LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei presa d'assalto Osanna corre ai ripari "Pi custodi e nuovi tour"
BIANCA DE FAZIO
09 maggio 2017 LA REPUBBLICA

IL direttore della Soprintendenza di Pompei Massimo Osanna convoca un summit. Dopo il boom di presenze di domenica, con 26mila visitatori, vanno trovate nuove soluzioni per scongiurare che la fruizione di Pompei si trasformi in un boomerang per il sito. Domani ( oggi per chi legge, ndr) riunisco la commissione che lavora sulla fruizione degli Scavi. Primo passo, chiedere al Mibact di allargare i cordoni della borsa e trovare le risorse per pagare gli straordinari al personale impegnato nella vigilanza.

Nelle domeniche gratuite l'afflusso di turisti e visitatori cresce in maniera incontrollata. E pericolosa. Al punto che domenica scorsa si sono dovuti chiudere i cancelli degli Scavi gi alle 11 (e non alle 12,30 come prevedono le norme antiaffollamento gi varate dalla soprintendenza) perch gli ingressi erano gi 15mila. Una soglia dalla quale non possiamo derogare: non sarebbe per noi possibile controllare un numero maggiore di visitatori. E di questo passo chiuderemo l'anno sfiorando la cifra record di quattro milioni di ingressi. Dunque, dopo aver per anni lavorato alla messa in sicurezza e al restauro della citt antica, dobbiamo ora concentrarci sulla ricerca di nuove soluzioni per la sua fruizione, afferma Osanna. A iniziare dal restringimento degli orari di apertura. Alla luce dei flussi di visitatori, dobbiamo forse anticipare la chiusura dei cancelli alle 11, come abbiamo fatto domenica per tamponare l'emergenza. E poi vanno indirizzati i visitatori verso itinerari pi differenziati: oggi che Pompei per tre quarti aperta, restituita al pubblico, bisogna insistere sugli itinerari diversificati, indurre i visitatori a non scegliere la "solita" via dell'Abbondanza, magari anche attraverso i social o le informazioni fornite all'ingresso.

I numeri di domenica scorsa sono impressionanti: 26.108 le persone che hanno scelto Pompei, 9.916 quelle che sono andate a Capodimonte, 6.074 quelle che hanno percorso le sale dell'Archeologico, 5.764 a Paestum, 5.663 a Ercolano. E se il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini afferma che le domeniche gratuite sono state e continuano a essere un grande traino per i musei italiani, con numeri da record anche nei siti minori, la gestione di questi flussi cos imponenti diventa tema di riflessione, quando non di vero e proprio allarme. Restiamo a Pompei: il primo maggio vi furono 12mila visitatori, e nel ponte del 25 aprile il maggior numero di ingressi raggiunse quota 17.309. Ma sono le domeniche a ingresso gratuito a richiamare singoli e famiglie, e i fruitori locali. I gruppi sono relativamente pochi se vero che due giorni fa, a fronte di 26mila ingressi, a Pompei le visite guidate a pagamento sono state una quindicina. I beni culturali diventano un fenomeno di massa e crescono i rischi per la tutela. Sono giunte al nostro centralino raccontano gli addetti all'accoglienza anche richieste assurde: qualcuno voleva portare il barbecue, altri chiedevano l'autorizzazione per un pic nic. E se la biglietteria e il servizio di distribuzione di mappe e guide hanno funzionato senza intoppi per tutta la giornata di domenica (e anche ieri, mentre gli uffici amministrativi erano chiusi per la festivit dell'8 maggio), se il grosso dei turisti si concentrato nelle prime ore del mattino, la decisione di chiudere i cancelli alle 11 stata presa dal direttore Osanna anche confrontandosi con i carabinieri, che hanno un presidio negli scavi e sono stati in servizio durante tutto il grande assalto a Pompei.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news