LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALVIAMO IL MUSEO NAZIONALE D’ARTE ORIENTALE DI PALAZZO BRANCACCIO DALLA CHIUSURA!

Ancora una volta il Governo italiano penalizza la cultura e l’arte perpetrando l’ennesimo delitto ai danni del patrimonio artistico del Paese.

Infatti, il Ministero dei Beni Culturali vuole chiudere il Museo Nazionale d'Arte Orientale istituito nel 1957 nella sede - situata nel cuore della città di Roma - di Palazzo Brancaccio, che custodisce la più importante raccolta di arte orientale italiana. Negli anni ‘90 i lavori per la messa a norma dell'edificio, che sono costati circa 2 miliardi, hanno riportato alla luce affreschi e arredi occultati nel tempo e hanno visto il recupero architettonico del palazzo, "bene monumentale" esso stesso e cornice ideale per la collezione orientale.

I circa 4o.ooo oggetti ivi conservati provengono da un'area vastissima che si estende dall'India al Giappone dalla Cina alla Corea, beni di importanza eccezionale nell'ambito nazionale ed europeo sia per il numero che per la qualità e varietà delle opere a cui recentemente si sono aggiunti preziosi reperti provenienti dal Tibet e dal Nepal di inestimabile valore. Nel complesso si tratta di una collezione essenzialmente archeologica che abbraccia un arco di tempo che va dal III millennio a.c. ad oggi: statue di Buddha, Bodhisattva, rilievi dell’arte del Gandhara con gli episodi della vita del Maestro… Tali beni sono strettamente connessi alla storia della ricerca scientifica italiana in Asia nonché alla vita e all'opera di Giuseppe Tucci (1894-1984) l'insigne orientalista noto a livello internazionale i cui eredi hanno donato al Museo l’intera collezione.

Il Ministero dei Beni Culturali (MIbact) invece di promuovere questo patrimonio - che potrebbe essere, se ben gestito e valorizzato, grande fonte di reddito per l’Italia e gli italiani - ha deciso di spostare il Museo dalla sua sede originaria nel cuore del quartiere Esquilino negli spazi inevitabilmente ristretti di altre strutture all’EUR, collocando solo una minima parte della collezione e quindi smembrandola definitivamente.

In qualsiasi altra Nazione questo patrimonio unico sarebbe tutelato e adeguatamente valorizzato con grossi rientri economici, mentre lo Stato Italiano sceglie di non adoperarsi al tal fine, malgrado abbia un numero sproporzionato di dirigenti tra i meglio retribuiti in Europa (basti pensare che un Dirigente di prima fascia percepisce uno stipendio quasi pari a quello del Presidente della Repubblica).

Condividi questo appello per evitare l’ennesimo atto perpetrato contro il patrimonio artistico e culturale del Paese!
Questa petizione sarà consegnata a:

Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Dario Franceschini

https://www.change.org/p/dariofrance-salviamo-il-museo-nazionale-d-arte-orientale-di-palazzo-brancaccio-dalla-chiusura?recruiter=58355989&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive&utm_term=petition_signer_receipt


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news