LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vendesi Vittoria il teatro "rosso" cuore di Testaccio costa tre milioni
ALESSANDRA PAOLINI
07 maggio 2017 la Repubblica






IL teatro Vittoria, 560 poltroncine di velluto rosso nel cuore di Testaccio, in vendita. Tre milioni di euro: "Per 1160 metri quadrati suddivisi tra platea e galleria" si legge su immobiliare.it, il portale dello spot coi bambini e il ritornello "Qualunque sia la casa dei tuoi sogni".

Sogni che stavolta, per la cooperativa "Attori e tecnici" potrebbero svanire definitivamente. La proprietaria delle mura, Vittoria Amati (a Roma sono stati una dinastia storica di proprietari di cinema) ha deciso di uscire allo scoperto e mettere l'annuncio sul portale. Oltre che in bella vista nell'agenzia immobiliare poco distante da piazza Santa Maria Liberatrice. La piazza dove nell'84 Attilio Corsini, "teatrante di talento e di passione", come lo defin Gianni Min il giorno della sua morte, lo prese in gestione fondando la cooperativa che lo trasform da vecchia sala cinematografica abbandonata in un teatro capace di diventare da subito punto di riferimento per un quartiere all'epoca ancora tanto popolare. Lontanissimo da mode e da movida. Forse sar stata anche questa allure proletaria a spingere la Sinistra a scegliere il Vittoria come location di molti eventi. L'ultimo in ordine di tempo, a febbraio scorso: in scena lo scisma anti Renzi e la nascita dei Democratici socialisti. Con D'Alema e Bersani in prima fila.

Ora chiss, se venduto, il teatro potrebbe ospitare gli altri momenti salienti del Pd con una bella spaghettata. S perch la propriet vorrebbe cederlo a gente dello spettacolo dicono dalla Coldwell Banker Futura, gruppo che ha il mandato a vendere - Ma la struttura ha canna fumaria e potrebbe trasformarsi in un luogo di pi moderna concezione dove vede uno spettacolo e volendo si mangiare.

Il vendesi, per gli inquilini storici non un fulmine a ciel sereno. Ora solo pubblicizzato racconta Viviana Tonioli, vedova di Attilio Corsini -. Gi nel'98 abbiamo combattuto contro lo sfratto. Bloccato grazie al decreto che impediva alle attivit storiche il cambiamento di destinazione d'uso. Le cronache del tempo parlano della mobilitazione di un intero quartiere. E della difesa dell'allora assessore Gianni Borgna e del ministro dei Beni Culturali, Giovanna Melandri che a Testaccio aveva vissuto per anni. "Un supermarket al posto del teatro", i titoli dei giornali. Non so se volessero davvero farci un supermercato , continua la signora Viviana. Quel che so che tutto venne bloccato e che ora noi paghiamo un affitto mensile salatissimo: quasi 15 mila euro.

Tanti soldi da mettere insieme anche per un teatro che ha avuto ospiti internazionali, grandi mattatori, con produzioni divenute un cult: "Rumori fuori scena" prima fra tutte, La signora Amati vende perch vuole trasferirsi a Londra dove vive la sua famiglia - spiega Toniolo - capisco le sue esigenze... Ma a questo punto cosa sar di noi? Certo, la cifra richiesta alta, se dovesse farsi avanti un compratore, spero almeno non ci sfratti. La speranza continuare a lavorare. E restare anche uno dei luoghi preferiti dal Pd? Se sapevo che l'evento di febbraio finiva con la scissione del partito, non gli avrei mai dato la sala, a quei tre, taglia corto la vedova Corsini. Battagliera, anche qui.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news