LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Restauro dei monumenti, il Trust c'. Ma in Italia ...
Alessandro Beltrami
www.avvenire.it, 15/04/2017

Gentile direttore,
si parla spesso del restauro dei monumenti e delle opere darte di cui piena lItalia. Il ministro pro-tempore (di qualunque governo) dice che i fondi sono limitati, e magari aggiunge che bisogna far pagare gli ultrasessantacinquenni stranieri, che 'scorazzano' per la nostra Penisola... bene! Ma nessun uomo di governo ha mai pensato di creare una specie di National Trust allinglese, in cui una parte dei castelli e altri monumenti e capolavori artistici privati vengono fatti visitare con un ticket? Il proprietario 'scarica' gli introiti dalle tasse e con questo si impegna a restaurare e mantenere il suo bene. A me sembra proponibile anche in Italia o sbaglio?
Marcello Sassoli

Gentile signor Sassoli,
il direttore mi chiede di rispondere alla sua lettera, che pone questioni interessanti e giuste. E infatti sono in gran parte gi affrontate. Iniziamo dalla proposta di un 'National Trust' allinglese dei patrimoni culturali e naturali di propriet privata: esiste gi, il Fondo Ambiente Italiano. Il Fai nasce nel 1975 proprio sul modello britannico. La distanza cronologica e patrimoniale tra i due (quello inglese nasce nel 1895) attribuibile a una differenza culturale: la presa di coscienza della natura 'pubblica' dei beni culturali privati e dellimportanza dellimpegno da parte dei privati stessi a favore di un bene della comunit sono da noi pi recenti, a fronte di un tuttora regnante statalismo che affida al pubblico, nel bene e nel male, quasi ogni responsabilit. Anche la defiscalizzazione dei biglietti di ingresso da lei invocata gi un dato di fatto. I ticket per pinacoteche, musei, monumenti privati, poich viene riconosciuta una rilevante utilit sociale e culturale delle 'prestazioni di servizio', sono esenti da Iva. Non solo: quando lattivit museale svolta da enti non profit (enti non commerciali associativi, onlus, enti ecclesiastici), come scriveva su 'Avvenire Non profit' alcuni anni fa Marco Grumo, ai fini fiscali viene a godere di alcuni benefici, nel senso che non viene considerata come attivit commerciale (in gergo si dice che viene "decommercializzata"). Il biglietto di ingresso serve nella grande maggioranza dei casi a coprire i costi della struttura. Si potrebbe indubbiamente fare di pi sul fronte della fiscalit. Il pur meritorio Art Bonus, che concede una agevolazione fiscale del 65% nel caso di erogazioni liberali alla cultura, riguarda purtroppo solo beni e istituti di carattere pubblico, mentre non tocca il privato (ma i musei privati, come quelli ecclesiastici, non esercitano forse una funzione pubblica?). Sempre sul fronte del rapporto pubblico-privato, vale la pena di ricordare che la legge dello Stato offre, per, ai proprietari di edifici tutelati la possibilit di accedere a contributi ministeriali per interventi di conservazione e restauro. In contropartita i privati sono tenuti a stabilire con il Ministero lapertura al pubblico del bene, secondo limiti temporali variabili da caso a caso. Unultima puntualizzazione: nei musei statali il pagamento del biglietto da parte degli ultrasessantacinquenni (tutti, non ci sono mai state iniziative per far pagare solo gli stranieri) stato introdotto nel giugno 2014. Prima lingresso era gratuito ma si preferito ridurre le agevolazioni per fasce di et per incentivare iniziative (come la domenica al museo) di temporanea gratuit totale. Su una cosa si potrebbe e dovrebbe lavorare ancora, ma nel Paese dei campanili non facile: lomogeneit nella bigliettazione, una svolta che richiederebbe un maggiore coordinamento tra le parti interessate. In questo senso, sono da accogliere con favore la diffusione e lestensione di 'card museali' che, accanto a quelle valide per alcuni giorni, consentono laccesso a tutti i musei anche su scala regionale per archi cronologici dai 6 mesi a un anno. la giusta impostazione: oltre lottica del turista verso una piena attenzione al cittadino.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news