LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - E il Comune si oppone alle colate di cemento sugli ex terreni di Ligresti
ALESSIA GALLIONE
12 giugno 2017 LA REPUBBLICA



L'IMPERO dell'ex re del mattone crollato da tempo sotto i debiti. Ma l'eredita di Salvatore Ligresti con i suoi terreni sparsi per mezza Milano e con un bottino di diritti edificatori accumulato nei decenni torna adesso a bussare alle porte. Una vicenda che incrocia la corsa di diversi operatori immobiliari che, prima della legge sul consumo di suolo della Regione, si sono affrettati a presentare negli uffici del Comune progetti per "congelare" le volumetrie acquisite.

Tra quei piani attuativi, come si chiamano tecnicamente, quattro riguardano la galassia che in passato apparteneva all'ingegnere di Patern. Disegni di nuovi quartieri in gran parte residenziali dagli indirizzi e dai destini diversi. Per palazzi immaginati su 147mila metri quadrati a Nord, a Bruzzano, non dovrebbero sollevarsi rivolte. Ma l, sempre l, ai confini con il Parco Sud, in due casi che riguardano altrettanti progetti su un'area di 167mila metri quadrati in via Bellarmino e altri 375mila metri quadrati in via Vaiano Valle, rischiano di aprire uno scontro tra Palazzo Marino e i nuovi proprietari di Unipol. Il problema: troppo cemento richiesto perch la zona possa sopportarlo. E per capirlo basterebbero le parole dell'assessore all'Urbanistica Piefrancesco Maran: Si tratta di progetti che abbiamo ricevuto e che non abbiamo condiviso n condividiamo: saranno analizzati scrupolosamente a cominciare dalla valutazione di impatto ambientale. I diritti edificatori vanno interpretati come una quantit massima e non un minimo, specialmente in prossimit del Parco Sud. In zone come quelle che, tra l'altro, non hanno collegamenti di trasporto pubblico forti non capisco proprio come possano essere realizzati volumi importanti. Tradotto: bisogna tagliare drasticamente le costruzioni.

Ancora una volta, il fronte caldo quello ai margini del polmone agricolo della citt. in questa fetta di Milano che Ligresti aveva concentrato le sue mire. E non solo. Perch per capirla, questa storia, bisogna ripartire dalle macerie lasciate da don Salvatore. Una matassa che la giunta Pisapia inizi a sbrogliare facendo passare sotto il controllo del Comune, ad esempio, l'area della cascina Campazzo e il parco del Ticinello. Adesso, anche la giunta Sala tenta di mettere una diga attorno al Parco Sud. Che cosa accaduto? La legge sul consumo di suolo ha accelerato la presentazione di alcuni progetti tra cui quello sull'ex Piazza d'Armi della caserma Perrucchetti oggi di Invimit, societ del ministero del Tesoro. cos che, dal crac Ligresti, sono rinati i piani sul tavolo del Comune. Tre sono di Unipol. Le (forti) perplessit dell'amministrazione si concentrano in particolare su Bellarmino e Vaiano Valle. Su questi terreni sono state fatte calare tutte le quantit di case e negozi che sarebbe possibile realizzare. Troppe per zone non collegate e vicine al verde. Qualche ricucitura, insomma, andrebbe bene, ma il peso delle volumetrie dovrebbe diminuire.

Diverso il caso di Bruzzano, una delle aree tra l'altro che nel 2009 scaten la guerra dell'urbanistica tra Ligresti e la giunta Moratti. Anche l Unipol vorrebbe veder spuntare abitazioni. Ma l, dice Maran, dove invece stata costruita una stazione ferroviaria, avrebbe senso programmare un intervento di qualit. Nella lista dei nuovi quartieri richiesti c' anche via Natta, non lontano da San Siro, in mano a un altro operatore che non la compagnia di assicurazioni. L'intervento diviso in due: una parte riguarda uffici e dovrebbe essere meno critica; per altre costruzioni, invece, i residenti sono sempre stati contrari. E l'assessore dice: Sentiremo il parere del Municipio e li valuteremo insieme.

Il risiko per non finisce qui. Su un'altra area considerata agricola strategica, quella della cascina Melghera in zona parco di Trenno, e ancora di propriet Unipol, l'Inter avrebbe messo gli occhi e ci sarebbe anche un piano gi presentato in modo congiunto per realizzare campi sportivi e il suo nuovo centro di formazione giovanile. Una partita, questa, ancora aperta. Con Palazzo Marino che, per, preferirebbe altre opzioni a cominciare dall'ex Piazza d'Armi.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news