LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le forbici dello Stato su cultura e ambiente
Di Tomaso Montanari
6 maggio 2017, LA REPUBBLICA



LA COSIDDETTA manovrina, e cio le disposizioni urgenti in materia finanziaria decise dal governo, che il parlamento dovr poi convertire in legge, si dice motivata dalla straordinaria necessit ed urgenza di introdurre misure finanziarie e per il contenimento della spesa pubblica. La ricetta quella che conosciamo ormai da quasi trentanni: la progressiva autoriduzione dello Stato, sia al centro che negli enti locali.
Come ben noto, non un processo solo italiano. Luciano Gallino ha scritto che il primo articolo della costituzione non scritta, ma applicata da decenni con maggior rigore di molte Costituzioni formali, in Europa, prescrive che lo Stato provvede da s a eliminare il proprio intervento o quantomeno a ridurlo al minimo, in ogni settore della societ: finanza, economia, previdenza sociale, scuola, istruzione superiore, uso del territorio.
Quali siano, in concreto, i frutti di questa lunga dissoluzione lo constatiamo attraverso le cronache pi recenti. E sono frutti che non riguardano le nostre economie, ma le nostre democrazie: le Ong (indegnamente bersagliate dagli imprenditori della paura) ci stanno ricordando con forza e fermezza che si trovano in mare a fare il lavoro che dovrebbero fare gli Stati. E in Italia, da una parte priviamo di mezzi le forze dellordine, dallaltra armiamo le mani dei cittadini, spingendoli di fatto a difendersi da soli.
Ebbene, siamo sicuri che uno dei principali problemi della nostra crisi democratica non sia proprio questa inesorabile distruzione del pubblico, e la conseguente, selvaggia privatizzazione di funzioni vitali?
La domanda diventa stringente quando si leggono le voci della spesa ministeriale che risultano ridotte nelle tabelle accluse alla suddetta manovra del governo Gentiloni. Accanto ai tagli a fronti strategici come le politiche per il lavoro o lamministrazione penitenziaria, spiccano riduzioni che assomigliano a suicidi: per esempio i 5.996.000 euro tolti al diritto allo studio universitario in un Paese che penultimo in Europa per numero dei laureati. O i 5.799.000 euro tolti alla ricerca scientifica e tecnologica applicata e di base.
Lasciano di stucco anche i tagli al ministero per lAmbiente. Davvero possiamo permetterci di sottrarre anche solo 2.762.000 euro ai pochissimi destinati alla tutela del territorio? Proprio l dove dovremmo avere la forza di innescare una grande impresa neokeynesiana che finanzi lunica opera utile, e cio la rimessa in sesto del territorio, siamo invece ridotti a sottrarre alla nostra stessa sicurezza qualche spicciolo.
E poi c la cultura, tradizionale vittima sacrificale. Lex commissario alla spending review Carlo Cottarelli ha spiegato in un suo libro assai istruttivo (La lista della spesa. La verit sulla spesa pubblica e su come si pu tagliare, 2015) perch spendiamo troppo in quasi tutti i settori tranne cultura e istruzione. Evidentemente il governo Gentiloni non daccordo, e taglia 5,455 milioni alla voce tutela del patrimonio culturale (gi allo stremo). E non basta: ci si accanisce togliendo 220.000 euro (!) alla tutela archeologica, 599.000 alla tutela e valorizzazione dei beni archivistici, 992.000 alle martoriate biblioteche, 552.000 alla tutela delle belle arti e tutela e valorizzazione del paesaggio.
Il ministro Padoan ha dichiarato che non si tratta di tagli lineari, ma selettivi. Il che pare in effetti innegabile, visto che lo stesso decreto stabilisce (allart. 22, comma 6) che i supermusei, i cui direttori e consigli scientifici sono stati scelti e nominati direttamente dalla politica, possono avvalersi, in deroga ai limiti finanziari previsti dalla legislazione vigente, di competenze o servizi professionali nella gestione di beni culturali.
In altre parole, mentre la tutela del territorio viene tagliata (cos da dare il colpo di grazia alle morenti soprintendenze), si incrementa invece la discutibile attivit promozionale di questi musei, dove ormai non si produce pi conoscenza, ma si fa solo marketing. Quando Barack Obama si rifiut di tagliare la spesa per la ricerca e listruzione, spieg che non si poteva sperare di far ridecollare un aereo buttandone fuori bordo il motore. Il punto che forse noi non abbiamo ben chiaro quale sia, il nostro motore.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news