LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - La traccia di una chiesa incompiuta a met strada fra Gancia e piazza Marina
LINO BUSCEMI
27 aprile 2017 LA REPUBBLICA



In via Quattro Aprile lo spezzone della facciata di San Nicol, di impianto medioevale. Nel 1720 la confraternita tent di ricostruirla ma rinunci



CHI AVESSE la ventura di attraversare via Quattro Aprile, l'arteria che congiunge piazza Marina con la chiesa della Gancia, difficilmente troverebbe informazioni, anche orali, sulle vicissitudini di quello strano, alto spezzone di facciata ( di una chiesa) posto accanto alla restaurata, elegante palazzina gi stabilimento di bagni idroterapici 'Alla Stella'. Eppure, paradossalmente, raccontando a ritroso la storia di quel settecentesco spezzone, potrebbe venir fuori la descrizione, dettagliata, del non pi esistente assetto medioevale della circostante area urbana ( zona via Alloro ), contigua al quartiere Kalsa, gi abitata prevalentemente da popolazione di etnia greca. Non un mistero, infatti, che la Palermo del tredicesimo secolo era una citt multietnica, probabilmente pi di quanto lo sia quella di oggi. In ragione della presenza di quella etnia, nell'allora tortuoso e meno largo asse viario, oggi rettilineo denominato via Quattro Aprile, fu eretta la chiesa di San Nicol dei Greci a poche decine di metri della cinta muraria meridionale della citt e dell'antica Porta dei Greci (porta successivamente abbattuta, per essere poi riedificata nel 15 3 3 al Foro Italico, con prospetto verso il mare, all'altezza dell'ingresso alla Kalsa dove c' Palazzo Forcella ).

Il luogo sacro, denominato anche San Nicol la Carrubba, secondo quanto riportato nel 'Palermo d'oggigiorno' scritto dal marchese di Villabianca, era frequentato, nell'ultimo ventennio del 1200, da gente marinaresca.

Rimase aperto ai fedeli fino agli inizi del Cinquecento, quando, con ogni probabilit, venne raso al suolo, forse in seguito a uno dei tanti disastrosi terremoti che frequentemente colpivano diverse parti della Sicilia.

Per oltre duecento anni non si comp alcun atto per far 'rivivere' quella chiesa, tanto cara alla comunit greca.

Fino a quando, all'incirca nel 1720, per iniziativa a quanto pare della non disciolta confraternita un tempo ospitata a San Nicol, fu raccolta parte dei fondi per la sua ricostruzione. Si fece appena in tempo a definire solo una porzione della facciata principale ( appunto lo spezzone, posto sul lato destro per chi proviene dalla Gancia), e i lavori furono bloccati.

lo stesso Villabianca ad annotare nel suo diario che ...la moderna struttura rest incompiuta, n se n' proseguita pi la fabbrica. Nulla scrive, invece, sui motivi deirinterruzione dei lavori. Qualche autore sostiene che la colpa da ascrivere alla congregazione religiosa che, avendo abbandonato quei luoghi, non aveva pi alcun interesse a cercare ulteriori fondi per un'opera assai costosa e, peraltro, non pi rientrante fra gli obiettivi dei confratelli.

Il prospetto incompiuto della chiesa, per, rimasto al suo posto, quasi nascosto dai vicini fabbricati malgrado la sua superba altezza e, perch no?, l'appena abbozzato stile architettonico immaginato dall'ignoto progettista. Da tre secoli i curiosi resti non sono stati scalfiti dall'usura del tempo, n hanno subito alcuna manomissione nonostante il disinteresse dei responsabili della tenuta dei beni culturali cittadini. Un mistero tutto palermitano ( ma non solo ), aggravato dall'assenza di utili indicazioni per turisti e residenti. La mancanza di una precisa targa che fornisca sintetiche notizie su quegli antichi luoghi e sul sito incompiuto, arreca incalcolabili danni al turismo e alla fruizione e conoscenza dei beni pubblici da parte dell'utenza, pi attenta ed esigente di quanto si pensi. Le informazioni sul nostro patrimonio storico e culturale, si converr, sono necessarie come l'aria.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news