LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il pedaggio per visitare Venezia: il sindaco imita Tot, le persone come piccioni
di Manlio Lilli
IL FATTO QUOTIDIANO | 29 aprile 2017

E uneventualit che esiste, non subito, e comunque nellambito di un percorso concertato, ha detto allAnsa lassessore al Turismo del Comune di Venezia Paola Mar, dopo lapprovazione in giunta del documento di indirizzo sul settore. San Marco unarea monumentale, vincolata. Abbiamo valutato anche la proposta di chiusure limitate dellarea marciana, con eventuale ticket, verificando che sotto il profilo tecnico e giuridico possibile, spiega lassessore.

Intanto Venezia sperimenter a breve linstallazione di sistemi di conta-persone per regolare lafflusso dei turisti, posti in prossimit di aree strategiche. Decisione questa che ora passa allesame del governo e dellUnesco. Ma intanto il sindaco Brugnaro non ha dubbi, si tratta di un provvedimento molto atteso con cui lAmministrazione comunale inizia a dare risposte concrete al tema della gestione dei flussi turistici. Insomma, sembra tutto chiaro. Venezia risponde ai suoi molti problemi legati al turismo avviando un percorso che avr come esito la monetizzazione degli afflussi. Pi persone, uguale pi soldi. La nouvella vague italiana questa.

Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ne lindiscusso apripista, ma a quanto sembra i proseliti non mancano. Per loro, gli economisti della cultura, in questo modo il patrimonio storico-artistico-archeologico diventa davvero un asset. Certo non tutto, non ogni luogo darte funzionale a questo ragionamento. Limprescindibile prerequisito sono i numeri. Servono ingressi corposi. E necessario che i turisti paghino un ticket. Non importa che si tratti di un monumento oppure di una piazza. Gi, perch la novit che si prepara a Venezia proprio questa. Il biglietto dingresso per una piazza. Il luogo, tradizionalmente aperto, diventer chiuso. Lo spazio nel quale ci sincontrava ed era parte della citt ne sar sostanzialmente escluso. Lo sar ancora di pi del passato recente. Perch il problema del quale si discute sono i 30 milioni di turisti che ogni anno arrivano in citt, saturando i luoghi storici.

Ma dietro a quel problema ce ne sono altri, ai quali si accenna, ma che non vengono affrontati con la stessa decisione. Singolare come si affermi di dover trovare soluzione al sovraffollamento. Venezia sta morendo. E questo accade perch la citt stata snaturata, trasformandola da luogo nel quale si fondevano e coesistevano turisti e abitanti, in una merce. In uno spazio nel quale rimasta ununica funzione, quella turistico-alberghiera. Da anni, con una progressivo incremento recente, edifici del centro storico sono stati riconvertirtiti allaccoglienza. Palazzi nobiliari ristrutturati come hotel a cinque stelle, spesso anche suscitando perplessit sulla concessione delle autorizzazioni necessarie da parte degli organi di tutela. Da tempo le attivit commerciali prevalenti sono quelle, di scarsa qualit, che hanno invaso, ad esempio, il centro storico di Roma.

Venezia sta morendo perch la sua diversit stata in gran parte sepolta da tanti progetti, piccoli e grandi. Progetti che, nella loro diversit, sembrano avere un minimo comune denominatore. Uno scopo. Far perdere la memoria, farla perdere alla citt. Per tutto questo il contapersone e, ancora di pi, il prospettato ticket dingresso non sembrano la soluzione del problema sovraffollamento, ma un espediente. Ancora una volta per far cassa. Alla stessa maniera di quanto il Comune fa vendendo alcuni suoi immobili di pregio a societ immobiliari e a facoltosi privati.

In uno dei raggiri che architettano Tot e Nino Taranto nel film Tot truffa 62 c quello rivolto allo zotico alias Pietro De Vico in cerca di lavoro. I due truffatori gli vendono la concessione della conta dei piccioni nelle piazze dItalia. Ogni tre piccioni una lira. Cos nella scena finale si vede il malcapitato intento nelloperazione, proprio in piazza San Marco. Che il sindaco-architetto di centrodestra Luigi Brugnaro abbia tratto ispirazione dal film? E molto pi probabile che lo abbia fatto, nel caso, il ministro Franceschini. La concessione venduta allo zotico nazionale.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news