LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sulla VIA decreto governativo favorisce i costruttori e tradisce la direttiva europea
Vittorio Emiliani
www.emergenzacultura.org, 21/04/2017

Oggi, fra le 12 e le 13 sperano che si scateni sul Ministero dellAmbiente un vero e proprio Twitter Storm con questo testo: Stop autorizzazioni ambientali farsa che portano spreco territorio e soldi pubblici.@glgalletti (ministro dellAmbiente, se non lo conoscete. ndr) sulla VIA #cittadinidevonopartecipare.Venti associazioni, in testa il Wwf, organizzano questo inedito Twitter Storm sperando in una pioggia di twitter davvero fitta. Cosa successo di cos grave?

Nel 2016 non era stato approvato un nuovo accettabile Codice degli appalti? S, ma nei giorni scorsi arrivato alle Camere uno schema di decreto governativo criticatissimo. Con esso infatti, secondo tutte le associazioni ambientaliste, anche le pi istituzionali come Fai o Legambiente, recependo la Direttiva europea 2014/52, si tradisce in gran parte il Codice appena approvato e la Direttiva stessa che rendono pi chiara e trasparente la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) sulle opere pubbliche. Che invece sar pi opaca con questo decreto accusato di ricalcare le linee delle leggi-obiettivo Lunardi-Berlusconi, che lo stesso presidente dellAnti-corruzione, Raffaele Cantone, ha bollato come criminogena.
La nuova VIA infatti si far sul progetto di sola fattibilit delle infrastrutture strategiche, e non su quello definitivo. E fra fattibilit ed esecutivit ci sar un blando monitoraggio. Come ai tempi della legge-obiettivo. Eppure il controllo deve essere riguardare varianti anche sostanziali, i relativi impatti ambientali, le misure di compensazione e di mitigazione di quelle stesse varianti (spesso disastrose) richieste dalle grandi aziende costruttrici. E le varianti causano da decenni rincari pazzeschi delle grandi opere.
Il Wwf ha calcolato che quella normativa sia stata alla base di rincari enormi, con sprechi disastrosi di denaro pubblico: + 200 % (da 800 milioni a 2,4 miliardi) per lautostrada Tre.Be.Mi spesso vuota, + 800 % per Terzo Valico dei Giovi fra Genova e il Po, + 600 % per la TAV Torino-Milano, schizzata da 1,5 a 7,5 miliardi. Tutto ci perch si davano autorizzazioni per le opere dopo procedure di valutazione di impatto ambientale su progetti preliminari ampiamente carenti, si nota.
Il progetto di fattibilit infatti si basa su studi preliminari sui contesti geologico, archeologico, paesaggistico, ecc., mentre quello definitivo individua in modo completo i lavori da realizzare, nel rispetto delle esigenze, dei criteri, dei vincoli, ecc., ne quantifica la spesa in modo esatto, stabilisce il necessario concerto con Comuni e Regioni. Se si abbandona il progetto definitivo per tornare a quello soltanto fattibile, si ricade in una vera e propria farsa rivelatasi gi costosissima per lo Stato, cio per tutti noi contribuenti. E magari causa di qualche crollo di ponte o di cavalcavia.
Altri punti sollevano rilievi o proteste. Il decreto assegna al progetto munito di VIA una durata di tre anni, mentre le norme vigenti prescrivono che esso sia realizzato entro cinque anni dalla pubblicazione della VIA. E questo deve restare assolutamente un punto fermo. Tale allentamento di questi controlli si accoppia infatti a quello dei vincoli paesaggistici introdotto di recente dalle semplificazioni del Ministero per i Beni Culturali. Con due ministri come Galletti e Franceschini lo Stato se ne va e lascia ai privati nuove possibilit di speculare, sullambiente e sui costi. Tentativo, disperato, di ingrassare la sempre debole ripresa. A nostre spese.



Il Fatto Quotidiano, 21-4-2017



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news