LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dai musei alle spiagge i tesori siciliani non sfruttati cos si perdono 60 milioni
29 aprile 2017 LA REPUBBLICA



Sarebbe una manovra nella manovra. E basterebbe, da sola, a finanziare ad esempio tre quarti del fondo da 80 milioni per l'assistenza ai disabili. Perch la Sicilia dimentica di mettere a frutto i suoi patrimoni migliori: il mancato incasso ammonta almeno a 60 milioni, dai musei che incassano molto meno delle altre regioni italiane alle spiagge che vedono l'Isola alle spalle di localit meno appetibili per i bagnanti come il Lazio, fino ad arrivare al petrolio e ad altri rivoli che si disperdono nel bilancio.

SPIAGGE LOW COST

L'ultimo dato stato fornito ieri dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan: le concessioni sui 7mila chilometri di coste italiane valgono complessivamente oltre 103 milioni, circa 15 euro ogni metro. Ci si aspetterebbe di trovare la Sicilia, che da sola ha un settimo delle spiagge italiane, in testa alla classifica, ma non cos: nelle casse della Regione entrano solo 9,5 milioni, mentre il Lazio che ha un terzo delle coste siciliane ne incassa 10,4. Se la media si allineasse a quella della Regione guidata da Nicola Zingaretti, i ricavi aggiuntivi sfiorerebbero i venti milioni.

Il motivo presto detto: molte delle concessioni si trascinano da anni, spesso a prezzi irrisori. Fotografati dal censimento condotto dalla Regione meno di un anno fa: la grande spiaggia dei palermitani, quella gestita dalla Societ Italo-Belga a Mondello, ha una superficie di 36mila metri quadrati, un canone di circa 80mila euro e un fatturato, secondo il bilancio 2014, di 3 milioni. Ancora nel capoluogo le concessioni pi grandi sono il "Costa degli Ulivi" (7.400 metri quadrati per 50mila euro annui e un fatturato di 8 milioni) e il circolo Roggero di Lauria (24mila euro di canone per 3mila metri quadrati). Le concessioni pi rilevanti dell'Isola, per, sono quelle del Catanese: l'Opera San Giovanni Bosco ha una porzione di spiaggia da 40mila metri quadrati per un canone di 57 mila euro, il lido del Villaggio turistico paga 153mila euro per 33 mila metri quadrati sui quali c' anche un ristorante e il Lido azzurro spende 49mila euro per 50 mila metri quadrati. Prezzi stracciati anche nelle perle di provincia: la Kefa general service, forte di duemila metri quadrati con ristorante a Cefal, paga 30mila euro, mentre la Settima luna di Lipari ne versa 5.579 per mille metri quadrati.

MUSEI SENZA APPEAL

I tesori della Sicilia, del resto, non sono solo naturalistici. Ma dalla ricchezza culturale dell'Isola si incassa davvero poco: nel 2016 l'anno che la stessa Regione ha presentato come quello del boom turistico i visitatori sono stati 4.392.005, e hanno portato nelle casse del sistema Beni culturali 23,2 milioni di euro. Briciole, in confronto a quello che ricava invece la Campania, che secondo gli ultimi dati dell'Ente bilaterale per il turismo ha un numero analogo di turisti arrivati: nella regione di Pompei i visitatori dei musei sono stati invece oltre 8 milioni, per uno sbigliettamento da 41,7 milioni. Basterebbe portarsi ai livelli campani per acciuffare altri 18 milioni di euro.

Un problema di appeal, di capacit di attirare visitatori, ma non solo. Per capire il motivo basta fare un confronto ad esempio fra la stessa Pompei e quella che potrebbe essere una sua omologa siciliana, la pur performante Valle dei Templi: per la prima possibile acquistare i biglietti online anche su circuiti come TicketOne, per la seconda bisogna fare la fila come prima della rivoluzione digitale.

ROYALTIES IN CALO

Ci sono poi gli incassi dimenticati. Ad esempio quelli per gli idrocarburi: nonostante nel 2013 le royalties siano state portate al 20 per cento, una quota ancora lontana da quelle del resto d'Europa (la Norvegia, ad esempio, chiede quattro volte tanto) ma su livelli finalmente pi alti rispetto al passato, gli incassi non sono mai decollati. lo stessa dipartimento Energia, nell'ultimo rapporto, ad ammetterlo: nel 2015 la produzione di idrocarburi si ridotta di circa il 10 per cento, ma le royalties riscosse dalla Regione sono crollate da oltre 26 a poco pi di 15 milioni. Calcolatrice alla mano, all'appello mancano circa 9 milioni.

All'elenco si potrebbero aggiungere poi numerose altre voci: dai 10,5 milioni di condanne della Corte dei conti mai riscosse dalla Regione al milione e 300mila euro di sanzioni per l'abusivismo rimaste solo sulla carta, fino al risparmio mai quantificato per la gara sulle autolinee che l'assessorato ai Trasporti rimanda da anni. E che ieri l'Ars ha rinviato di altri due anni. Per gli incassi c' sempre tempo.




http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2017/04/29/dai-musei-alle-spiagge-i-tesori-siciliani-milioniPalermo02.html?ref=search


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news