LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Ricorsi e nuove offerte per l’Arsenale. Il recupero nelle mani del nuovo sindaco
Lillo Aldegheri
Corriere del Veneto - Verona 17/6/2017

VERONA. L’Arsenale slitta a dopo il ballottaggio. Giovedì prossimo avrebbero dovuto essere aperte le buste con le offerte per il restauro del grande compendio asburgico. Nelle buste c’è l’offerta di Italiana Costruzioni ma dovrebbe essercene una anche di Pessina Costruzioni , ma sul sito comunale, è apparsa una nota in cui si dice che tutto è rinviato a data da destinarsi.

VERONA. L’Arsenale slitta a dopo il ballottaggio. Giovedì prossimo, 22 giugno, avrebbero dovuto essere aperte le buste con le offerte per il restauro del grande compendio asburgico, nel cuore di Borgo Trento. Nelle buste c’è l’offerta di Italiana Costruzioni ma dovrebbe essercene una anche di Pessina Costruzioni, impresa nota anche per aver partecipato, tempo fa, al salvataggio del quotidiano economico l’Unità. Adesso però, sul sito comunale, è apparsa una noticina in cui si dice che tutto è rinviato a data da destinarsi.

Perché? Per il combinato disposto, direbbe un avvocato, di due fatti: un nuovo ricorso al Tar presentato 9 giorni fa da Legambiente e dal Comitato Arsenale, da un lato, e una richiesta di proroga presentata da una delle imprese partecipanti (verosimilmente la Pessina) dall’altro. Il ricorso, redatto dagli avvocati Fausto Scappini e Antonio Sartori e presentato lo scorso 8 giugno, è firmato tra gli altri dalla presidente nazionale di Legambiente, Rossella Muronim, e dal promotore del comitato Arsenale, Italo Monaco.

La contestazione riguarda soprattutto la famosa variante urbanistica dell’11 aprile scorso, poi approvata (nonostante un altro ricorso specifico) anche dall’amministrazione provinciale. La tesi dei ricorrenti è che il progetto di Italiana Costruzioni viola le regole sul limite degli insediamenti commerciali (quelli previsti sarebbero troppi), regole previste dal Piano di assetto territoriale (Pat) del Comune di Verona, che avrebbe dovuto a sua volta essere «variato» con apposita delibera (la variante adottata riguarda invece il Piano degli Interventi).

Oltre a ciò, i ricorrenti denunciano altri numerosi vizi di illegittimità. Di qui la richiesta di sospendere immediatamente tutta la procedura, anche perché, scrivono i contestatori con un’osservazione tutta politica, «nel mese di giugno si terranno le elezioni, verrà eletto un nuovo sindaco e una sospensione degli atti gli consentirà di esaminare compitamente la questione, senza trovarsi a dover gestire situazioni che potrebbero compromettere il suo mandato». Dopo di che viene richiesto di annullare tutti i provvedimenti citati (a partire dalla variante urbanistica votata in aprile dal consiglio comunale) in quanto illegittimi.

Sul secondo fronte, intanto, è arrivata una nuova richiesta di proroga dei termini, da parte del gruppo Pessina Costruzioni che chiederebbe più tempo, probabilmente per migliorare la propria proposta. Di fronte a questo attacco concentrico, per così dire, la giunta comunale sembra avere adesso due strade aperte: o lasciare chiuse le buste con le offerte, almeno fino alla sentenza del Tar (prevista per il 29 giugno, quattro giorni dopo il ballottaggio), oppure decidere una vera e propria proroga dei termini. Al momento, come detto, è comunque ufficiale che, come spiega il sito del Comune, «la prima seduta pubblica per l’espletamento della procedura di gara - fissata per il 22 giugno 2017 - è posticipata a data non ancora definita». Data che sarà comunque successiva a quella del ballottaggio elettorale del 25 giugno.

Insomma, sarà faccenda nelle mani del nuovo sindaco. Ricordiamo che se sarà eletta Patrizia Bisinella, il Comune procederà ovviamente con l’iter già iniziato, mentre Federico Sboarina non ha escluso (dopo aver fatto e rifatto tutti i calcoli necessari) di pagare anche la penale milionaria prevista per bloccare l’iniziativa. Secondo il grande oppositore del progetto, Michele Bertucco, «se da una parte viene confermata la data di consegna delle offerte, già slittata una volta per il sopraggiunto interessamento di Pessina Costruzioni, dall’altro lato l’apertura delle buste, che avrebbe dovuto tenersi il 22 giugno alle 9.30 del mattino, dunque qualche giorno prima del ballottaggio, è stata rimandata a data da destinarsi. Questo significa – sottolinea Bertucco - che le valutazioni di merito sull’adeguatezza delle offerte pervenute toccheranno alla prossima amministrazione».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news