LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PITTURA D'AZIONE A PAESTUM
GABRIEL ZUCHTRIEGEL
18 aprile 2017 LA REPUBBLICA




CI voluto un po' qualche millennio per essere precisi. Nel 1952 il critico d'arte americano Harold Rosenberg conia il termine action painting. La creazione dell'opera vista come parte integrante di essa e assume, cos, il carattere di un rituale moderno che non meno espressivo e ricco di significati dell'opera stessa. Tutto questo, che ormai fa parte della modernit classica, pu essere letto come un recupero di pratiche antichissime.

Infatti stato letto in questa chiave dagli stessi protagonisti dell'action painting: artisti come Jackson Pollock concepivano la produzione dell'opera come una lotta essenziale che rivela una verit profonda, di cui l'opera finita solo un ricordo.

Uno dei fondatori del pensiero della pittura d'azione, Wolfgang Paalen, artista austriaco emigrato in America nel 1939, cercava di recuperare la ritualit estatica del processo creativo riagganciandosi all' "arte totemica" antica. Una foto degli primi anni '30 lo mostra nel suo studio a Parigi: affianco ad alcune sue opere, si intravedono un kantharos di bucchero e un'urna etrusca.

Come in tutte le "rivoluzioni" che hanno segnato il percorso dell'arte moderna, il risultato non fu quello che i promotori radicali dell'action painting avevano sognato.

Se oggi parliamo di opere d'arte, nel 99% dei casi continuiamo a parlare di oggetti, non di azioni. Continuiamo a interrogarci su cosa significhino i colori sulla tela, senza preoccuparci troppo di come ci sono arrivati. E se chiediamo del come e perch, spesso l'obiettivo rimane comunque solo quello di comprendere meglio l'opera nella sua forma definitiva. naturale che con questo pre-concetto di arte, certe cose non ci tornano.

Quando abbiamo riaperto la "Sala Mario Napoli" a Paestum che ospita la Tomba del Tuffatore, mi stato chiesto perch non abbiamo montato le lastre dipinte (con rappresentazioni di un simposio greco e del famoso tuffatore) nella loro posizione originale. La risposta semplice: perch vorrebbe dire montarle all'interno di una cassa senza luce e comunicazione con il mondo esterno.

Per noi oggi risulta alquanto bizzarro che nella Paestum di V e IV secolo a.C. si realizzavano affreschi parietali destinati a tombe a cassa o a camera e, per questo, visibili solo nel momento del funerale per poi sparire per sempre sempre che poi non vengano scavati dagli archeologi molti secoli dopo!

Nelle tombe troviamo vasi di finissima produzione, riccamente decorati con scene mitologiche, armi, strumenti musicali e gioielli.

La "Tomba delle piangenti" recentemente restaurata (grazie a un contributo della Italian American Forum Foundation) presenta, oltre a pitture molto espressive, numerose tracce della deposizione del corpo della defunta tra cui un pezzo di tessuto rimasto nell'intonaco, impronte digitali e linee preparatorie lasciati dai pittori. Le pareti della tomba, che al centro del percorso espositivo della mostra, diventano cos l'impronta di attivit artistiche e rituali, quasi fossero una tela di Jackson Pollock.

Molti degli affreschi e oggetti trovati nelle tombe antiche di Paestum corrispondono a quello che siamo abituati a considerare "arte", ma evidentemente il contesto del tutto diverso dai contesti nei quali incontriamo l'arte oggi.

Il concetto di action painting, che considera la creazione come una parte integrante dell'opera d'arte, ci avvicina in maniera diversa alle tombe dipinte di Paestum. Ovviamente, action painting e pittura funeraria di IV secolo a.C. sono due cose molto diverse. Per il fatto che nell'action painting non conta solo il dipinto finito, ma anche il processo di creazione dello stesso (a maggior ragione se letto in chiave estatica o rituale), ci pu far vedere le tombe dipinte da un'angolazione diversa. Da quell'angolazione dalla quale il fatto che queste "opere" fossero state create per non essere visibili appare forse meno paradossale, visto che erano inserite in azioni quali appunto i rituali funerari.

La lezione dell'action painting proprio questa: che il painting non solo il prodotto, ma anche l'azione (in inglese, painting vuol dire sia dipingere sia dipinto). Cos, le immagini nel buio delle tombe di Paestum diventano meglio comprensibili se viste come azione, o meglio: come parte di una serie di azioni che compongono il rito funerario antico. Questo non vuol dire che non erano "arte": semplicemente un concetto di arte molto diverso da quello moderno che tende a confinare l'arte nelle pinacoteche o gallerie.

Che l'arte anche o forse in alcuni casi esclusivamente azione e rituale, un'idea che la modernit stenta ad ammettere al di fuori di movimenti come l'action painting, ma che trova una ricchissima eco nelle culture antiche d'Italia e oltre.

Mostra action painting rito e arte nelle tombe di Paestum Parco Archeologico di Paestum 2 giugno 31 dicembre 2017 Tutti i giorni dalle 8:30 alle 19.30




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news