LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Isolare la citt con la divisione significa museificarla, invece serve azione, come a San Basilio
Martina Zambon
Corriere del Veneto 5/7/2017

VENEZIA. Il paradosso c: la citt si svuota proprio nel momento in cui si riempie, fisicamente, al punto da non riuscire quasi a camminare.

La questione tutta l per Alberto Ferlenga, rettore di Iuav. Non hanno torto i residenti a scandire #minovadovia e, s, il rischio museificazione del centro storico esiste. Anzi, per restare in tema di paradossi, potrebbe essere colpa dellUnesco che si preso particolarmente a cuore la situazione del capoluogo lagunare. Ma andiamo con ordine. Lo svuotamento della citt indubbiamente un fenomeno evidente spiega il rettore - si svuota di funzioni, meno cinema, meno negozi di vicinato, meno chiese aperte. Per, cos facendo, si svuota anche di significati. Eppure una citt complessa, la laguna ne parte integrante cos come lhinterland. Venezia sta perdendo tutto questo perch sta diventando a misura di quel turismo mordi e fuggi che deve ricavarne unimmagine, probabilmente unimmagine da cartolina, in poche ore di visita. Ci che preoccupa la banalizzazione della citt stessa. Si vendono momenti finali mentre invece il centro storico e la laguna sono, per loro natura, da godere secondo un processo fatto di relazioni, storia e persone che ci vivono. Vuoto e pieno. Come lacqua nella teoria dei vasi comunicanti, pi calano gli abitanti e le funzioni a loro connesse, pi si ruba lanima unica di Venezia. un fenomeno che si pu contrastare rilancia Ferlenga come Iuav abbiamo lavorato alla rioccupazione degli spazi con e per gli studenti. Evitiamo di spostare qualsiasi funzione in terraferma, i risultati a San Basilio e Santa Marta ci sono gi. tutto un fiorire di locali e piccoli bar e con larrivo di altri 1000 cafoscarini andr ancora meglio. un processo di rigenerazione evidente. Che le universit, al plurale, possano essere uno degli assi nella manica da giocare convinzione del rettore Iuav col Porto, ad esempio, abbiamo finalmente ritrovato un buon canale di dialogo per evitare che la zona portuale diventi uninfilata di ristorantini, come accaduto ad esempio a Lisbona. L devono continuare a coesistere chi ci vive, chi ci studia e chi ci lavora, deve restare unarea a vocazione produttiva. E per il turismo che preme, che travolge, che stravolge a volte, resta. Il tema la densificazione in pochi punti, la soluzione spalmare i flussi sullarea vasta che arriva fino a Quarto dAltino. No alla Venezia da cartolina, s alla sua storia. Si tratta di un lavoro di pre-alfabetizzazione dei turisti prima che arrivino. Immaginiamo di non sapere, per un momento, che Venezia Venezia. Resterebbe una citt senza auto, vivibile, un unico enorme spazio pubblico, una citt sicura, insomma, un paradiso. Dobbiamo ripartire da qui. Sullipotesi di separare la citt dacqua dalla sua terraferma, Venezia da Mestre, Ferlenga netto il disagio espresso da manifestazioni come quella di domenica comprensibile come forma reattiva, ma per il resto del tutto sbagliato concettualmente. Stiamo discutendo di una struttura complessa che, nel contado prima, e nel tessuto produttivo poi, ha le sue radici. Sarebbe antistorico e sbagliato per un possibile futuro di Venezia. Isoliamola e procederemo alla sua museificazione. Ma come si argina il disagio? Privilegiando le attivit che determinano azione. E non sbagliata lidea del sindaco di puntare su Venezia citt universitaria. Come Boston, Cambridge. E lUnesco? Va bene quando mantiene in vita i luoghi, diventa un rischio quando tende a cristallizzarli.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news