LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA Quellaccordo museale che Bernheim non volle
13 aprile 2017 LA NUOVA VENEZIA


Quel recupero delle Procurate Vecchie che poteva avvenire gi otto anni fa - con il collegamento a fini espositivi con l'Ala Napoleonica e le Procurate che potrebbe realizzarsi ora - ma che fu bloccato dall'allora presidente delle Assicurazioni Generali, Antoine Bernheim, di fronte alle proposte del Comune. Giandomenico Romanelli, a lungo direttore dei Musei Civici Veneziani, stato un testimone diretto di quella vicenda e la ricorda ancora nei dettagli. Professor Romanelli, le trattative tra Comune e Musei Civici da una parte e Generali dall'altra per il riuso delle Procurate Vecchie, durano, sotto traccia da molti anni. S, almeno dagli anni Novanta, da quando - assessore alla Cultura Gianfranco Mossetto - si inizi a progettare il circuito museale marciano, ipotizzando appunto anche il collegamento diretto tra Procurate Nuove e Procurate Vecchie, attraverso l'Ala Napoleonica. Un collegamento che, di fatto, esiste gi, perch si tratta di aprire un paio di porte per renderlo fruibile. Da cosa nasceva la proposta di Comune e Musei Civici alle Generali? Dal fatto che le Procurate Vecchie erano anche allora largamente sottoutilizzata, con la presenza della Compagnia ridotta a pochi uffici di rappresentanza e con larga parte degli spazi occupati dagli uffici giudiziari, con la sala d'ascolto della polizia giudiziaria confinata nel sottotetto. Il progetto prevedeva una ristrutturazione dal punto di vista logistico e degli accessi del complesso e l'utilizzo di parte di esso, per alcune migliaia di metri quadri cone spazio espositivo per le grandi mostre, a diretto contatto dei Musei Civici. Si ipotizzava anche che parte degli spazi fossero riservati a sedi di istituzioni internazionali e di studio. Non solo, si immaginava anche un collegamento diretto con l'Ex Pilsen - che di fatto esiste - con le Procurate Nuove, visto che nel complesso poi improvvidamente venduto dalla Giunta Orsoni, doveva essere ospitata la biblioteca e il gabinetto dei disegni del Correr. Come andarono le cose? Le trattative andarono avanti nel tempo, grazie anche al contributo di Fabio Cerchiai, allora direttore generale e Ad della compagnia. Si arriv cos nel 2009 a un incontro definitivo tra gli allora sindaco Massimo Cacciari e presidente della Fondazione Musei Civici dall'altra e il presidente delle Generali Antoine Bernheim dall'altra per dare il via libera al progetto. Ma Bernheim non si mostr solo disinteressato ma addirittura ostile alla collaborazione con i Musei Civici per l'uso espositivo delle Procurate Vecchie e tutto salt, nonostante la trattativa impostata con Cerchiai fosse gi avanzata. Come mai? A Bernheim, semplicemente, non interessava nulla del progetto delle Procurate, come non importava neppure del recupero del Negozio Olivetti di Carlo Scarpa - successivamente avvenuto anche con il contributo del Fai - come ricordo bene, avendogliene anche parlato personalmente. Sembr per un momento che la trattativa per le Procurate potesse sbloccarsi quando le Generali presentarono un loro progetto per la realizzazione all'interno del complesso di una serie di miniappartamenti di lusso, nella parte pi vicina alla Basilica di San Marco, che a loro interessava molto. Un progetto che poi fu fermato dal Comune e dalla Soprintendenza e allora di tutta la faccenda non se ne fece pi nulla. Ma nel progetto di Musei Civici e Comune per il recupero delle Procurate Vecchie, le Generali avrebbero avuto un ruolo attivo, come invece appare ora per il nuovo progetto della Compagnia che sta per essere presentato ufficialmente? Di fatto no. Avrebbero mantenuto i propri uffici di rappresentanza e sarebbero state chiamate a contribuire al restauro, ma non avevano un loro progetto specifico per il riuso di questi spazi. Erano interessate - almeno nella fsse preparatoria - al nuovo spazio espositivo. (e.t.)


http://ricerca.gelocal.it/nuovavenezia/archivio/nuovavenezia/2017/04/13/venezia-quell-accordo-museale-che-bernheim-non-volle-03.html?ref=search


news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news