LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Nei musei bilanci in trasparenza per riuscire a misurare le performance
Antonello Cherchi
Sole24ore, 04/05/2017

Finora non era facile (per non dire impossibile) capire quanti soldi riceveva un museo e come li spendeva. Anche perch prima della riforma che ha reso autonomi 32 luoghi darte, ciascun museo era incardinato nella soprintendenza e non era altro che un ufficio di questultima. Dunque, non aveva un bilancio proprio e spese e ricavi finivano nella pi generale rendicontazione del soprintendente. Con lautonomia, concessa soprattutto ai musei pi famosi, lesigenza di saper fare di conto diventa, invece, necessaria, anche per capire come vengono investite le risorse e quali risultati si ottengono.


Il 52% dei musei italiani social, ma la fruizione delle opere digital limitata


Il Rei (rendiconto economico integrato) risponde a questa esigenza. Il nuovo sistema - promosso da Civicum, associazione che ha fatto della trasparenza della pubblica amministrazione la propria bandiera, e messo a punto da Boston Consulting - stato presentato al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e al ragioniere generale dello Stato Daniele Franco. Il nuovo standard gi stato sperimentato, con il beneplacito del ministero dei Beni culturali e il contributo della Ragioneria, in 26 musei, tra i quali tre autonomi (Galleria Borghese, Pinacoteca di Brera e Gallerie Estensi) e 23 siti che fanno riferimento ai poli museali della Puglia e dellUmbria.

Da estendere a tutti i musei
Dopo questa prima fase di test - a Brera si partiti quando lautonomia ancora non cera - i Beni culturali contano di estendere il Rei a tutti gli altri 424 musei, anche perch la normativa che ha riformato lorganizzazione periferica del ministero, introducendo per alcuni siti laut0nomia, ha espressamente previsto - articolo 1, comma 2 del decreto 23 dicembre 2014 - che lazione dei musei statali sia ispirata ai principi di imparzialit, buon andamento, trasparenza, pubblicit e responsabilit di rendiconto (accountability).


2016, anno record per i musei italiani. Le star: Colosseo e scavi

Due pagine di facile lettura
Il Rei, a differenza dei criptici bilanci statali, di facile lettura: due paginette in cui sono elencate le voci di entrata e uscita in modo comprensibile anche ai non addetti ai lavori e con in evidenza lavanzo/disavanzo, cos che tutti si possano fare unidea di come funziona un determinato museo, di come spende i soldi e di quali risultati ottiene. Il nuovo standard, che non sostituisce la rendicontazione statale ma vi si affianca, risponde ai principi contabili internazionali e in futuro, secondo Civicum, potr essere esteso a tutti i 75mila uffici periferici dello Stato, anche in considerazione del fatto che gratuito. Dunque, nessun carico sulle finanze pubbliche.

Anche i piccoli musei in controluce
La sperimentazione di Rei ha, per esempio, permesso di capire che Galleria Borghese nel 2017 conta di incassare 3,5 milioni di euro dalla vendita dei biglietti, che la Pinacoteca di Brera spender 1,3 milioni di canoni e utenze, che le Gallerie Estensi avranno 250mila euro di spese di restauro. Altrettanto si pu dire per i siti non autonomi e che fanno capo ai poli museali: il Rei ha messo in controluce quelli della Puglia e dellUmbria, per cui, per esempio, si pu sapere che nel 2017 Castel del Monte ad Andria avr quasi 370mila euro esborsi per il personale o il Palazzo Ducale di Gubbio pi di 33mila euro di manutenzioni straordinarie.

Monitoraggio esteso
Mentre per i musei autonomi tutto pi semplice, perch ormai sono entit a s stanti (e la manovrina in discussione in Parlamento ha previsto che possano reclutare figure professionali che mancano, proprio come quelle contabili, e ha raddoppiato il mandato dei direttori generali), per quelli che fanno capo ai poli museali il discorso pi complicato, perch i loro conti si perdono in quelli del polo. Tuttavia, si pu, come stato fatto per i 23 presi in considerazione nel testare il Rei, estrapolarli. Il ministro Franceschini ha , inoltre, affermato che si sta lavorando per fare in modo che anche quei siti abbiano una loro autonomia, in modo da mettere in piedi un meccanismo costante di monitoraggio del loro funzionamento.

Cittadini protagonisti
Quello attuato attraverso il Rei, ha ricordato il presidente di Civicum Stefano Cianchi, un esempio virtuoso di collaborazione pubblico-privato, che consente ai cittadini di partecipare attivamente e consapevolmente al controllo della macchina pubblica. Anche perch il nuovo standard, che pu essere implementato con nuovi parametri, consente il raffronto tra enti diversi e mette il ministero nella condizione di capire dove il sistema funziona e dove, invece, si inceppato.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news