LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Spinosa: Ecco la vera anima di Capodimonte
di Vincenzo Esposito
8 giugno 2017 corriere del Mezzogiorno

Si presenta gioved 8 maggio alla Societ di storia patria lultimo catalogo sulle collezioni del museo. Il 60% delle opere resta ancora in deposito

Oggi si presenta lultimo volume della collana sulle raccolte storiche e postunitarie del museo di Capodimonte, fondata e diretta da Nicola Spinosa ed edita da Electa. Il capitolo, il nono, tratta dei dipinti del XVII e XVIII secolo delle scuole italiane ed europee. la prosecuzione spiega lex soprintendente del polo museale di un lavoro iniziato nel 1994. Lultimo volume era stato pubblicato nel 2010.

Come mai trascorso tanto tempo?
Sei anni sono tanti. Come scrivo nella prefazione, il volume era pronto gi nel 2011 ma ci sono stati un po di problemi e non si trovavano i fondi per pubblicarlo. Diciamo che dopo il mio pensionamento chi era disposto ad investire sparito.

Vecchia storia...
Ma per fortuna c ancora chi interessato allarte e a Napoli. Cos qualche mese fa Errico di Lorenzo, presidente degli Amici di Capodimonte, mi ha chiamato e mi ha detto che la Matthiesen Foundation, societ di Londra che in genere si occupa di medicina, era pronta a darci una mano. Il suo vertice ama Napoli ed un appassionato darte.

Dalla citt nessun cenno di aiuto.
Quello che abbiamo fatto in questi anni stato un lavoro molto importante. La catalogazione di un patrimonio artistico che appartiene a una citt che stata una delle pi grandi capitali del mondo e che ancora una metropoli dove varie culture si incontrano, dialogano e danno vita a nuove forme artistiche. I nostri volumi sono stati un laboratorio di formazione, unoccasione di conoscenza, un centro di studio che ha fatto nascere decine di ragazzi che sono diventati poi professionisti qualificati e sono andati a gestire tesori darte in tutta Italia. Napoli crea.

Professore, stasera alle 18, la presentazione nella sede della Societ di storia patria al Maschio Angioino. Ma non sarebbe stato pi naturale farla al museo di Capodimonte?
Ovvio, ma l non ci hanno voluti. Ci saranno delle ragioni che non conosco.

Eppure il direttore Sylvain Bellenger firma la seconda introduzione del catalogo?
Noi abbiamo fatto i nostri inviti, altri hanno chiuso le porte di quella che non casa loro a una iniziativa che arricchisce la citt. Alcuni musei mi hanno proposto di presentare il volume ma sono stato costretto a dire di no per non tradire un luogo che amo e che ho contribuito a creare. Cos ho scelto la Societ di storia patria di cui sono socio e che super partes.

Ci parli del catalogo?
riservato ai dipinti del XVII e XVIII secolo delle scuole italiane ed europee con opere, tra gli italiani, di Guido Reni e Domenichino, del Grechetto e Artemisia Gentileschi, di Carlo Saraceni e Sebastiano Ricci, di Panini e Bellotto, o, tra gli stranieri, di Simon Vouet e Mattia Stomer, Claude Lorrain e van Dyck, di Finson e van Somer, con laggiunta di alcune tele giovanili e del periodo romano di Jusepe de Ribera.

Quanta bellezza. Ma possibile vedere queste opere nel museo di Capodimonte?
Non tutte. Il 60 per cento nei depositi. Per i napoletani devono sapere la consistenza del loro patrimonio artistico. Noi abbiamo fatto questi cataloghi pensando alla citt, per diffondere conoscenza. Anche per questo alla presentazione ho chiesto al professore Mascilli Migliorini di parlare dellimportanza dellarte per Napoli e di Napoli per larte.

Cio?
Pensiamo, ad esempio, a Caravaggio e al suo viaggio in citt. Ma crede che la sua arte non sia stata influenzata da Napoli? Abbiamo realizzato anni fa una mostra che lo spiegava bene. E Picasso? Ora si espone il suo Parade senza spiegare come i pastori del presepe, visti dal pittore a San Martino, lo abbiano influenzato. E Ribera? Ci sarebbero tanti esempi da fare.

Parade, Capodimonte. Gli allestimenti realizzati da lei hanno resistito tanto tempo, ma ora vengono messi in discussione.
Noi abbiamo lavorato fin dal 1993 sulle collezioni perch sono legate alla storia. La Farnese, quella Borbonica. Opere darte raccolte secondo un criterio, secondo unanima che alla fine quella di Napoli. Il senso dare un filo conduttore. Ora si vuole cambiare tutto. Creare un percorso che racconti come si sia sviluppata la storia dellarte in Italia. Ma mancano alcune pagine e si finir con il presentare un compitino scolastico che toglier lanima a Capodimonte. Qui si racconta lidentit di Napoli, la sua personalit nella storia e nella pittura come nel gusto. Non si pu mescolare tutto e preparare un minestrone. Quando arriv il nuovo direttore un eminente rappresentante del governo in visita al museo gli disse: devi rivoltare Capodimonte come un calzino. Chi paragona una delle pi importanti pinacoteche del mondo a un pedalino non che ne capisca molto di arte. Ora portare qui Vermeer, prestare in giro i nostri capolavori, esporre Van Gogh rubati e recuperati fa parte della strategia commerciale. Manca un progetto. E se c, nessuno lo ha visto. Nei depositi, come testimoniano i nostri cataloghi, ci sono migliaia di opere. Usiamole.

Come?
Qualche tempo fa proposi di prendere cinquecento pezzi, fare una mostra, e mandarla in giro per il mondo. I musei di mezzo pianeta sarebbero disposti a pagare enormi cifre pur di accaparrarsela. E con quei soldi si potrebbe restaurare, creare sviluppo, lavoro.

E come andata a finire?
Lungo da spiegare. Troppi interessi contro. La mostra non si mai fatta.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/17_giugno_08/napoli-spinosa-ecco-vera-anima-capodimonte-9c27acb4-4c32-11e7-a10c-23643a648136.shtml


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news