LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dai musei alle spiagge i tesori siciliani non sfruttati cos si perdono 60 milioni
29 aprile 2017 LA REPUBBLICA



Sarebbe una manovra nella manovra. E basterebbe, da sola, a finanziare ad esempio tre quarti del fondo da 80 milioni per l'assistenza ai disabili. Perch la Sicilia dimentica di mettere a frutto i suoi patrimoni migliori: il mancato incasso ammonta almeno a 60 milioni, dai musei che incassano molto meno delle altre regioni italiane alle spiagge che vedono l'Isola alle spalle di localit meno appetibili per i bagnanti come il Lazio, fino ad arrivare al petrolio e ad altri rivoli che si disperdono nel bilancio.

SPIAGGE LOW COST

L'ultimo dato stato fornito ieri dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan: le concessioni sui 7mila chilometri di coste italiane valgono complessivamente oltre 103 milioni, circa 15 euro ogni metro. Ci si aspetterebbe di trovare la Sicilia, che da sola ha un settimo delle spiagge italiane, in testa alla classifica, ma non cos: nelle casse della Regione entrano solo 9,5 milioni, mentre il Lazio che ha un terzo delle coste siciliane ne incassa 10,4. Se la media si allineasse a quella della Regione guidata da Nicola Zingaretti, i ricavi aggiuntivi sfiorerebbero i venti milioni.

Il motivo presto detto: molte delle concessioni si trascinano da anni, spesso a prezzi irrisori. Fotografati dal censimento condotto dalla Regione meno di un anno fa: la grande spiaggia dei palermitani, quella gestita dalla Societ Italo-Belga a Mondello, ha una superficie di 36mila metri quadrati, un canone di circa 80mila euro e un fatturato, secondo il bilancio 2014, di 3 milioni. Ancora nel capoluogo le concessioni pi grandi sono il "Costa degli Ulivi" (7.400 metri quadrati per 50mila euro annui e un fatturato di 8 milioni) e il circolo Roggero di Lauria (24mila euro di canone per 3mila metri quadrati). Le concessioni pi rilevanti dell'Isola, per, sono quelle del Catanese: l'Opera San Giovanni Bosco ha una porzione di spiaggia da 40mila metri quadrati per un canone di 57 mila euro, il lido del Villaggio turistico paga 153mila euro per 33 mila metri quadrati sui quali c' anche un ristorante e il Lido azzurro spende 49mila euro per 50 mila metri quadrati. Prezzi stracciati anche nelle perle di provincia: la Kefa general service, forte di duemila metri quadrati con ristorante a Cefal, paga 30mila euro, mentre la Settima luna di Lipari ne versa 5.579 per mille metri quadrati.

MUSEI SENZA APPEAL

I tesori della Sicilia, del resto, non sono solo naturalistici. Ma dalla ricchezza culturale dell'Isola si incassa davvero poco: nel 2016 l'anno che la stessa Regione ha presentato come quello del boom turistico i visitatori sono stati 4.392.005, e hanno portato nelle casse del sistema Beni culturali 23,2 milioni di euro. Briciole, in confronto a quello che ricava invece la Campania, che secondo gli ultimi dati dell'Ente bilaterale per il turismo ha un numero analogo di turisti arrivati: nella regione di Pompei i visitatori dei musei sono stati invece oltre 8 milioni, per uno sbigliettamento da 41,7 milioni. Basterebbe portarsi ai livelli campani per acciuffare altri 18 milioni di euro.

Un problema di appeal, di capacit di attirare visitatori, ma non solo. Per capire il motivo basta fare un confronto ad esempio fra la stessa Pompei e quella che potrebbe essere una sua omologa siciliana, la pur performante Valle dei Templi: per la prima possibile acquistare i biglietti online anche su circuiti come TicketOne, per la seconda bisogna fare la fila come prima della rivoluzione digitale.

ROYALTIES IN CALO

Ci sono poi gli incassi dimenticati. Ad esempio quelli per gli idrocarburi: nonostante nel 2013 le royalties siano state portate al 20 per cento, una quota ancora lontana da quelle del resto d'Europa (la Norvegia, ad esempio, chiede quattro volte tanto) ma su livelli finalmente pi alti rispetto al passato, gli incassi non sono mai decollati. lo stessa dipartimento Energia, nell'ultimo rapporto, ad ammetterlo: nel 2015 la produzione di idrocarburi si ridotta di circa il 10 per cento, ma le royalties riscosse dalla Regione sono crollate da oltre 26 a poco pi di 15 milioni. Calcolatrice alla mano, all'appello mancano circa 9 milioni.

All'elenco si potrebbero aggiungere poi numerose altre voci: dai 10,5 milioni di condanne della Corte dei conti mai riscosse dalla Regione al milione e 300mila euro di sanzioni per l'abusivismo rimaste solo sulla carta, fino al risparmio mai quantificato per la gara sulle autolinee che l'assessorato ai Trasporti rimanda da anni. E che ieri l'Ars ha rinviato di altri due anni. Per gli incassi c' sempre tempo.




http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2017/04/29/dai-musei-alle-spiagge-i-tesori-siciliani-milioniPalermo02.html?ref=search


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news