LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - GLI AFFARI DI OSCAR FARINETTI Il Codacons contro Eataly che si pappa l'Ultima cena di Leonardo
PATRIZIA F. REITTER
LA VERITA' - 26 aprile 2017

L'ultima di Farinetti? I'Ultma cena. Un boccone da Oscar. Eataly sponsorizza il restauro, il Codacons vuole vederci chiaro Il capolavoro privatizzato in cambio di una somma irrisoria.

Dall'eccellenza gastronomica al mecenatismo. Oscar Farinetti, patron dei megastore alimentari Eataly, ha destinato 1 milione di euro per il piano di conservazione dell'Ultima cena di Leonardo da Vinci. Unico sponsor privato (i restanti 1,2 milioni arriveranno dallo Stato) di un intervento che migliorer le condizioni di conservazione del fragile capolavoro leonardesco, Eataly contribuisce alle spese di potenziamento del sistema di filtraggio dell'aria nell'ex refettorio del convento milanese di Santa Maria delle Grazie, dove fu realizzato il dipinto murale. Passando dagli attuali 3.500 metri cubi di aria pulita al giorno a circa 10.000, verr assicurata una corretta ossigenazione e potr aumentare il numero di visitatori dell'opera, conosciuta anche come Cenacolo. Oltre a partecipare al restauro, Eataly lancia nei suoi store la campagna di sensibilizzazione Una cena cos non si pu perdere. Mentre comprano olio o mortadella, i clienti potranno prenotare una visita che durer 50 minuti (anzich 15), in orario serale e a museo chiuso, con un esperto che spiegher il capolavoro di Leonardo da Vinci. Il progetto si concluder nel 2019, anno del cinquecentenario della morte di Leonardo, ed stato presentato nel punto vendita Milano Smeraldo, inaugurato da Eataly nel 2014. Questo il primo restauro ambientale che garantir all'opera altri 5 secoli di vita e per altri 500 anni l'umanit non si perder questa cena, ha dichiarato Farinetti, spiegando che investe in un progetto culturale a tutela del bene pubblico perch giusto mettere a disposizione una parte del proprio valore aggiunto. Alla domanda su quale sar il ritorno di immagine per Eataly, Farinetti ha risposto in maniera evasiva, dicendo che non ha nessun merito di essere nato in Italia, di essere figlio di un partigiano che gi faceva l'imprenditore. Mi andata bene, il minimo che devo sdebitarmi destinando una parte di quello che guadagno a qualche cosa per il mio Paese. Iniziativa lodevole, solo che il Codacons non sembra convinto dell'operazione e vuole capire a quali condizioni Farinetti finanzier il progetto, e quale sar il ritorno economico per Eataly. Abbiamo presentato un'istanza d'accesso al ministero dei Beni culturali e alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la citt metropolitana di Milano, per visionare l'accordo siglato con Eataly e verificarne tutte le condizioni, fa sapere il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori. Noi siamo sempre pronti e schierati per difendere monumenti e ci che in Italia ha un vero valore turistico, per non privatizzarli, spiega Carlo Rienzi, fondatore e presidente del Codacons. Abbiamo fatto una grande battaglia per il Colosseo contro la concessione che stata data a Tod's per 30 anni, in cambio di pochi soldi. Temiamo che succedano cose analoghe con gli interventi per l'Ultima cena. Gi abbiamo visto sui giornali immagini del capolavoro di Leonardo accostati alla pubblicit di Eataly, prosegue l'avvocato Rienzi, ci chiediamo quanto incasser lo Stato. A quali condizioni ha ceduto l'uso dell'immagine dell'opera a un privato? stato fatto il doveroso brand value, ovvero la valutazione monetaria del bene, calcolando l'importo che un soggetto dovrebbe corrispondere al proprietario del brand per ottenerne la disponibilit, la concessione? Serve una commissione apposita di esperti per stabilire il valore della cessione. Un milione di euro sono nulla in confronto al ritorno d'immagine dall'accostare il proprio marchio al Cenacolo. Il Codacons, che da almeno tre anni si sta occupando di Eataly inviando ai Nas l'elenco di un centinaio di prodotti non italiani, in vendita nei negozi di Farinetti, per verificare se c' una violazione della norma che prevede che il consumatore non possa essere indotto in errore circa il Paese d'origine o il luogo di provenienza, il metodo di fabbricazione di un prodotto, come precisa Rienzi, negli ultimi mesi ha presentato un esposto contro presunte pratiche commerciali scorrette e pubblicit ingannevoli della nota piattaforma alimentare. Le segnalazioni erano cos scottanti che l'Antitrust aveva aperto un'indagine, intimando a Eataly precisi chiarimenti entro il mese di marzo di quest'anno. Nulla ancora trapelato su decisioni ed eventuali provvedimenti presi dall'Authority. Per sullo store online del mangiare italiano, vivere italiano (secondo Farinetti), sono stati fatti dei cambi come documentato dalla Verit nelle scorse settimane, mettendo a norma etichette di prodotti o eliminando diciture non chiare segnalate nell'esposto. Del tutto ingiustificato, dunque, il sarcastico cosa si risponde a gente cos?, con cui patron Oscar ha liquidato le perplessit del Codacons sull'operazione Ultima cena. Fa male il patron di Eataly a schernire i consumatori italiani, ribatte il Codacons, ricordando che Farinetti era gi stato multato con 50.00o euro dall'Antitrust per aver ingannato gli acquirenti nelle informazioni rese su alcuni prodotti. Il coordinamento si riferisce alla delibera dell'Antitrust del 13 aprile 2016 che sulla questione Vino libero aveva ritenuto il comportamento di Eataly pratica commerciale scorretta ai sensi degli articoli 20, 21, comma 1, lettera b, e 22 del Codice del consumo, imponendo una sanzione amministrativa pecuniaria di 50.000 euro. Cos'era successo? Dopo le segnalazioni del Codacons, che nel 2014 aveva denunciato l'ingannevolezza dell'espressione Vino libero utilizzata nei punti vendita Eataly (con etichette adesive sulle bottiglie e sulla cartellonistica esposta nei negozi), perch lasciava intendere al consumatore che il vino fosse totalmente libero da concimi chimici, da erbicidi e da solfiti, nel gennaio 2015 l'Autorithy aveva invitato Eataly a rimuovere i profili di possibile scorrettezza, modificando o integrando adesivi su bottiglie e cartelli. La catena di vendita di prodotti alimentari italiani pi celebrata al mondo si era impegnata a fare gli opportuni cambi e l'Autorithy aveva archiviato la pratica pre istruttoria nell'ambito della moral suasion (quando avviene la rimozione dei profili di possibile ingannevolezza o illiceit di una pubblicit, ovvero di possibile scorrettezza di una pratica commerciale). Dopo nuove segnalazioni del Codacons e dopo la sentenza del Tar del Lazio nel novembre 2015 che ne aveva accolto il ricorso, valutando incompleto l'adempimento dato da Eataly al proprio impegno, l'Antitrust aveva avviato un nuovo procedimento nei confronti della societ di Farinetti, dell'associazione Vino libero e del produttore Fontanafredda (azienda vitivinicola associata) per possibili violazioni del codice del consumo. Ignorando la tesi difensiva di Eataly, che sosteneva di essere mero distributore dei vini e di non occuparsi della loro eti *** chettatura, mentre invece li pubblicizzava presso i suoi punti vendita, l'Authority aveva ravvisato una pratica commerciale scorretta. e tenuto conto della gravit e della durata della violazione, lo scorso anno aveva inflitto una multa di 50.000 euro a Eataly. Interessante quello che si legge nella delibera: Non si riscontra nel caso di specie il normale grado di diligenza professionale, ossia quel grado di specifica competenza e attenzione che ragionevolmente ci si pub attendere, avuto riguardo alla qualit dei professionisti e alle caratteristiche dell'attivit svolta, non avendo gli stessi utilizzato pienamente la cautela necessaria nel prospettare le propriet del prodotto, n avendo pienamente adempiuto all'invito dell'Autorit a rimuovere i profili di scorrettezza ipotizzati.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news