LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinque Terre, l'assalto Il governo: "Stop alle liti ora il piano di rilancio"
di MASSIMO MINELLA
10-5-2017 LA REPUBBLICA


Cinque Terre a numero chiuso, Monterosso dice no: Progetto irrealizzabile"


UN POST preceduto da una straordinaria immagine di Manarola. Il sottosegretario ai Beni Culturali Ilaria Borletti Buitoni legge l'intervista di Repubblica al sindaco di Monterosso Emanuele Moggia e risponde immediatamente (con tanto di foto allegata). Purtroppo, come spesso succede in Italia, le polemiche hanno impedito di guardare in faccia la realt. Senza contare l'effetto dannoso di un turismo non sostenibile, vedi il caso di Venezia o quello delle Cinque terre spiega. Ma allora, come procedere? Borletti Buioni invita tutti a compiere un'operazione di serio realismo . Una citt come Venezia, che ha ancora 54.000 abitanti, pu sopportare il peso di 30 milioni di turisti all'anno? spiega Possono Capri, o le Cinque Terre reggere in certi momenti dell'anno flussi tali che non permettono di camminare e di godere delle bellezze che questi luoghi offrono?. Nel frattempo, anche commercianti e residenti intervengono dopo le parole del primo cittadino di Monterosso. Condivisione sul no al numero chiuso, che si tradurrebbe in un boomerang. Ma riserve sull'ipotesi del centro di raccolta delle prenotazioni che potrebbe a sua volta creare problemi. Di certo, una situazione da gestire e risolvere.



Troppi messaggi confusi, troppa semplicit nellaffrontare un tema che avrebbe invece solo bisogno di grande conoscenza del territorio e delle sue fragilit. Emanuele Moggia, sindaco di Monterosso, manifesta senza troppi giri di parole la sua differenza di vedute sul tema Cinque Terre a numero chiuso. Lultimo intervento sulla materia, in ordine di tempo, arrivato nel fine settimana dal viceministro dei Beni Culturali Ilaria Borletti Buitoni, che ha parlato di regolamentazione dei flussi turistici come di una soluzione ineludibile.

Ma come procedere per arginare un fenomeno turistico che non sembra pi conoscere soste alla Cinque Terre, complice anche l'arrivo dei croceristi che sbarcano nel porto della Spezia e a migliaia, in poche ore, chiedono di vedere questo territorio tanto straordinario quanto fragile? Dobbiamo chiarire meglio spiega Moggia si sta facendo troppa confusione, si stanno lanciando messaggi anche contraddittori che possono risultare controproducenti, anche a breve termine.

Il governo parla di "numero chiuso". Che ne pensa, sindaco Moggia?

Che non si pu parlare di questi temi senza coinvolgere prima le comunit e le amministrazioni interessate e concordare con esse una strategia. E non tutto.

In che senso?

Non si pu considerare come unico interlocutore il Parco delle Cinque Terre. Il legame con il viceministro Buitoni, che viene spesso evocato dal nostro presidente, positivo, ma non pu sfuggirci che sono le amministrazioni comunali ad avere l'onere e la responsabilit di garantire ordine pubblico e sicurezza, da una parte, e contemperare esigenze dei residenti e delle legittime attivit imprenditoriali, dall'altra.

E l'obiettivo viene centrato?

Spesso le amministrazioni non sono messe in grado di intervenire in modo efficace sia per l'impossibilit di usare risorse che hanno, sia per i limiti normativi. Mi riferisco alla boutade della Lega sull'esercito da mettere sui treni. Piuttosto di generare allarmismi, signori, bisogna fare in modo che i sindaci possano assumere vigili per intervenire contro abusivismo commerciale, edilizio, rispetto dello Ztl e si possano potenziare i contingenti dei carabinieri nei paesi.

Pare di cogliere una presa di distanza dal Parco, sindaco Moggia...

No, ma a volte si fa confusione. giusto ricordare che le Cinque Terre non sono il Parco, ma cinque paesi in tre Comuni, con quasi cinquemila residenti.

Torniamo al cuore del problema, il numero chiuso. Perch no?

Il numero chiuso alle Cinque Terre praticamente irrealizzabile, perch va in serio conflitto con i diritti costituzionali, come l'articolo 16, e con la carta europea dei diritti. E rischia di risultare un boomerang.

E allora quale potrebbe essere l'alternativa?

Quello che necessario per affrontare e cercare di risolvere il problema un coordinamento a monte con misure che devono essere condivise e omogenee in tutti e cinque i paesi e devono essere adeguatamente strutturate. In questo, il ministero pu e deve darci supporto e aiuto.

Ma come si potrebbe procedere?

Bisogna intercettare i flussi di gruppi organizzati a priori, prima che arrivino sul territorio, perch sono soprattutto questi la causa dei problemi. E poi si devono distribuire questi flussi nel tempo e nello spazio, insomma, spalmarli in quei paesi che, in quel momento, non sono ancora sovraccarichi.

A che cosa pensa, di preciso, per gestire questa situazione?

A un centro unico di prenotazione nel quale siano obbligati a registrarsi, qualche giorno prima di partire, i gruppi con pi di quindici, venti persone. Questo centro potr distribuire i gruppi in eccesso che vogliono visitare quel tale paese in quella tale data e fascia oraria in un altro paese e viceversa.

Una carta in pi nelle mani delle amministrazioni, quindi?

S perch questo potr garantirci di conoscere in tempo reale quanti gruppi sono presenti sul proprio territorio comunale, anche per avvisarli o evacuarli in caso di necessit, come per un'allerta meteo o per problemi correlati.

E cos si potrebbe risolvere il problema degli accessi alle Cinque Terre, secondo lei?

Se
adeguatamente implementato e istituzionalizzato a mio avviso questo sistema potrebbe garantire a tutti la possibilit di venire alle Cinque Terre e di fruire di una esperienza piacevole. Il problema c' e non di facile soluzione, siamo sinceri. Per questo serve un lavoro serio e coordinato. Bisogna affrontare il problema con metodo scientifico, direi. Ma certi proclami spot sono inutili per trovare una soluzione efficace e realistica.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news