LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Palazzo reale, torna a splendere il trono
14 aprile 2017 LA REPUBBLICA



ERA il trono su cui sedettero re Ferdinando II e Francesco II, gli ultimi sovrani borbonici delle Due Sicilie.

Il seggio, realizzato negli anni Quaranta dell'Ottocento e circondato da un baldacchino settecentesco di velluto rosso, è soltanto una delle bellezze che tornano visibili all'interno del Palazzo reale di Napoli, che rimarrà aperto per il ponte di Pasqua assieme agli altri siti del Polo museale campano.

Dopo un restauro durato due anni, riaprono infatti al pubblico le sale del cosiddetto "Grande appartamento di etichetta" e del cortile delle carrozze. I lavori hanno interessato le superfici decorate, le tappezzerie, gli arredi, le pavimentazioni e gli infissi. La ambientazioni tornano a risplendere, così come dovevano apparire ai tempi di Ferdinando II. «Sono le sale più spettacolari del Palazzo reale - dice Anna Imponente, direttrice del Polo museale - perché presentano un patrimonio stratificato dal Seicento all'Ottocento, tra affreschi, opere d'arredo ed ebanisteria. Ora all'appello manca soltanto la riapertura, che avverrà a inizio estate, del bellissimo giardino pensile settecentesco, dove sono stati effettuati lavori di impermeabilizzazione ». Dalla Sala del trono, ornata con stucchi al soffitto rappresentanti le quattordici province del regno, si accede a quella cosiddetta degli Ambasciatori, un tempo semplice corridoio di collegamento tra le stanze di rappresentanza e gli appartamenti privati, trasformato poi in ala istituzionale da Ferdinando II. L'area, divisa in due ambienti, include i dipinti seicenteschi di Belisario Corenzio sui "Fasti della Casa di Spagna" e quelli di Battistello Caracciolo su "La conquista militare del Regno di Napoli" ottenuta da Gonsalvo de Cordova, detto il "Gran capitano".

Gli spazi sono ulteriormente arricchiti con opere e preziosi provenienti dai depositi e mai esposti prima, per fornire uno spaccato del gusto e della vita di corte. Come la serie di tempere dell'artista torinese Giuseppe Verani, che decorano il passetto del generale. Da non perdere il piccolo vano, riconvertito a oratorio per Maria Cristina di Savoia (prima moglie di Ferdinando II e madre del re Francesco II). È qui che la "regina santa", morta prematuramente di parto nel 1836 e beatificata nel 2014, si ritirava a pregare sull'altare ligneo al centro della sala.

Gli interventi di restauro rientrano nel Poin, il Programma operativo interregionale, e sono furtto del "Progetto di adeguamento funzionale e impiantistico" di Segretariato regionale della Campania, Polo museale e Soprintendenza Archeologia e belle arti di Napoli.

(paolo de luca)




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news