LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caccia a cimeli e monete armati di metal detector
TULLIO FILIPPONE
26 aprile 2017 LA REPUBBLICA





Setacciano, o come dicono loro "spazzolano" le spiagge, i campi e i luoghi di battaglia della seconda guerra mondiale dell'Isola con il metal detector e delle cuffie, alla ricerca di monete, oggetti da collezione, cimeli militari. Contrariamente a quanto si pensi, i "detectoristi" non sono dei tombaroli di antichi tesori o degli stravaganti che cercano qualche spicciolo in fondo al terreno, ma un movimento che, in Sicilia, tra due gruppi Facebook con circa 1500 iscritti e i 350 tesserati al Metal Detector Club Italia, conta almeno un migliaio di seguaci. Ma chi il "detectorista"? Ho cominciato osservando dei detectoristi nelle spiagge di Mondello e Magaggiari, il profilo medio una persona di qualsiasi et ed estrazione sociale che si ritrova la domenica in spiaggia per spazzolare le spiagge pi famose della Sicilia, i campi, le montagne e per unire la passione per la ricerca a quelle per il trekking all'aria aperta, dice Francesco Manzella, trentacinquenne di Cinisi e presidente di Metal Detector Club Italia.

L'associazione, con sede a Cinisi, nata nell'agosto del 2015 per federare un movimento un hobby sempre pi diffuso a livello internazionale, grazie al quale anche in Sicilia sono stati ritrovati oggetti dell'antichit, rarit e persino meteoriti e altri oggetti ferrosi. Oppure cimeli della militari come elmetti, piastrine e persino armi.

Salvo Fagone, informatico di 38 anni di Palagonia, appassionato di ricerche di materiale militare del periodo tra il 1940 e il 1943, nei dintorni di Mineo nel catanese, ha ritrovato alcuni resti di un aereo militare americano precipitato nel 1943. Sono stato contattato dalla famiglia di un pilota americano che si chiamava Allan Knepper, scomparso nei dintorni di Palagonia il 10 luglio 1943 e dopo alcune ricerche siamo riusciti a trovare i resti del suo aereo e collaborare con l'ambasciata italiana a Washington e la DPAA, un'agenzia del dipartimento della Difesa degli Stati Uniti che si occupa di ritrovare i prigionieri o i caduti americani dei vecchi conflitti , dice Fagone, che insieme ad altri detectors ha ritrovato delle piastrine militari americane, le famose "dog tag".

Un metal detector base costa tra i 200 e i 300 euro, ma per uno professionale si pu arrivare sino a 4000 euro aggiunge Manzella I luoghi del metal detecting siciliano non sono sole spiagge che frequentiamo all'alba o al tramonto, ma anche zone come le campagne di Carini, dove sono stati ritrovati cimeli garibaldini o i bunker della guerra nella zona di Monte Palmeto, vicino Terrasini.

In altri casi invece i detectoristi siciliani hanno collaborato con Legambiente e le proloco di Cinisi e Partinico per bonificare alcune aree. O per la segnalazione di bombe risalenti alla guerra. gi successo di segnalare bombe o armi, per questo motivo ognuno di noi ha l'abitudine di non scavare mai dal centro del target ma farlo con cura attorno all'obiettivo, precisa Manzella.

Altri, come Giovanni Marletta, autista ragusano di 48 anni, con i loro ritrovamenti hanno collaborato con i beni culturali. Ho comprato un metal detector una decina di anni fa perch sono un appassionato di numismatica e ho iniziato a cercare reperti nelle spiagge dice Marletta Un hobby che ci ha permesso di ritrovare monete greche di 2400 anni fa, che vanno sempre denunciate alle autorit competenti secondo la legge non ci piace essere chiamati tombaroli, il nostro un movimento responsabile.

Per questo motivo il Metal Detector Club Italia, che fa parte del Consiglio Europeo per il metal detecting, nato anche con lo scopo di uniformare la legge italiana a quella europea e regolare anche in Italia l'uso del metal detector. Vogliamo spezzare il binomio che vuole che un detectorista sia anche un tombarolo dice Manzella Secondo la legge chi non segnala alle autorit il ritrovamento di reperti archeologici o chi pratica la nostra attivit in una zona archeologica rischia una denuncia e una condanna dai sei mesi ai tre anni di reclusione e sanzioni che arrivano sino a 10mila euro. Per conclude Manzella non esiste una normativa che definisca le regole di questa attivit, un patentino per i metal detector e una guida all'uso responsabile, tutti obiettivi per cui stiamo lavorando con le istituzioni.






news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news