LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA NUOVA "VIA" MINACCIA L'AMBIENTE
21 aprile 2017 IL TIRRENO




Nel 2016 stato approvato un nuovo rassicurante Codice degli appalti. Tutto a posto? Nemmeno per idea. Arriva ora alle Camere lo schema di decreto legislativo col quale, recependo la Direttiva 2014/52 dell'Unione Europea e, secondo tutte le associazioni ambientaliste, anche le pi "istituzionali", si tradisce in gran parte il Codice e la Direttiva stessa che tendono a rendere pi chiara e trasparente la Valutazione di Impatto Ambientale (Via) sulle opere pubbliche. Addirittura il decreto governativo viene accusato di ricalcare l'impostazione della legge-obiettivo Lunardi (governo Berlusconi III) che lo stesso presidente dell'Anti-corruzione, Raffaele Cantone, ebbe a definire criminogena. Basti pensare che la nuova valutazione di impatto ambientale verrebbe operata sul progetto di fattibilit delle stesse infrastrutture strategiche, e non sul loro progetto definitivo. Con un blando monitoraggio soltanto - come gi avvenuto negli anni di vigenza della legge-obiettivo - sulle fasi successive del progetto, cio su varianti anche sostanziali, sui relativi impatti ambientali, sulle misure di compensazione e di mitigazione di quelle varianti (spesso micidiali) in corso di progettazione. Le "varianti" sono sempre state le cause perverse delle nostre costruzioni, l'origine di rincari pazzeschi.Il Wwf stima che la normativa, mai abbastanza deprecata, delle leggi-obiettivo, abbia provocato ricarichi di costi spaventosi: +200% (da 800 milioni a 2,4 miliardi) per la sempre semivuota autostrada Tre.Be.Mi, +800% per Terzo Valico dei Giovi, +600% per l'Alta Velocit ferroviaria fra Torino e Milano, con un costo balzato da 1,5 a 7,5 miliardi. Tutto ci perch si davano autorizzazioni per le opere dopo procedure di valutazione di impatto ambientale su progetti preliminari ampiamente carenti. Il progetto di fattibilit infatti viene redatto sulla base di studi preliminari sui vari contesti (geologico, archeologico, paesaggistico, ecc.), mentre quello definitivo individua compiutamente i lavori da realizzare, nel rispetto delle esigenze, dei criteri, dei vincoli, ne quantifica la spesa in modo esatto, stabilendo un preciso concerto con le amministrazioni locali e regionali. Abbandonando il definitivo per tornare al fattibile, siamo di nuovo a questa "farsa" rivelatasi gi costosissima per il Paese e per lo Stato, cio per noi contribuenti. Oltre tutto, in questa fase non consentita alcuna partecipazione dei cittadini, mentre la normativa europea la prevede. Ma vi sono tanti altri punti che suscitano rilievi o proteste. Il testo presente parla inoltre di un astratta validit temporale della Via per tre anni, mentre la normativa vigente prescrive chiaramente un obbligo di realizzazione: Entro cinque anni dalla pubblicazione del provvedimento di valutazione. E questo deve restare assolutamente un punto fermo. Specie se considera che questo allentamento farsesco dei controlli per la Via si accoppia al "silenzio/assenso" e all'indebolimento di altri vincoli paesaggistici in pi casi introdotti di recente dalle parallele "semplificazioni" (le chiamano graziosamente cos) del Ministero per i Beni Culturali.Viene pertanto chiesto alla Conferenza delle Regioni - che pure si dovr esprimere su questo schema, tanto contestato, di decreto attuativo - di convergere su tali critiche di fondo e di "far valere le ragioni" di un ambiente gi tanto aggredito e manomesso. Come tentarono alcuni governatori nel referendum contro le trivellazioni costiere.Pertanto le venti associazioni organizzano per oggi un inedito Twitter Storm, dalle 12 alle 13, Stop autorizzazioni ambientali farsa che portano spreco territorio e soldi pubblici. @glgalletti (ministro dell'Ambiente, per chi ancora non lo sapesse, ndr) sulla Via #cittadinidevonopartecipare. Sperano che la pioggia di twitter sia davvero fitta.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news