LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA- Mose, chiesti 27 anni per le tangenti, stangata per Matteoli
Sabrina Tom
www.eddyburg.it, 30/06/2017

Processo veloce. Le divergenze con le difese sono nell'ultimo anello: in sostanza i fondi neri c'erano, ma nessuno degli imputati ammette di averli presi. la Nuova Venezia, 30 giugno 2017 (m.p.r.)


Venezia. La pena pi pesante per l'ex ministro An alle Infrastrutture Altero Matteoli: 6 anni. E poi: 5 per l'imprenditore romano Erasmo Cinque, 4 per l'ex presidente del Magistrato alle Acque Maria Giovanna Piva, 3 per l'imprenditore Nicola Falconi, 2 anni e 6 mesi per l'architetto Danilo Turato, 2 anni e 4 mesi per l'ex presidente di Adria Infrastrutture Corrado Crialese, 2 anni e 3 mesi e 1 milione di multa per l'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, 2 anni e 500 mila euro di multa per l'ex europarlamentare di Forza Italia Lia Sartori. Inoltre: la confisca dello stipendio e delle somme dei collaudi per Piva; del profitto di 33 milioni 960 mila euro oltre alle somme ricevute per Matteoli e Cinque. Queste le richieste di condanna della Procura di Venezia - 27 anni e 1 mese complessivamente per 8 imputati accusati a vario titolo di corruzione e finanziamento illecito - dopo cinque ore di requisitoria nell'ambito del processo per le tangenti del Mose. Si tratta di fatti gravi perch hanno riguardato una delle opere pubbliche pi importanti del nostro Paese e gli episodi sono durati anni, ha spiegato il pm Stefano Ancilotto, Nel conteggio si tenuto conto dei fatti e delle pene di chi ha patteggiato.

Processo veloce.
Ancilotto ha esordito con un ringraziamento al presidente Stefano Manduzio e alle difese per l'equilibrio e la velocit del processo scongiurando cos i rischi prescrizione. Tutto stato scandagliato, ha aggiunto il pm Stefano Buccini, nessun fantasma aleggia sul processo, nulla rimasto incompiuto. A garantire la velocit ha sottolineato Ancilotto entrando nel merito delle accuse, la presenza di alcuni punti fermi. Punti fermi che costituiscono l'impianto del "sistema Mose", durato 10 anni. Si tratta delle frodi fiscali, dei fondi neri alimentati dalle aziende del Consorzio Venezia Nuova, della rete di relazioni del presidente del Cvn Giovanni Mazzacurati sia con i politici locali che con quelli nazionali e dai fatti di grave corruzione che hanno riguardato destra e sinistra, potere centrale e locale. Le divergenze con le difese sono nell'ultimo anello, ha sottolineato Ancilotto: in sostanza i fondi neri c'erano, ma nessuno degli imputati ammette di averli presi.

L'attendibilita degli accusatori.
Ad accusare sono in molti, tutti ritenuti attendibili dalla Procura. La collaborazione frutto non di pentimenti, ma di un interesse processuale, ha messo le mani avanti Ancilotto, vi una ricostruzione da parte di persone che arrivavano da mondi diversi e che erano portatori di interessi diversi. Eppure si sono trovate d'accordo nel ricostruire un sistema univoco.

Il sistema e il suo padrone.
Al centro del "sistema Mose" c'era il presidente Mazzacurati, padrone assoluto del Consorzio Venezia Nuova che grazie all'attivit di corruttela si assicurato un flusso di denaro continuo, l'assenza di controlli e di opposizione al progetto, ha affermato Ancilotto. La "filosofia" di Mazzacurati stata cos riassunta dal pm: corrompo a livello nazionale e locale perch non si sa come cambieranno le maggioranze politiche, mentre l'opera rimane. L'ingegnere per la Procura perfettamente attendibile quando bel 2013 rende i suoi interrogatori. E decide di collaborare perch capisce che finita un'epoca, ancora una volta arrivato prima degli altri. Le rivelazioni che fa non sono dettate dall'astio: Fa fatica a usare il termine di mazzetta, tutt'al pi parla di oliare il meccanismo, ha sostenuto il pm, questo non l' atteggiamento di chi vuole ferire. La sua, secondo la Procura, un'attendibilit intrinseca ed estrinseca visti i patteggiamenti che ci sono stati.

Le pene pi pesanti per Matteoli e Cinque.
La richiesta pi severa della Procura per l'ex ministro Altero Matteoli che, secondo l'accusa, subordin la concessione dei fondi per le bonifiche di Porto Marghera al fatto che nel Consorzio entrasse la Socostramo, societ del suo compagno di partito Erasmo Cinque al quale Matteoli era completamente soggiogato, ha detto Ancilotto. E ancora: Il ministro era totalmente asservito agli interessi del Cvn. Lo dimostrerebbe in particolare la lettera con la quale autorizzava l'affidamento diretto dei lavori per la bonifica di Porto Marghera (anzich procedere con gara), rispondendo a una lettera di chiarimenti di Piva che aveva dubbi su come assegnare i fondi ottenuti dalla transazione Montedison (vers i soldi per l'inquinamento causato). Con questa autorizzazione il ministro "si sporca le mani", ha detto Ancilotto, E la condotta del ministro va oltre: sollecita fondi a Tremonti e a Berlusconi.

Maxi risarcimento.
Otto milioni di euro, uno per ogni imputato, la somma a titolo di risarcimento chiesta dall'Avvocatura di Stato, parte civile, avvocato Simone Cardin, per grave danno d'immagine, danno alla collettivit e danno da sviamento. Si tratta della provvisionale, quindi della somma da versare subito: quella complessiva andr quantificata dal tribunale.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news