foresteria, purch collegati alle attivit svolte nelledificio o comunque funzionali alle esigenze di enti pubblici e soggetti privati insediati e purch non assuma carattere prevalente rispetto allinsieme delle destinazioni duso private degli spazi restanti.

Una trasformazione che difficilmente la Soprintendenza avrebbe concesso nei modi e nella misura previsti dalle Generali. Rimarrebbero invece sicuramente i due alloggi gi esistenti allinterno del complesso, ma verrebbe invece mantenuta e incrementata la presenza di uffici, funzionali alle esigenze dei soggetti privati - soprattutto, come detto, grandi aziende di livello mondiale - che li prendessero in uso per periodi pi o meno lunghi, per avere appunto un affaccio prestigioso su Piazza San Marco.

Le attivit possibili. Tra le possibili attivit previste allinterno delle Procuratie, il gruppo ha gi indicato nel testo dellaccordo raggiunto dal Comune per la cessione da parte dellAmministrazione delluso pubblico, lalta formazione, incluse le attivit formative interne del Gruppo Generali.

E poi lo sviluppo, la promozione e la divulgazione della cultura, della ricerca scientifica e della responsabilit sociale dimpresa. Quindi la promozione dellimmagine di Venezia e della civilt veneta nel mondo e lazione di sostegno sociale e di lotta alla povert. E anche la tutela della salute e la salvaguardia dellambiente.

Si parla in particolare, da questo punto di vista, di un centro e di una serie di attivit legate al tema della sostenibilit ambientale, particolarmente in linea con le caratteristiche di una citt come Venezia. Ma le Generali si lasciano la strada aperta con per listituzione di musei, gallerie darte, esposizioni permanenti o temporanee, biblioteche, inclusi eventuali servizi accessori (negozi di merchandising, caffetteria o ristorante, sale di conferenza o per audiovisivi).

Gli spazi per il Comune. Sottoscritto pochi giorni fa con il Comune il comodato gratuito che assegna a Ca Farsetti per ventanni - partendo dal 20 gennaio - una porzione di circa 640 metri quadrati del complesso delle Procuratie Vecchie che lAmministrazione utilizzer per attivit di rappresentanza e per ospitare iniziative e istituzioni di rilevante interesse nazionale o internazionale.

Il Comune potr prorogare di altri dieci anni il comodato, se le Generali utilizzeranno per destinazioni private tutti gli spazi di cui sono rientrate pienamente in possesso nel complesso delle Procuratie. La propriet stata infatti sempre del gruppo assicurativo, ma gli spazi avevano una destinazione d'uso pubblica, tanto da essere stati utilizzati a lungo come sede degli uffici giudiziari.


http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2017/04/11/news/procuratie-vecchie-ecco-come-cambiano-1.15180684?ref=search


news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news