LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - Continua a fornire eccezionali sorprese il sito archeologico della Tosina di Monzambano
di Francesco Romani
04 maggio 2017 GAZZETTA DI MANTOVA

Continua a fornire eccezionali sorprese il sito archeologico della Tosina di Monzambano, un villaggio neolitico risalente a 6mila anni fa. Nell'ultima campagna di scavo stato ritrovato, pressoch intatto, lo scheletro di un cane, un rinvenimento rarissimo per questa epoca. Sar lui, oltre a fornire importanti indicazioni sullo stile di vita di questi nostri antenati, a fare da mascotte per lo scavo. L'quipe dei ricercatori ha infatti deciso, d'accordo con l'amministrazione comunale, di coinvolgere le scuole perch siano i bambini a dare al cane un nome, un'immagine ed anche a inventare le storie che accompagneranno questo ritrovamento che potrebbe essere il filo conduttore di un possibile futuro parco archeologico del Mincio.La scoperta casuale. La Tosina fu individuata, come spesso accade nel mondo delle scoperte archeologiche, per caso. Un agricoltore che arando in profondit il terreno vide emergere delle pietre scheggiate. La fortuna, anch'essa ingrediente indispensabile delle svolte storiche, volle che quei primi reperti finissero in mano a Emilio Crosato, laureato in archeologia che rimase sbalordito di quel ritrovamento. Organizzando da solo piccole campagne di raccolta superficiale si rese conto di trovarsi di fronte ad un immenso giacimento archeologico. Un abitato, poi confermato della datazione al radiocarbonio, di seimila anni fa, quando le popolazioni che gi esistevano e rimaste legate ad un passato mesolitico vennero soppiantate da gente nuova, portatrice di una civilt pi evoluta, neolitica, che quindi continuava a lavorare la pietra, ma conosceva l'agricoltura e l'allevamento.Un emporio commerciale. Quella cultura che come un'ondata si diffuse in tutta l'Alta Italia e caratterizzata dalla capacit di modellare i vasi di terracotta (cultura dei "vasi a bocca quadrata" venne chiamata) sembrava, prima della scoperta della Tosina, non essersi insediata a sud del Garda. Invece le numerosissime tracce oggi portano a ritenere gli studiosi che proprio qui si trovasse una sorta di emporio, un "centro commerciale" della selce lavorata che proveniva dalle cave dei vicini monti Lessini, nel Veronese, e che poi, dopo le lavorazioni degli artigiani locali, veniva scambiata con prodotti di altre zone. Qui sono state trovati reperti che provengono dalla Provenza e dalle isole del mediterraneo. Non solo.Confini immutati sino ad oggi. La Tosina benefici della sua posizione strategica per diventare un emporio commerciale, L'abitato, che forse ospitava tre, quattrocento persone, sorgeva probabilmente su una sorta di isolotto, circondato da una palizzata per contenere gli smottamenti. Le capanne di legno e paglia erano fissate al terreno con pali infissi. E, caso unico, i confini di questo villaggio dell'et della pietra, sono rimasti immutati sino ad oggi, preservati da un rilievo ovale che si stacca dai terreni circostanti ed facilmente individuabile dall'alto. Inesplorato il 99%. Le campagne di scavi iniziate nel 2006 hanno indagato poco pi dell'1% dell'enorme sito di 50mila metri quadri portando alla luce circa 70mila reperti individuando le buche dei pali delle capanne, i silos di stoccaggio delle derrate alimentari, le discariche. Oggi le potenzialit sono enormi (resta il mistero dell'assenza di ossa umane)e la Tosina potrebbe rivelarsi il sito neolitico pi importante dell'Alta Italia, come emerso dal recente convegno di Castellaro. Per il prossimo biennio gli scavi saranno condotti in sinergia con l'universit di Firenze. Quegli uomini, che conoscevano un rudimentale pane, l'uva, tessevano, pescavano e cacciavano, allevavano soprattutto bovini e suini, ma integravano l'alimentazione con la cacciagione. Il cane intatto. In questo contesto - spiega l'archeozoologo Fabio Bona, paleontologo dello scavo - va inserita la presenza del cane. Animale addomesticato partendo dal lupo gi nel 10mila avanti Cristo. I ritrovamenti di cani sono molto rari. Si trovano a volte resti di ossa, ma non scheletri interi, come qui e nel vicino scavo di Valdaro dove lo scheletro di un cane stato ritrovato appoggiato sui piedi di una persona sepolta.Un segno evidente che il cane, oltre che per la cura delle mandrie allevate e per la caccia, era considerato animale da compagnia. Una testimonianza confermata, probabilmente anche alla Tosina poich dall'esame delle ossa risultata una frattura cicatrizzata ad una vertebra. Segno che l'animale ferito non era stato soppresso - spiega Bona - ma aveva continuato a vivere con gli umani.Mascotte dei bimbi. Ora, grazie all'impegno dell'archeologa Raffaella Tremolada che lavora nell'quipe di Crosato e dell'amministrazione comunale, saranno i bambini a dare un nome al cane. Un esemplare adulto, di taglia media - conclude Bona - dell'altezza di 47-48 centimetri, dal muso pronunciato come lo sono oggi i bastardini incrociati con il cane lupo. Ho gi fatto alcuni incontri nelle scuole primarie di Monzambano e Ponti sul Mincio - spiega la Tremolada - e saranno coinvolte le classi dell'infanzia. La proposta quella di dare un nome alla mascotte degli scavi, ma anche provare ad immaginarne i contorni e la storia. Un coinvolgimento attivo che avr come esito la presentazione dei lavori alla manifestazione Fantalibrando del 13 e 14 maggio a Monzambano. Con l'idea che questa mascotte diventi il simbolo del futuro parco archeologico del Mincio.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news