LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia in piazza scuote Firenze
Giulio Gori
Corriere Fiorentino 4/7/2017

Nardella: difficile limitare lingresso dei turisti in centro, ma cercheremo di portarli fuori

I veneziani scendono in piazza contro i turisti. Migliaia di residenti manifestano al grido io non vado via, contro linvasione che trasforma gli appartamenti in bed & breakfast, i negozi essenziali per gli abitanti in esposizioni di paccottiglia, e che fa impennare i prezzi. Firenze non (ancora) Venezia, ma quel che sta accadendo nei 5 chilometri quadrati del centro Unesco ricorda da vicino le dinamiche del capoluogo veneto. Come evitare, quindi, che anche i fiorentini si trovino costretti a fare muro contro muro contro un turismo che, se ben governato, resta una grande opportunit?
Lassalto

Il dibattito iniziato (segno che la portata del problema stata compresa), qualche idea c gi, i risultati no. I numeri del turismo parlano di unimpennata negli ultimi 10 anni. I pernottamenti sono aumentati di quasi 2 milioni e mezzo di unit: se nel 2006 erano stati poco meno di 7 milioni e 100 mila, nel 2016 hanno superato i 9 milioni e 400 mila. I musei riflettono queste tendenze: 18 mila i biglietti staccati agli Uffizi nel ponte del Primo Maggio, 14 mila a Boboli. Proprio ieri, il sindaco Dario Nardella ha lanciato lidea di applicare ai biglietti gli algoritmi delle compagnie aeree: aumentare i prezzi nelle ore e nei giorni di boom e abbassarli nei momenti vuoti. Ma il mantra di Palazzo Vecchio decentrare non limitare come vorrebbero fare a Venezia: Firenze molto diversa: qua diventa difficile vietare il transito alle persone in certe aree pubbliche del centro, rischieremmo di far confusione tra lavoratori, residenti, visitatori. E allora il Comune pensa a biglietti agevolati per sostenere i musei minori e fuori dal centro e a un servizio navetta di Ataf per portare i turisti al Piazzale, a San Miniato al Monte, villa Bardini e al Forte Belvedere. Partir nelle prossime settimane e durer fino alla fine dellestate.
I residenti

Per i residenti, il problema della pressione turistica si traduce anzitutto nella trasformazione del commercio. Spariscono le botteghe e il centro si trasforma in un mangificio. I dati della Camera di commercio sulle licenze (che fotografano quante e quali tipi di attivit siano state aperte e chiuse in centro dal 2009 al 2017) parlano chiaro: 807 ristoranti aperti a fronte di 241 chiusi; 444 bar aperti contro 183 chiusi; 246 negozi di calzature e pelle aperti contro 119 chiusi. Al contrario il centro ha perso 20 tra edicole e cartolerie, e il saldo negativo (-8) c anche per i negozi di prodotti tessili. Stesse tendenze nel settore della (piccola) industria: addio a 20 aziende di fabbricazione mobili, a 7 industrie del legno e a 13 del settore metalli.

Salvare Firenze prioritario. La libert dimpresa viene dopo, ha detto al Corriere Fiorentino il presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi. Confesercenti ha lanciato una sua ricetta, anche a costo di limitare gli incassi dei propri associati: il punto chiave la richiesta di reinvestire tutti i proventi della tassa di soggiorno a sostegno delle botteghe. Per i residenti mancano anche i posti auto: ad oggi, secondo Confesercenti, nella Ztl ci sono 6 mila parcheggi a fronte di 18 mila permessi. Eppure negli ultimi anni (il caso eclatante piazza del Carmine) gli spazi per i residenti si sono ridotti. Il turismo preme, i fiorentini se ne vanno dal centro. A farlo sono 800 residenti allanno.
La rendita

Ma se il turismo preme, i fiorentini ne approfittano. Firenze la seconda citt dEuropa, dopo Parigi, per numero di Airbnb rispetto alla popolazione (il dato riguarda solo gli appartamenti convenzionati con quello specifico sito web, comunque il pi popolare). Limpennata impressionante: erano 1.500 nel 2013, sono 8.400 oggi. E la distribuzione non omogenea: sono quasi tutti concentrati nellarea Unesco (quasi 6.000), dove una casa su sei destinata ai turisti. Nel 2016, in centro sono aumentate del 20% per cento le compravendite di immobili rispetto al 2015: i fiorentini comprano per affittare. Firenze non (ancora) Venezia. Nel capoluogo veneto le presenze (o meglio, il totale delle notti pernottate) hanno sfondato il muro dei 10 milioni allanno a fronte dei 51 mila abitanti delle isole del centro. Firenze ferma a 9 milioni e 400 mila, con 67 mila residenti nellarea Unesco. Non sar Venezia, dove la maggior parte dei turisti non si ferma neppure una notte, ma senza una scossa rischia di raggiungerla presto.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news