LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Quei troppi silenzi attorno allurbanistica
Attilio Belli
Corriere del Mezzogiorno 22/6/2017

Bruno Discepolo ha proposto una riflessione sul significato che la probabile soppressione della cupola progettata da Fuksas per la stazione Duomo del metr porta con s.

Lo ha fatto in un articolo su Il Mattino che, gi nel titolo Se le scelte non sono mai condivise, mette a fuoco proprio questo significato.

Di che si tratta? Si tratta di una tendenza al silenzio prodotta dalla convinzione che il dibattito pubblico sia non solo inutile, ma anche dannoso, estesa giustamente nello stesso articolo allatteggiamento che i responsabili della trasformazione dellarea di Bagnoli hanno recentemente manifestato. Un atteggiamento nella scena napoletana, n nuovo, n di importanza secondaria. Molto pi forte nelle vicende urbanistiche della nostra citt che altrove, in Europa e in generale nel mondo occidentale. Quali sono le motivazioni di questa anomalia? Credo che interrogarsi sui motivi di fondo di questo atteggiamento non sia un esercizio inutile. Tradizionalmente il silenzio tendeva a proteggere scelte che favorivano interessi particolari, negativi per il cosiddetto bene pubblico, sveltamente, ma non impropriamente, etichettate come speculazioni.

Ma sarebbe sbagliato ridurre la riflessione solo a questo. Il silenzio trovava alimento, giustificazione, anche in un dibattito pubblico non organizzato, brado, finalizzato prevalentemente a una interdizione, talvolta addirittura pregiudiziale, nei confronti delle trasformazioni urbane. E quindi appunto non solo inutile, ma addirittura dannoso. In pi in qualche caso la richiesta di partecipazione alle decisioni pubbliche di trasformazione del territorio si manifestava in forme immature e rituali, non efficaci. Ma riconosciuto tutto questo, non si mette in luce per quello che il limite principale dellatteggiamento che privilegia il silenzio dei decisori pubblici. E il limite sta nel modo di considerare i progetti pubblici, i piani. Questi vengono considerati solo in base alla presunta cogenza tecnico-normativa delle trasformazioni che sono in grado di indurre. Trascurano il dato di fondo costituito dallessere i piani e i progetti pubblici un evento culturale. Cio un evento che potrebbe esprimere la capacit di trasformare anche le culture degli attori che producono la citt e il territorio. Che la differenza fondamentale tra un piano prescrittivo, redatto senza la collaborazione strutturale del pubblico (lo Stato prescrive, la societ attua), e un piano strategico che si fonda intrinsecamente su questa collaborazione. Ma evidente che in questo modo, nella discussione, si offre al pubblico anche la possibilit di entrare nel merito del costi e benefici degli interventi: costi per chi, benefici per chi, e in che misura. E per restare stretti alle vicende di casa nostra questo contribuisce a spiegare i motivi dello stallo della Citt metropolitana di Napoli. Lincapacit ad affrontare i rischi del dibattito pubblico (dalla formazione delle zone omogenee al piano strategico) porta alla scelta del silenzio, che finisce per trasformarsi in inattivit. Certo, non si tratta di affidarsi a procedure improvvisate, si tratta di mettere in campo modalit che vanno accuratamente preparate e gestite tecnicamente e politicamente, ma se aggirate finiscono inevitabilmente per produrre esiti negativi. Comunque la richiesta del silenzio inaccettabile, richiama il noli turbare circulos meos della leggenda su Archimede e il soldato romano, con le nefaste conseguenze tramandate.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news